[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Piano rifiuti all’avanguardia. È sparito

Porta a porta progettato... e poi nascosto. Lo strano caso di Latina FOTO

<
>
LATINA - Il palazzo comunale
LATINA - Il palazzo comunale
LATINA - Tipica batteria di cassonetti in strada (foto: buongiornolatina.it)
LATINA - Tipica batteria di cassonetti in strada (foto: buongiornolatina.it)

Perdere posti di lavoro, specie in un periodo di crisi come quello attuale, è sempre una sconfitta per tutti. Ma in questi casi si tratta di una sconfitta ancor più pesante, se paragonata a ciò che sta avvenendo nel resto d’Europa e nelle esperienze più virtuose del nostro Paese, perché è una perdita causata soprattutto da sciatteria, dal malgoverno e dall’ignoranza amministrativa. Parliamo delle ventilate ipotesi di crisi occupazionali per la fine della Latina Ambiente e della chiusura dell’invaso IndEco nella discarica di Borgo Montello-Bainsizza, ma l’esempio potrebbe riguardare tante altre realtà della nostra zona. Con la raccolta differenziata "porta a porta" si possono creare moltissimi posti di lavoro in più rispetto ai vecchi e nocivi sistemi delle discariche e degli inceneritori, anche ad oltre 30 volte in più (come spiega l'articolo qui sotto). Si chiama economia circolare: il ciclo si chiude senza massacrare il territorio e l'economia, rigenerando e riutilizzando di volta in volta le risorse impiegate. Come succede in politica, ma senza quei nefasti esiti. 

PIANO RIFIUTI TENUTO NEI CASSETTI 
Alla luce di queste semplici considerazioni è necessario chiedersi che fine ha fatto il rivoluzionario progetto di raccolta differenziata annunciata dall’ex Sindaco di Latina Giovanni Di Giorgi e dall’allora Vicesindaco, nonché Assessore all’Ambiente Fabrizio Cirilli, circa due anni fa. Un ottimo progetto al quale, tra l’altro, aveva dato piena adesione anche il PD attraverso l’ex Consigliere comunale Giorgio De Marchis. Risulta infatti che nel marzo 2014 l’amministrazione comunale di Latina aveva dato incarico al CONAI (Consorzio Nazionale Imballaggi), che poi a sua volta aveva incaricato la cooperativa piemontese Erica di Alba, di redigere un piano relativo alla raccolta differenziata spinta con il sistema “porta a porta” in tutto il territorio del Comune. Risulta agli atti anche l’incarico conferito alla stessa Coop. Erica per il censimento di tutte le utenze che avrebbe permesso la corretta applicazione della tariffa. Entrambi i documenti sono stati regolarmente consegnati. Il fine di tali studi era quello di raggiungere gli obiettivi fissati dalle normative europee, anche se in ritardo: bisognava arrivare al 65% entro la fine del 2012.

OTTIME INTENZIONI. E POI?
Il nuovo piano andava a sostituire quello predisposto nel 2008 dalla Latina Ambiente, che pur avendo a parole lo stesso obiettivo di raccolta, nella realtà lasciava il riciclaggio ai margini; di fatto si continuava a privilegiare lo smaltimento indifferenziato e il ricorso all’invaso gestito dalla Ecoambiente (partecipata al 51% dalla stessa Latina Ambiente) presso la discarica di Borgo Montello-Bainsizza. Dunque, mentre in altre parti d’Italia, dopo aver raggiunto l’85% di riciclaggio e riuso delle varie componenti dei rifiuti (carta, plastica, metalli, vetro, organico, ecc.), ci si sta ponendo il traguardo del 96,7% entro il 2022, nel capoluogo pontino solo due anni fa l’amministrazione aveva deciso di mettersi in regola con le regole comunitarie. Ma neanche questo è bastato. 

