[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Ora si farà chiarezza?

"Affittopoli" romana: lo scandalo arriva a Pomezia. Canoni da 7,75 euro al mese FOTO

<
>
Via Federico Fellini: 121 appartamenti "romani". Altri 94 alloggi del Comune di Roma, a Pomezia, si trovano in via Catullo
Via Federico Fellini: 121 appartamenti "romani". Altri 94 alloggi del Comune di Roma, a Pomezia, si trovano in via Catullo
Romani di 'serie B'?
Romani di 'serie B'?

L’indagine su Affittopoli a Roma si allarga e arriva fino a Pomezia, ma anche nel resto della provincia, fino ad Aprilia. Stiamo parlando di case acquistate dal Comune di Roma e date in locazione con affitti che spesso non superano i 7 euro e 75 centesimi al mese. Si tratta di mini appartamenti, è vero, inseriti in contesti non certo di pregio, ma comunque sono cifre irrisorie, soprattutto per la Capitale, che si trova ad affrontare un buco finanziario – per quanto riguarda gli alloggi popolari – stimato in 100 milioni di euro l'anno. E così il Comune di Roma non ha i soldi nemmeno per effettuare la manutenzione di quegli alloggi: in realtà si è proprio dimenticato di questi cittadini, come se fossero di ‘serie B’.

UNA STORIA CHE PARTE DA LONTANO
La storia è cominciata addirittura negli anni ‘90, quando, Sindaco Rutelli, a Roma c’era un enorme problema dovuto alle tante famiglie in emergenza abitativa, cioè senza casa, e all’alto costo di case nella Capitale. Questa ‘grana’ aveva portato i brillanti amministratori capitolini alla altrettanto brillante idea di acquistare case in provincia, dove costavano molto meno, e farci "emigrare" quelle famiglie indigenti. Tutto questo naturalmente senza nemmeno avvertire i Comuni che nel proprio territorio sarebbero piovute una rilevante quantità di persone bisognose di assistenza.
 
BISOGNOSI E DIMENTICATI
Rutelli, Veltroni, Alemanno, Marino... i Sindaci si sono succeduti al Campidoglio, ma il problema non l’ha voluto mai nessuno affrontare davvero.
Li hanno parcheggiati lì, facendo tra l’altro ricadere tutti gli oneri sui Comuni dove sono ospitati. Il concentramento poi di tante famiglie con difficoltà economiche e sociali ha creato dei veri e propri ghetti, dove diventa anche difficile far rispettare la legalità e le prime ad essere danneggiate sono proprio le famiglie oneste che abitano in questi appartamenti. In alcuni casi, sono stati accertati anche allacci abusivi alla rete elettrica condominiale, così che la ‘furbizia’ di pochi ricade poi sulle tasche di tutti. E con Roma sempre più latitante, per ridare la luce alle case sono dovuti intervenire in soccorso i Comuni che ospitano questi romani dimenticati. In altri casi, gli assegnatari di un alloggio popolare hanno subaffittato oppure hanno lasciato l'appartamento, che poi è stato a sua volta occupato abusivamente. 
Molti romani in trasferta hanno poi deciso di prendere la residenza ufficiale nel Comune dove sono ospitiati e questo ha appesantito anche gli oneri a carico dei servizi sociali locali. Anche in questo caso Roma si è resa latitante.  

CI VOLEVA IL COMMISSARIO
Ora sembra che, finalmente, qualcuno metta mano a questa situazione insostenibile. Immensa la mole di lavoro per i tecnici del commissario straordinario del Comune di Roma, Francesco Paolo Tronca, che, con due task force, tenterà di stanare il patrimonio non censito. «Questa volta dobbiamo andare fino in fondo - è la sfida del commissario che ha preso questa partita davvero seriamente -. Perché — spiega Tronca — lo dobbiamo ai romani e ai dipendenti dell’amministrazione: dobbiamo far vedere che certe cose si possono fare se si vogliono fare. Sono stupito — continua il prefetto — del fatto che non ci fosse neanche un censimento completo degli immobili. Ora — assicura Tronca — gli accertamenti saranno velocissimi». Si cercherà di scovare eventuali abusivi o privilegiati, ma anche i morosi, che, nonostante canoni irrisori, non hanno pagato nemmeno quelli. Tutte le verifiche del caso sono state affidate alla Guardia di Finanza. Terminato il maxi-censimento, la Corte dei Conti si troverà a dover calcolare il danno patito dalle casse del Comune per la pessima gestione del suo sterminato tesoro immobiliare. A rischiare di più sono soprattutto i dirigenti del Comune di Roma, cioè coloro che avevano la responsabilità di gestire emergenza sociale e patrimonio: ora rischiano di finire davanti ad un giudice e perdere il posto. Naturalmente se la scampano i politici, cioè gli ideologi di questo scandalo.

