[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Acqua pubblica alla riscossa

Acqualatina: passa il bilancio, ma i Comuni dichiarano guerra al socio privato

È passato con il 60,79% il bilancio di Acqualatina grazie al voto favorevole del socio privato e dei Comuni Fondi, Sperlonga, Gaeta, Anzio, Giuliano di Roma, Monte San Biagio, Rocca Massima e Vallecorsa, tutti comuni retti da Forza Italia o liste a lei riconducibili. Si è consumata così la definitiva spaccatura tra i Comuni del territorio dove opera Acqualatina e il socio privato, che ormai ha solo l'appoggio dei figli politici di Fazzone e Cusani, ovvero coloro che permisero la creazione e l'approvazione di questa società di gestione dell'acqua pubblica, tanto contestata dai cittadini e coinvolta anche in numerose inchieste.

I Comuni come Latina, Terracina, Cisterna, Nettuno e altri minori sono dovuti uscire dall'aula al momento del voto. Questo perché gli stessi Comuni sono sotto scacco da parte di Depfa Bank che potrebbe applicare il cosiddetto "pegno sulle azioni" in caso di un "comportamento rilevante". In parole semplici: se i Comuni non si presentavano alla costituzione dell'assemblea o se votavano contro il bilancio sarebbe scattata una clausola capestro che avrebbe fatto piovere gli avvocati della banca tedesca nell'assemblea di Acqualatina, praticamente con potere illimitato su tutte le decisioni, come ad esempio quella delle tariffe da applicare.
Ricordiamo che la clausola capestro fu approvata solo dai Comuni dove governava Forza Italia, il partito di Fazzone e Cusani, appunto.

In pratica in questo momento è dunque venuto meno il principio secondo cui la maggioranza delle quote della società di gestione dell'acqua debba essere in mano ai soci pubblici, ovvero ai Comuni. Tralasciando anche il comportamento 'da zerbini' dei sindaci forzaitalioti, la clausola di pegno comporta che il potere decisionale in questo momento in Acqualatina non ce l'hanno i Comuni, ma Idrolatina (il socio privato) e la Depfa Bank, che inseme controllano il 70% delle quote. 

Raimondo Besson, amministratore delegato di Acqualatina, gioisce alla notizia dell'approvazione del bilancio di Acqualatina, mentre, dopo decenni di gestione, molti cittadini non hanno l'acqua, le perdite sono a livelli record, superiori a quelle registrate nei paesi del terzo mondo, una banca tedesca incombe sulle bollette degli utenti che subiranno probabilmente l'ennesimo enorme aumento. 

Il socio privato inoltre non ha permesso la discussione degli altri punti all'ordine del giorno, lasciando l'assemblea. In pratica una dichiarazione di guerra che sicuramente porterà la disputa tra le due parti anche in tribunale.

Si parla già di coinvolgere l'avvocato Alberto Lucarelli, uno degli autori dei testi referendari sull'Acqua pubblica, nonché principale attore della restituzione ai cittadini di Napoli della gestione della propria acqua.



Articoli Correlati:

11/06 Bilancio fortemente in utile, ma... Acqualatina: casse piene, rubinetti a secco. Si disperde il 70% dell'acqua Casse piene con un portentoso utile di esercizio dell’anno 2016 - il quarto consecutivo ottenuto ...
2016 Ad un costo di 22 milioni di euro Acea acquista le quote di Idrolatina, socio privato di Acqualatina Nell'ambito della strategia di crescita del Gruppo Acea che prevede, tra l'altro, il consolidamento della ...
2016 Il giallo Acqualatina, così espropriarono i Comuni. Le carte nascoste del mutuo Depfa Bank Riportare in mani totalmente pubbliche il servizio idrico attualmente gestito da Acqualatina sarà una fatica ...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
13:05 1505819100 Ad Ardea un caso di Chikungunya: questa mattina iniziata la disinfestazione
12:56 1505818560 Processo Albafor, il Sindaco di Albano oggi in udienza davanti ai giudici
12:49 1505818140 Ladro di abiti di lusso scappa in mezzo ai campi ma i carabinieri lo arrestano
12:41 1505817660 Istituita l'isola ecologica a Fontana di Papa, a due passi dalla Nettunense
11:33 1505813580 Giri lascia la presidenza della commissione trasporti: «Impegni lavorativi»
11:09 1505812140 Cancelli anti-degrado nella cattedrale San Marco di Latina
10:00 1505808000 Stazione Pomezia, sindaco: «Non è vero che io e Corrado siamo rimasti immobili»
09:47 1505807220 Un pontino alla guida dell’Associazione Nazionale Amministratori Immobiliari
09:42 1505806920 400 firme per chiedere un'ordinanza per la chiusura della Sep di Pontinia
09:42 1505806920 Maltempo, Coldiretti: Nel Lazio +222% di pioggia, non fa bene all'agricoltura
09:32 1505806320 Tornano i posti disabili in piazza San Clemente. Adesso manca solo la rampa
08:50 1505803800 23enne pestata a morte, svolta nelle indagini: arrestati la zia e il cognato
07:46 1505799960 Scontro frontale su via dei Rutuli tra due auto: tre feriti
07:39 1505799540 Scontro tra autobus e camion sull'autostrada A1, muore conducente pontino
18/09 1505764680 Approda ad Anzio lo yatch extra lusso Electa, mistero sui passeggeri a bordo
18/09 1505754540 Droga dalla Colombia ad Aprilia e Latina, latitanza finita per un 22enne
18/09 1505753580 Scontro tra due auto all'incrocio, tra i cinque feriti anche due minori
18/09 1505752140 Scuola Toscanini, la protesta dei genitori: "Vogliamo rassicurazioni ufficiali"
18/09 1505746260 Addio ad Arnaldo Serra, ex Sindaco di Nettuno nel cuore dei cittadini
18/09 1505746140 Vertice in Regione per la Chikungunya, Anzio “pizzica” ancora il Comune di Roma
18/09 1505743800 Allenamento "urbano" a Pomezia per comprare un'ambulanza alla Croce Rossa
18/09 1505741040 Rifiuti, fondi regionali… per pochi intimi. E si insiste con gli inceneritori
18/09 1505739360 Campo di calcio Selva dei Pini, Comune: «Società ci giocava abusivamente»
18/09 1505739300 Anzio Calcio, ancora un Ko al Bruschini
18/09 1505738580 Airone Calcio, una sola squadra al comando