PROGETTO SPARITO. PERCHÉ?
Il progetto è letteralmente sparito, tanto che la Dirigente del Settore Ambiente del Comune, alla vigilia dello scorso Natale, ha prodotto una determina che prevede il conferimento di rifiuti indifferenziati, per tutto il 2016, alla RIDA Ambiente di Aprilia, al prezzo record di complessivi 147,58 euro a tonnellata (quasi 15 centesimi al kg). 
Fatti due calcoli, la percentuale di raccolta differenziata resterebbe così ben al di sotto degli obiettivi di legge anche per tutto l’anno in corso. E pensare che l’anno sco
Tra le forze politiche che si presenteranno alle prossime elezioni amministrative, fino ad oggi una sola compagine, Latina Bene Comune capeggiata da Damiano Coletta, ha elaborato un programma che vuole riprendere il progetto "porta a porta" commissionato dall'amministrazione Di Giorgi e poi sparito. 

LA CITTA' NON PUO' PIU' REGGERE ALTRE PAGLIACCIATE
Le gestione finalmente sana dei rifiuti è un punto cruciale: cosa faranno le altre cordate che si candidano alla guida della città? Non basta più dire di volere la differenziata, il riciclo e bla bla bla. Devono dire come, con un progetto serio. Uno, ad esempio, è proprio quello commissionato dall'ultimo sindaco (e pagato dai cittadini). Il Movimento 5 Stelle è strenuo sostenitore della differenziata e del riciclo. Ma non ha ancora prodotto il proprio programma perché in attesa della certificazione di una lista da parte dei vertici del moVimento, tra le quattro presentate dai relativi Meet-Up presenti a Latina. Sarebbe interessante sapere cosa ne pensano anche gli altri, coloro che avevano annunciato e accolto con entusiasmo la rivoluzione mancata. Se poi ci facessero anche capire perché la raccolta differenziata a Latina, in un modo o nell’altro, è sempre stata boicottata, avremo fatto bingo.

 

Come creare lavoro (sano) con i rifiuti
A parità di costo per gli utenti, per ogni 100mila tonnellate di rifiuti indifferenziati smaltiti in discarica servono al massimo 15 posti di lavoro. Allo stesso tempo, con il combustibile ricavato dalle medesime 100mila tonnellate di spazzatura bruciate in un impianto di incenerimento (non importa se camuffato come termovalorizzatore) si dà lavoro al massimo a 40 persone. Invece per la raccolta differenziata spinta, con il sistema porta a porta, di posti di lavoro ne occorrono almeno 250. In quest’ultimo caso di solito c’è anche un significativo risparmio (circa il 10%) nelle bollette pagate dai contribuenti. Questo è il riscontro ormai consolidato a livello internazionale e nei luoghi più virtuosi in Italia (consorzio Priula in Provincia di Treviso e Comune di Capannori in Toscana) per quanto riguarda l’occupazione diretta, ma il riscontro è ancora più importante per quanto riguarda l’occupazione indiretta: i posti di lavoro complessivi possono arrivare anche a 500. Solo la raccolta differenziata infatti, tra le tre soluzioni indicate, permette di recuperare le preziose risorse in fase di esaurimento a livello mondiale. Questo fattore economico-produttivo è di fondamentale importanza per una economia, come la nostra, che non dispone di materie prime per alimentare i propri cicli produttivi. Identico discorso vale per le risorse energetiche ricavate da fonti fossili. Salvaguardare e rinnovare le fonti energetiche è quindi doppiamente necessario per il nostro sistema produttivo, perché solo il tal modo si preserva e si incrementa l’occupazione, oltre a tutelare l’ambiente. Lo spreco è la principale causa della crisi attualmente in corso e contrastarlo è un atto di civiltà.

 

Gli incentivi della raccolta differenziata spesi per farla fallire
Fin dal 2006 il Comune di Latina ha ottenuto i contributi per implementare e far decollare il riciclaggio dei rifiuti nel suo territorio. I fondi sono stati elargiti dalla Provincia, ma provengono dalla “ecotassa” incamerata dalla Regione Lazio dai gestori degli impianti di smaltimento. La cifra esatta non si conosce, ma sicuramente si tratta di milioni di euro. L’ultima determina reperibile sul sito dell’amministrazione, redatta a maggio dello scorso anno, si riferisce al rendiconto di circa 1,2 milioni di euro per gli anni dal 2009 al 2011. Risultano acquistati con tale cifra anche i cassonetti per la raccolta stradale della frazione organica, che poi sono stati posizionati al fianco di quelli utilizzati per lo smaltimento indifferenziato dei rifiuti. Grazie a tale scelta, risaputamente inefficace da molto tempo, la raccolta differenziata a Latina non è mai andata oltre il 35%.
 


