[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Pochi soldi e disorganizzazione

Sanità malata: fino a 330 giorni per avere una visita o un esame diagnostico

<
>
Scorri e leggi la TABELLA DEI TEMPI D'ATTESA  -->
Scorri e leggi la TABELLA DEI TEMPI D'ATTESA -->
Giorni d'attesa per prenotare esami o visite nelle diverse Asl (seguono istruzioni per la lettura)
Giorni d'attesa per prenotare esami o visite nelle diverse Asl (seguono istruzioni per la lettura)

Oltre che sulle vetrine di molti esercizi commerciali, quest’estate il classico annuncio “Chiuso per ferie” è stato esposto idealmente anche all’ingresso di alcuni reparti ospedalieri. È successo nei giorni scorsi all’ospedale Riuniti di Anzio e Nettuno, ma la cosa è stata evitata per tempo al reparto di Medicina all’ospedale S. Sebastiano di Frascati, mentre il rischio persiste anche in altre strutture della Provincia di Latina. Il fatto è avvenuto perché le ferie concesse al personale ospedaliero sono obbligatorie per legge e dopo un certo numero di arretrati non possono essere ulteriormente rinviate. La chiusura in questione ha coinvolto i reparti di chirurgia, ortopedia e otorinolaringoiatria ed è stata causata ufficialmente dall’impossibilità di fornire assistenza ai degenti. E siccome non si poteva più dare questo servizio, i pazienti appena operati si sono visti consegnare fogli di dimissioni dal ricovero, mentre i casi più gravi sono stati trasferiti in altri reparti e in altri ospedali. Coloro che invece erano in lista di attesa per ricevere un intervento dovranno aspettare, se ce la faranno; la normalizzazione del servizio è prevista per la fine di settembre.

La causa specifica di questo caos è stata proprio la notevole richiesta di ferie da parte del personale infermieristico interessato già da mesi da pesanti turni di lavoro. Di conseguenza ai dipendenti che dovevano garantire l’assistenza nei reparti è stato chiesto un ulteriore impegno che evidentemente non erano in grado di garantire ed è stata probabilmente questa la causa che ha determinato a sua volta una forte richiesta di giornate di malattia: in sostanza si sono dati malati coloro che dovevano assistere i pazienti e si è paventata persino l’ipotesi di precettazione del personale. Come risultato si è avuta la sospensione di quello che a tutti gli effetti è un servizio pubblico obbligatorio: le necessità dei pazienti quindi sono state sottomesse alle pur legittime esigenze dei dipendenti.

Come si è arrivati a tutto ciò? Andiamo per ordine distinguendo tra fenomeni sociali e responsabilità politico-amministrative. Quello del sovraccarico di domanda sanitaria, in particolare nelle località di villeggiatura, è un problema che si ripresenta puntualmente ogni estate ed ha delle cause molto precise. La principale consiste nel fatto che i Pronto Soccorso di queste località, dove di fatto la popolazione arriva anche a raddoppiare nel giro di pochi giorni, vengono letteralmente sommersi da richieste classificate con il codice verde, cioè poco urgenti. Buona parte di queste prestazioni, soprattutto per le persone anziane, sono le stesse fornite normalmente dai medici di famiglia: misurazioni della pressione, escoriazioni e ferite lievi, problemi di disidratazione, ecc. Si tratta di un fenomeno sociale incontrollato, ma non incontrollabile: perché ormai quella di andare al Pronto Soccorso in qualsiasi ora del giorno e della notte, anche in presenza di sintomi lievi, è da tutti ritenuta la soluzione più facile da adottare. Automaticamente però i codici verdi, soprattutto nei giorni dei fine settimana, determinano lunghe attese perché c’è sempre la necessità di dare precedenza ai casi più gravi: la conseguenza è che spesso pazienti e personale quasi si consumano i nervi a vicenda per l’esasperazione. Qui termina il fenomeno sociale ed iniziano le responsabilità politico-amministrative.

