[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Oltre 3 anni per il collaudo, ma...

Depuratore, appena avviato ha rilasciato scarichi inquinanti. Ma funziona o no? FOTO

<
>
Luca Di Fiori - Sindaco di Ardea
C'è anche la questione dei soldi che la Regione ci ha promesso per fogne ed acquedotto a Montagnano, Montagnanello e Villaggio Ardeatino
Luca Di Fiori - Sindaco di Ardea C'è anche la questione dei soldi che la Regione ci ha promesso per fogne ed acquedotto a Montagnano, Montagnanello e Villaggio Ardeatino
Flavio Gabbarini - Consigliere comunale di Genzano
Ma se già l'hanno affidato ad Acea ed è ora in funzione, perché i Comuni utenti non rilasciano nuovi allacci in fogna?
Flavio Gabbarini - Consigliere comunale di Genzano Ma se già l'hanno affidato ad Acea ed è ora in funzione, perché i Comuni utenti non rilasciano nuovi allacci in fogna?

Negli ultimi mesi, il nuovo depuratore dei Castelli Romani realizzato ad Ardea per i reflui fognari di Albano, Ariccia, Genzano, Lanuvio e Nemi ha rilasciato in mare acque non adeguatamente depurate con concentrazioni di inquinanti, quali fosforo e azoto, superiori ai limiti massimi consentiti dalla legge. Lo attestano tre relazioni tecniche della seconda metà dell'anno appena trascorso predisposte da Arpa Lazio, l’Agenzia Regionale di Protezione Ambientale. Dall’inizio di dicembre la situazione è tornata sotto controllo. Così afferma una relazione sottoscritta dall’ingegner Mauro Lasagna, responsabile del Dipartimento risorse idriche della Regione Lazio. 

ARRIVA ACEA… INFORMALMENTE
Dopo vari rinvii e gravi ritardi, con i tradizionali aumenti di spesa (il cartello del cantiere riportava un costo previsto di 16 milioni e 110mila euro, circa sei in meno dei quanto riportato in un secondo  momento...), il collaudo dell’attesa opera pubblica si è concluso il 9 novembre. Il 17 dicembre 2015 Regione Lazio, Comuni utenti ed Acea Ato2 Spa firmarono un accordo per affidare l'impianto alla Spa stessa. Quasi un anno dopo, la gestione del depuratore è stata concretamente consegnata nelle mani di Acea il 1° dicembre scorso. 
Si è trattato però solo di una «assegnazione informale», così ci è stato riferito da Acea. Per l’assegnazione formale e definitiva bisognerà aspettare ancora qualche mese visto che la società ha chiesto di poter svolgere un ulteriore periodo di prova e di analisi che durerà ancora qualche mese per verificare il corretto funzionamento dell’impianto. 
Tra fine gennaio e inizio febbraio, è atteso un nuovo e decisivo controllo di Arpa Lazio per verificare l’andamento della qualità della depurazione delle acque fognarie. Mentre scriviamo, è in corso la piantumazione di una lunga fila di alberi, ma presto dovrà essere realizzata anche una paratia in plexiglas, una plastica molto resistente, per minimizzare i cattivi odori ed i rumori prodotti dall’impianto che infastidiscono i residenti. È quanto ci hanno detto i sindaci di Ardea, Luca Di Fiori, e di Lanuvio, Luigi Galieti, e il vicesindaco di Albano, Maurizio Sementilli.

PERCHÉ NON FANNO NUOVI ALLACCI?
Oltre all’incognita igienico-sanitaria ed ambientale sulla qualità delle acque riversate in mare dal nuovo depuratore, vi è un altro ordine di problemi che incombe sull’avvio decisamente tardivo dell’impianto: «Ma se il nuovo depuratore è stato assegnato all’Acea ed è ora in funzione - sottolinea l’ex sindaco di Genzano, Flavio Gabbarini oggi consigliere di opposizione - allora perché i Comuni utenti, tra cui Genzano, mantengono ancora bloccata l'attivazione delle nuove utenze idriche e dei nuovi allacci in fogna? Si tratta – aggiunge - di un problema che grava da troppo tempo sui cittadini, sui commercianti e sulle piccole e medie imprese che l’Acea è chiamata a risolvere quanto prima». 
A marzo 2016, l’ingegner Massimiliano Proietti, responsabile per conto della Regione Lazio dell’avvio del nuovo depuratore, aveva dichiarato a il Caffè che la fase di messa in prova e di collaudo dell’impianto si sarebbe conclusa “prima dell’inizio della stagione balneare e dell’estate”, quindi entro il 30 aprile 2016, visto che la normativa prevede che tale stagione parta dal 1° maggio di ogni anno.

NIENTE FOGNE E ACQUEDOTTO?
«Oltre alla questione della qualità delle acque che finiscono in mare creando problemi di ordine igienico sanitario e ambientale e danni inqualificabili al settore turistico locale – lamenta il primo cittadino rutulo, Luca Di Fiori - c’è poi anche quella dell’acquedotto e delle fogne che ancora mancano nei quartieri di Ardea Montagnano, Montagnanello e Villaggio Ardeatino, situati a ridosso dall’impianto. La costruzione di queste opere pubbliche - rincara il primo cittadino - era prevista come forma di compensazione per il nostro territorio che dovrà convivere per i prossimi decenni con l’impianto industriale. Lo prevede un vecchio accordo di programma, ancora mai onorato, sottoscritto nel 2007 dall’ex sindaco di Ardea, Carlo Eufemi, e dall’allora assessore regionale all’ambiente, Filiberto Zaratti». La somma promessa era di circa 10 milioni di euro, poi ridotti a circa la metà. 
«La Regione Lazio non ha però ancora sbloccato i fondi necessari per avviare almeno la costruzione delle fogne, per un importo di circa 1,4 milioni di euro. Per quanto riguarda l’acquedotto, la vicenda si potrebbe risolvere attingendo acqua dai pozzi della Pescarella, in zona Valle Caia, che sono in corso di riattivazione, e che hanno una portata di circa 250 litri al secondo. Non escludo, grazie al sostegno della Regione Lazio, che tali pozzi, depurati dall’arsenico, possano essere utilizzati per portare il prezioso oro blu nelle zone ancora sprovviste di acquedotto». 
In realtà, secondo quanto ci dice la Regione Lazio, al Comune guidato da Di Fiori sono stati assegnati oltre 3,2 milioni di euro senza che però siano stati avviati i lavori dal Comune (vedi articolo in basso). E il giallo continua. 

