[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Ora si farà chiarezza?

"Affittopoli" romana: lo scandalo arriva a Pomezia. Canoni da 7,75 euro al mese FOTO

<
>
Via Federico Fellini: 121 appartamenti "romani". Altri 94 alloggi del Comune di Roma, a Pomezia, si trovano in via Catullo
Via Federico Fellini: 121 appartamenti "romani". Altri 94 alloggi del Comune di Roma, a Pomezia, si trovano in via Catullo
Romani di 'serie B'?
Romani di 'serie B'?

L’indagine su Affittopoli a Roma si allarga e arriva fino a Pomezia, ma anche nel resto della provincia, fino ad Aprilia. Stiamo parlando di case acquistate dal Comune di Roma e date in locazione con affitti che spesso non superano i 7 euro e 75 centesimi al mese. Si tratta di mini appartamenti, è vero, inseriti in contesti non certo di pregio, ma comunque sono cifre irrisorie, soprattutto per la Capitale, che si trova ad affrontare un buco finanziario – per quanto riguarda gli alloggi popolari – stimato in 100 milioni di euro l'anno. E così il Comune di Roma non ha i soldi nemmeno per effettuare la manutenzione di quegli alloggi: in realtà si è proprio dimenticato di questi cittadini, come se fossero di ‘serie B’.

UNA STORIA CHE PARTE DA LONTANO
La storia è cominciata addirittura negli anni ‘90, quando, Sindaco Rutelli, a Roma c’era un enorme problema dovuto alle tante famiglie in emergenza abitativa, cioè senza casa, e all’alto costo di case nella Capitale. Questa ‘grana’ aveva portato i brillanti amministratori capitolini alla altrettanto brillante idea di acquistare case in provincia, dove costavano molto meno, e farci "emigrare" quelle famiglie indigenti. Tutto questo naturalmente senza nemmeno avvertire i Comuni che nel proprio territorio sarebbero piovute una rilevante quantità di persone bisognose di assistenza.
 
BISOGNOSI E DIMENTICATI
Rutelli, Veltroni, Alemanno, Marino... i Sindaci si sono succeduti al Campidoglio, ma il problema non l’ha voluto mai nessuno affrontare davvero.
Li hanno parcheggiati lì, facendo tra l’altro ricadere tutti gli oneri sui Comuni dove sono ospitati. Il concentramento poi di tante famiglie con difficoltà economiche e sociali ha creato dei veri e propri ghetti, dove diventa anche difficile far rispettare la legalità e le prime ad essere danneggiate sono proprio le famiglie oneste che abitano in questi appartamenti. In alcuni casi, sono stati accertati anche allacci abusivi alla rete elettrica condominiale, così che la ‘furbizia’ di pochi ricade poi sulle tasche di tutti. E con Roma sempre più latitante, per ridare la luce alle case sono dovuti intervenire in soccorso i Comuni che ospitano questi romani dimenticati. In altri casi, gli assegnatari di un alloggio popolare hanno subaffittato oppure hanno lasciato l'appartamento, che poi è stato a sua volta occupato abusivamente. 
Molti romani in trasferta hanno poi deciso di prendere la residenza ufficiale nel Comune dove sono ospitiati e questo ha appesantito anche gli oneri a carico dei servizi sociali locali. Anche in questo caso Roma si è resa latitante.  

CI VOLEVA IL COMMISSARIO
Ora sembra che, finalmente, qualcuno metta mano a questa situazione insostenibile. Immensa la mole di lavoro per i tecnici del commissario straordinario del Comune di Roma, Francesco Paolo Tronca, che, con due task force, tenterà di stanare il patrimonio non censito. «Questa volta dobbiamo andare fino in fondo - è la sfida del commissario che ha preso questa partita davvero seriamente -. Perché — spiega Tronca — lo dobbiamo ai romani e ai dipendenti dell’amministrazione: dobbiamo far vedere che certe cose si possono fare se si vogliono fare. Sono stupito — continua il prefetto — del fatto che non ci fosse neanche un censimento completo degli immobili. Ora — assicura Tronca — gli accertamenti saranno velocissimi». Si cercherà di scovare eventuali abusivi o privilegiati, ma anche i morosi, che, nonostante canoni irrisori, non hanno pagato nemmeno quelli. Tutte le verifiche del caso sono state affidate alla Guardia di Finanza. Terminato il maxi-censimento, la Corte dei Conti si troverà a dover calcolare il danno patito dalle casse del Comune per la pessima gestione del suo sterminato tesoro immobiliare. A rischiare di più sono soprattutto i dirigenti del Comune di Roma, cioè coloro che avevano la responsabilità di gestire emergenza sociale e patrimonio: ora rischiano di finire davanti ad un giudice e perdere il posto. Naturalmente se la scampano i politici, cioè gli ideologi di questo scandalo.