Articoli Correlati:

2017 Nuova bomba sull'ABC di Latina L’appalto rifiuti poteva vincerlo uno solo? La De Vizia Transfer contesta l’iter Nuova bomba sull'ABC, l'Azienda speciale dei rifiuti di Latina. Stavolta, almeno, da fuori palazzo e ...
2017 Cancelli chiusi alla Rida Ambiente Niente raccolta rifiuti indifferenziati in gran parte dei Comuni Oggi non sarà raccolta l'immondizia indifferenziata nei Comuni che conferiscono all'impianto della Rida Ambiente di ...
2016 Latina, servizio ad altra ditta Il Sindaco vuole revocare l'appalto della raccolta rifiuti a Latina Ambiente Il sindaco di Latina, su indicazione degli Assessorati all’Ambiente e al Bilancio, sta valutando un ...
2016 La vita della Spa destinata a allungarsi Latina Ambiente è salva. Entro 60 giorni la proposta di ristrutturazione La società Latina Ambiente è salva. Nella giornata di ieri il Tribunale ha accettato la ...
2016 Soluzioni geniali... ignote al Comune Latina, nuovo sabotaggio del porta a porta. È scontro in Comune Ma chi lo decide quanto, e con quale durata, un’amministrazione comunale debba far pagare ai ...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
20/01 1516471140 Incidente ai Pratoni del Vivaro: auto si cappotta e finisce nei terreni del Coni
20/01 1516470780 A Monteporzio Festa della Polizia Locale dei Castelli, Monti Prenestini e Lepini
20/01 1516470720 Deportivo ad Anzio, la Corte dei Conti dissequestra i beni di Criserà
20/01 1516470240 San Sebastiano, la Polizia locale di Nettuno “cuore e mano della città”
20/01 1516469940 San Sebastiano, la Polizia locale di Anzio “primo riferimento della città”
20/01 1516467120 L'editore de Il Caffè dal Papa: «Santità, Le scrivo ciò che non ho potuto dirle»
20/01 1516461780 Lavoratori senza stipendio, si ferma la raccolta dei rifiuti ad Ardea
20/01 1516460400 Liquami nei garage, il Sindaco di Albano ordina al Campidoglio di fare i lavori
20/01 1516445580 Serie D, Girone A. Un grande Simone Valenza fa volare l'Ardea Calcio a 5
20/01 1516444800 Sulla spiaggia di Nettuno la rievocazione dello sbarco alleato del 1944
20/01 1516443900 Imbrattato il monumento ai caduti, polemiche sui social. La condanna del sindaco
20/01 1516442280 Sesso con una 13enne conosciuta sui social: studente di 26 anni indagato
20/01 1516442160 Terza Divisione, Girone C. Volley Academy Pomezia, l'esordio è da urlo
20/01 1516441320 Elezioni Rsu alla nuova Ompi, il trionfo del sindacato Confail
20/01 1516440840 Storia dell'aeronautica nell'agro pontino: gli incontri al centro anziani
20/01 1516440600 I disabili di Velletri chiedono il ripristino della rampa alla Cattedrale
20/01 1516438440 Nuovo allestimento museale per la Locanda Martorelli di Ariccia
20/01 1516438140 Volano gli stracci (social) nell'amministrazione cinquestelle di Pomezia
20/01 1516436460 Carne congelata lavorata in bagno: i Nas chiudono un negozio di alimentari
20/01 1516436040 Auto a fuoco per la terza volta: il responsabile fugge ma ha un incidente e...
19/01 1516385520 Operaio 50enne muore cadendo da tetto: cordoglio a Cisterna
19/01 1516382040 Con Sergio Castellitto al tribunale di Latina per ricordare il giudice Chinnici
19/01 1516380060 In onda ieri sera il servizio di Striscia la Notizia sui liquami di via Roma
19/01 1516378920 Nonna Peppina compie 102 anni, la festa insieme al Sindaco e ai parenti
19/01 1516376160 Liquami e degrado nelle palazzine di via Roma, i disagi finiscono in tv