 

A Pomezia affitti da 7,75 fino a 1.302 €
Gli appartamenti di proprietà del Comune di Roma situati nel territorio del comune di Pomezia sono ben 215. Sono localizzati in strade piuttosto centrali: 121 appartamenti sono in Via Federico Fellini, mentre gli altri 94 sono in Via Catullo. Gli importi degli affitti abbracciano un’ampia forbice: 74 famiglie pagano 7,75 euro al mese. Quelle che pagano sotto i 50 euro sono 113. Altre 31 famiglie corrispondono un canone mesile compreso tra i 50 e i 100 euro; 49 famiglie tra i 100 e i 300 euro; 10 famiglie tra i 300 e i 500, altre 10 tra i 500 e i 1.000. Piuttosto cari gli affitti di 2 appartamenti in via Federico Fellini, dove viene imputato un canone di 1.056 e 1.302 euro al mese. Naturalmente le statistiche non tengono conto dei metri quadri degli appartamenti, né tantomeno specificano chi poi abbia pagato regolarmente e chi sia moroso.
 


Articoli Correlati:

2015 Secondo incontro con i sindacati Pomezia, la proposta: canone concordato degli affitti per le riduzioni IUC E’ previsto per il prossimo 23 giugno l’incontro tra l’Amministrazione comunale di Pomezia e le ...
2015 Bisogna interrogarsi sui motivi 200 € per affittare casa ad Ardea, a Pomezia il doppio. Un segnale da cogliere La periferia di Ardea è la zona più economica per quanto riguarda gli affitti. E' ...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
23/07 1500834300 Il Ministro all’Istruzione Fedeli a cena sul Molo Innocenziano con la scorta
23/07 1500833220 Festa di Santa Apollonia, successo di pubblico per Fausto Leali e Nick Luciani
23/07 1500832920 Anziano colto da malore in spiaggia perde la vita: tragedia a San Felice Circeo
23/07 1500831660 Nuova Florida senz'acqua a causa di un guasto, rubinetti a secco
23/07 1500831420 Arrestato ladro in bicicletta, aveva rubato gruppo elettrogeno ad una bancarella
23/07 1500830700 Tragedia sulla Monti Lepini, nel drammatico scontro muoiono un uomo e suo figlio
23/07 1500817740 Incendio sull'Ardeatina: bruciano ettari di terreno e campi di sterpaglie
23/07 1500817260 Incidente sull'Appia tra due furgoni: uno si ribalta. Tre feriti in ospedale
23/07 1500811200 #Mainagioia? L’hashtag più famoso d'Italia è nato a Latina
23/07 1500808980 68enne alla guida del motociclo ubriaco: denunciato dai Carabinieri
23/07 1500808380 Volontari a lavoro per spegnere le fiamme di Castelfusano e Nettuno
23/07 1500797340 Crollo di pezzi dal campanile del Duomo Vecchio, evacuata una palazzina
23/07 1500797340 Albero cade sulla strada e e invade metà corsia: arrivano i Vigili del Fuoco
23/07 1500796200 Boom di incendi nel Lazio. Tra boss, cemento ed Enti distratti
23/07 1500794940 Incidente sulla Pontina, padre e figlio feriti. 11enne in eliambulanza
23/07 1500789600 Magistrale in ingegneria agroalimentare e triennale in chimica a Latina
22/07 1500759720 Tentato furto di un parcometro a Nettuno, l’Npm salva macchinario e incasso
22/07 1500745560 Si allontana dai genitori in spiaggia: ritrovata a un km di distanza
22/07 1500736800 Gino Paoli e Danilo Rea, concerto "magico" al campo Coni di Latina
22/07 1500735900 Ancora una giornata di incendi ai Castelli: tre incendi a Lariano
22/07 1500734100 Litiga col vicino, prova a incendiargli il portone e aggredisce i Carabinieri
22/07 1500725640 Serie D. Eagles Aprilia, Morgia a Abate pronti a ripartire
22/07 1500718740 Arrestati i tre giovanissimi presunti autori di una rapina alle autolinee
22/07 1500718260 Bagarre in Consiglio comunale a Marino, la minoranza lascia l’aula
22/07 1500712920 Bimba persa e ritrovata a Nettuno, informativa in Procura per i genitori