Tra ritardi e rincari...
Il depuratore sta a due passi dall’Ardeatina e dalla discarica di Roncigliano, occupa una superficie di 4 ettari. È costato 22 milioni di euro pubblici sborsati per intero dalla Regione Lazio. Il gigantesco impianto è stato realizzato dalla SIBA Spa, che fa capo alla multinazionale francese Veolia. È la stessa 'sfortunata' ditta che realizzò il depuratore in via del Campo ad Aprilia, malfunzionante sin dall'inizio, il quale inquinò anche con salmonella un corso d'acqua fino a Latina mare e costò una condanna in primo grado all'allora capo di Acqualatina Spa. L'impianto di Ardea è stato ultimato da giugno 2013, ma è rimasto fermo per via di beghe burocratiche e politiche fino a marzo 2016. Dopo un lungo contenzioso tra le società ‘contendenti’, Acea e Idrica, dal 1° dicembre la  gestione è stata consegnata all’Acea. 

 



Articoli Correlati:

29/07 Dall’Area Metropolitana ancora niente ok Depuratore dei Castelli: in tilt per troppa acqua? Avviato a novembre 2015 dopo un burrascoso iter, tra detti e contraddetti di politici, manager ...
2016 Ardea, scoppia la polemica Depuratore al via prima dell'estate ma Idrica tuona: «calpestati nostri diritti» “Stessa spiaggia …” ma mare decisamente più pulito. Potrebbe essere un’estate da sogno per il ...
2016 Ardea, l'annuncio del Sindaco Di Fiori Depuratore dei Castelli consegnato ad Acea, avviati lavori barriere protettive Il Sindaco di Ardea Luca Di Fiori, nel corso del Consiglio comunale di ieri, ha ...
2016 Linea dura dei Sindaci castellani Disservizi alla rete idrica dei Castelli Romani, i Comuni danno battaglia Cominciano a formalizzarsi le prese di posizione da parte di numerose Amministrazioni comunali dei Castelli ...
2016 Turnazioni idriche e autobotti Un’altra estate ‘a secco’ ai Castelli, Comuni pronti a dare battaglia E' un bollettino nero quello che il sistema idrico castellano restituisce in questi giorni d’estate, ...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
17:01 1510934460 La Green Economy pontina 2.0 sbarca nella Capitale
16:36 1510932960 125esimo anniversario dei Vigili del Fuoco, tre giorni di festa con i pompieri
16:24 1510932240 Scontro auto-camion sulla Pontina verso Roma, si viaggia su una sola corsia
15:24 1510928640 Ex militare dell'Aeronautica si uccide con un colpo di pistola alla testa
15:03 1510927380 Paradossi e giochi di parole con Ivan Talarico: il concerto all'ex Mattatoio
14:47 1510926420 Raccolta fondi non autorizzata con il logo del Comune. Indagini in corso
14:26 1510925160 Sermoneta e Bassiano sono tra le “100 mete d'Italia”: premiazione in Senato
14:07 1510924020 Rubate le persiane al palazzo pericolante in attesa di demolizione a Nettuno
13:28 1510921680 Schiaffo all’arbitro donna per un rosso non gradito: squalificato fino al 2021
12:55 1510919700 Sorpreso a spacciare cocaina: la nascondeva nelle sorprese degli ovetti
11:56 1510916160 Da Cisterna alla prima serata di Rai Uno: la favola del 13enne cantante Sergio
11:54 1510916040 Mense scolastiche ad Anzio, 16mila pasti gratuiti ogni anno ai disagiati
11:51 1510915860 Addio a Giggiotto Bartolucci del Bar Olimpico a Nettuno, il ricordo degli amici
11:47 1510915620 Tentano di smurare un bancomat ad Anzio, messi in fuga dai Carabinieri
09:30 1510907400 Il Tribunale annulla il licenziamento di una giovane mamma: «era pretestuoso»
09:20 1510906800 2 centri di accoglienza verso la chiusura. 100 migranti in arrivo in via Nascosa
09:20 1510906800 Albano, quasi ultimata la pavimentazione di corso Cavour: a breve la riapertura
09:13 1510906380 Tagliava pini nel suo giardino, ma non aveva l'autorizzazione comunale: multato
08:47 1510904820 Beccato a rubare in 4 auto e a metterne in moto una quinta: arrestato 23enne
08:36 1510904160 Ispezione al mercato ortofrutticolo di Latina: irregolarità e multe
08:24 1510903440 Il Tar respinge il ricorso del Comune di Aprilia: Casello 45 resta chiuso
08:20 1510903200 Sezze Scalo presa di mira dai ladri: nuovo bar derubato di sigarette e monete
08:10 1510902600 Due case di riposo per anziani della provincia di Latina chiuse dai Nas
16/11 1510849140 Cisterna, ok alla valorizzazione di tre aree verdi della città: ecco quali
16/11 1510848780 Frascati, fine dell'incubo per una 36enne: lo stalker era l'ex marito avvocato