Mentre alcuni sono sovraccarichi, altri Pronto Soccorso di altre o delle stesse ASL regionali hanno minori necessità di fornire prestazioni e visto che nel sistema sanitario della Regione Lazio, tra strutture pubbliche e convenzionate, lavorano circa 51mila persone, a prescindere dalle esigenze di ferie o meno, non dovrebbe essere così complicato prevedere il potenziamento del personale proprio nelle località di villeggiatura ed in particolare durante i mesi estivi. Ancor meno complicato dovrebbe essere la collocazione di medici altamente qualificati, non di infermieri generici come avviene attualmente in molte strutture, in grado di individuare fin dall’accettazione i casi “non da pronto soccorso” e di conseguenza neanche da ricovero: sballi notturni di ragazzi che hanno solo alzato troppo il gomito, allarmi per problemi cardiaci inesistenti facilmente diagnosticabili, affaticamenti, problemi di pressione e sofferenze generiche determinate dal caldo, dermatiti (non potenziali schock anafilattici) causate da punture di insetti e così via. Insomma, basterebbe un po’ di organizzazione e molti problemi potrebbero essere risolti con poco.

 



[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
27/03 1490648940 Il ragazzo scampato all’incidente mortale: “Sono salvo solo per la cintura”
27/03 1490645820 Danneggia un'auto e scappa, inchiodato dalla Polizia Locale di Anzio
27/03 1490645520 Incidente mortale a Santa Teresa ad Anzio, addio al 18enne Carlo Sannino
27/03 1490631120 Anziana assassinata ad Aprilia, a processo per omicidio il figlio 63enne
27/03 1490629260 Enjoy Castelli Romani Open Day: musei, ville e biblioteche aperte gratuitamente
27/03 1490625480 Quando l'autismo non ferma un campione: Alessandro Marchiella ricevuto in Comune
27/03 1490623380 Latina, protesta di richiedenti asilo sotto la Questura: "Non vogliamo Mohammed"
27/03 1490623320 Il 9 aprile ad Aprilia torna la Sacra rappresentazione della Passione di Cristo
27/03 1490622180 Priverno festeggia la XXI Sagra agroalimentare: degustazioni di prodotti lepini
27/03 1490621880 Giornata del fiocchetto lilla, Latina aderisce con gli eventi del 31 marzo
27/03 1490621220 A Nemi arrivano nuove luci a led, garantita una maggiore efficienza energetica
27/03 1490620560 Apre a Ciampino lo sportello al cittadino per anagrafe, protocollo e istruzione
27/03 1490619480 Unipomezia, Cristiano "il Tir" Roversi si gode la bella vittoria sul Racing Club
27/03 1490617800 Pomezia, alberi sbagliati e potature pericolose: il botanico "boccia" il Comune
27/03 1490616780 Giornate FAI di primavera: 1600 visitatori a Cori nel fine settimana
27/03 1490614740 Onde (elettromagnetiche) su Torvaianica: il litorale delle mille antenne
27/03 1490611440 Castel Gandolfo: aumentati i controlli nel centro storico e sul lungolago
27/03 1490610780 Differenziata nei mercati: in 7 giorni oltre il 70% di rifiuti differenziati
27/03 1490610420 Velletri: scoperto alla guida con documenti falsi su auto con targa bulgara
27/03 1490609760 Torna a aprile la 44esima Pedagnalonga di Borgo Hermada per famiglie e sportivi
27/03 1490607000 Insieme a te non ci sto più, lo spettacolo con Marco Morandi a Rocca di Papa
27/03 1490606760 Il giardino di Ninfa riapre al pubblico per la nuova stagione di fioritura
27/03 1490606580 Ad aprile riaprono i Giardini della Landriana di Ardea, visite guidate al via
27/03 1490606340 Autismo, la sfida dei Castelli Romani: incontro a Palazzo Sforza Cesarini
27/03 1490606220 Teatro al Garda: lo spettacolo Novecento di Baricco in scena ad Anzio