 

A Pomezia affitti da 7,75 fino a 1.302 €
Gli appartamenti di proprietà del Comune di Roma situati nel territorio del comune di Pomezia sono ben 215. Sono localizzati in strade piuttosto centrali: 121 appartamenti sono in Via Federico Fellini, mentre gli altri 94 sono in Via Catullo. Gli importi degli affitti abbracciano un’ampia forbice: 74 famiglie pagano 7,75 euro al mese. Quelle che pagano sotto i 50 euro sono 113. Altre 31 famiglie corrispondono un canone mesile compreso tra i 50 e i 100 euro; 49 famiglie tra i 100 e i 300 euro; 10 famiglie tra i 300 e i 500, altre 10 tra i 500 e i 1.000. Piuttosto cari gli affitti di 2 appartamenti in via Federico Fellini, dove viene imputato un canone di 1.056 e 1.302 euro al mese. Naturalmente le statistiche non tengono conto dei metri quadri degli appartamenti, né tantomeno specificano chi poi abbia pagato regolarmente e chi sia moroso.
 


Articoli Correlati:

2015 Secondo incontro con i sindacati Pomezia, la proposta: canone concordato degli affitti per le riduzioni IUC E’ previsto per il prossimo 23 giugno l’incontro tra l’Amministrazione comunale di Pomezia e le ...
2015 Bisogna interrogarsi sui motivi 200 € per affittare casa ad Ardea, a Pomezia il doppio. Un segnale da cogliere La periferia di Ardea è la zona più economica per quanto riguarda gli affitti. E' ...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
21:57 1488056220 Il Latina è ancora vivo: passa a Terni (0-1) e incamera tre punti d'oro
21:19 1488053940 Ruba cassetta di funghi a Nettuno, arrestato dalla polizia per precedenti reati
21:16 1488053760 Spaccia e aggredisce la figlia, pregiudicato di Anzio arrestato dalla Polizia
20:10 1488049800 Incinta al 7^ mese esce fuori strada sull'Appia: estratta dai pompieri
19:29 1488047340 Aprilia-Spagna: scambio culturale al Meucci
19:29 1488047340 Il comunismo 2.0 pronto a tornare in pista alle prossime elezioni di Anzio
19:28 1488047280 Malato dopo la missione di pace in Kosovo: ex militare chiede 2,7 milioni
15:47 1488034020 Le Salzare diventata discarica: a fuoco l'immondizia pronta ad essere rimossa
15:24 1488032640 Riconoscono pregiudicato, lo avvicinano e lo perquisiscono: aveva droga in tasca
15:18 1488032280 Magazzino abusivo a servizio del supermercato, denunciato 46enne a Terracina
14:00 1488027600 Quei 18 milioni di euro in bilico per le periferie di Latina
13:19 1488025140 Tanti al volante dopo aver assunto droghe: sorprese dai controlli sulle strade
12:42 1488022920 Maxi milionario per una trasfusione "infetta" all'ospedale Goretti del 1978
12:32 1488022320 Università agraria di Nettuno, nomine e prime schermaglie in consiglio
12:31 1488022260 Edilizia spontanea, l'incontro di Equi Diritti con il Sindaco di Lanuvio
12:07 1488020820 Latina, attività commerciali al setaccio: una su cinque non in regola
10:21 1488014460 Revocata dalla Corte d'Appello di Catanzaro la confisca di un immobile ad Ardea
09:43 1488012180 Genzano, in migliaia al Carnevale. Riservati i posti auto per disabili
09:30 1488011400 I Sindacati tuonano contro il Comune di Nettuno: "situazione di paralisi"
09:05 1488009900 Dipendente comunale in coma a causa della meningite
08:53 1488009180 Accoltellamento ad Aprilia, 19enne arrestato si difende: il coltello non era mio
08:22 1488007320 I “colossi” dichiarano guerra al Comune di Aprilia contro la "tassa sull'ombra"
08:20 1488007200 Caccia alle vecchie discariche da bonificare sul territorio di Aprilia
24/02 1487955660 Accusato di tentato omicidio cambia nome e si nasconde in provincia: arrestato
24/02 1487955420 Circolazione ferroviaria tra Roma e Latina sospesa per un treno in panne