[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Socio privato alle corde

Acqualatina, socio privato agli sgoccioli. Ultimatum di Sindaci e Provincia FOTO

<
>
Latina - La sede centrale di Acqualatina Spa
Latina - La sede centrale di Acqualatina Spa
Per la legalità negli appalti di acqualatina - Il Prefetto di Latina Faloni sigla l'accordo con l?avv. Lauriola, presidente di Acqualatina: 
d?ora in avanti controlli in tutte le fasi dell?appalto, anche in corso d?opera
Per la legalità negli appalti di acqualatina - Il Prefetto di Latina Faloni sigla l'accordo con l?avv. Lauriola, presidente di Acqualatina: d?ora in avanti controlli in tutte le fasi dell?appalto, anche in corso d?opera

Addio ad Acqualatina. A questo potrebbe portare la diffida votata dall'assemblea Sindaci dell'Ambito idrico pontino, l'Ato4, e dalla Presidente della Provincia di Latina Eleonora Della Penna, massima autorità dell'Ato stesso. Gestore e socio privato Idrolatina Srl, posseduto da Veolia, devono assolutamente fermare la manovra per vendere ad Acea mezza Acqualatina. Operazione concepita e maturata tutta tra Acea e Veolia (che attraverso Idrolatina ha il 49% di Acqualatina) escludendo i Comuni soci pubblici, in spregio della normativa nazionale ed europea e del contratto tra Comuni e gestore stesso. Comuni che rappresentano tra l'altro la maggioranza con il 51% delle quote.

ULTIMATUM DEI SINDACI 
Un ultimatum, votato da 16 Comuni lo scorso 11 aprile (astenuti Aprilia, Nettuno e Bassiano). La cordata di Sindaci non disposti a continuare la sudditanza dal privato – come accaduto sin dall'arrivo di Acqualatina – ha dato seguito al parere pro veritate del professor Alberto Lucarelli, luminare in materia. La sua relazione, una sorta di super perizia, ha bocciato come illecita l'operazione tentata da Veolia e Acea. La nuova delibera dei Sindaci avverte che la cessione del 49% in mano a Idrolatina (posseduta da Veolia) ad Acea comunque non varrebbe: “violerebbe l'obbligo di gara pubblicato fissato dalla legge per la scelta del socio privato di una società mista e, come tale, sarebbe un contratto nullo”. Con il risultato che “l'Amministrazione committente (i Comuni soci, ndr) sarebbe tenuta all'esercizio dei poteri di autotutela, revocando e/o annullando il provvedimento amministrativo di affidamento diretto del servizio idrico integrato a questo gestore”. Comunque, finora il Cda di Acqualatina si è già detto contrario alla compravedntia tra Veolia e Acea. 

SOCIO PRIVATO ALLE CORDE
In tal caso i Comuni si riprenderebbero acquedotti, depuratori e tutti gli altri impianti e Acqualatina fallirebbe. Tale fallimento impedirebbe di costituire una nuova società tutta pubblica – cosiddetta in house - nei 5 anni dal fallimento, poiché lo vieta la riforma Madia. La via paventata espressamente nella citata deliberazione dei Sindaci sarebbe l'Azienda speciale, come suggerisce lo stesso prof Lucarelli, un ente strumentale chiamato ad eseguire dei compiti al di là della logica del profitto nell'esclusivo interesse pubblico. Appare però improbabile che Veolia insista nella forzatura di voler vendere ad Acea come promesso con il preliminare di vendita bocciato non solo dal prof Lucarelli, ma anche dai pareri del prof Raffaele Di Raimo e dell'Anea (Associazione nazionale autorità e enti di àmbito). Significherebbe anche perdere i circa 11 milioni di euro messi nel capitale sociale di Acqualatina, visto che questa svanirebbe in quanto i Sindaci le toglierebbero la concessione. In ogni caso, i Comuni potrebbero incassare il risultato di riportare in mani totalmente pubbliche l'acqua dell'Ato4. 

LA GHIGLIOTTINA: DELLE INADEMPIENZE
Veolia può decidere di vendere ad altri, ma secondo le regole, oppure di restare in Acqualatina. In questo secondo caso, si ritroverebbe all'angolo: il gruppo di Sindaci pro acqua pubblica capitanati da Coletta di Latina, Comune di maggior peso, probabilmente finirebbe per contestargli tutta una serie di inadempienze contrattuali accumulate in quasi 15 anni di gestione (ad esempio la crisi idrica nel sud pontino, le dispersioni idriche intorno al 70%, cioè come quando Acqualtina prese il servizio nel 2002, l'arsenico...). 
La partita dipenderà molto dagli equilibri politici. Ad esempio Castelforte è stato commissariato, Formia ha una crisi di maggioranza e va al voto l'anno prossimo. E nel 2018 ci saranno pure le elezioni regionali e per il rinnovo del Parlamento. 

SE TUTTI I COMUNI VOTASSERO SUL BILANCIO...
Ulteriore resa dei conti potrebbe giocarsi nell'assemblea dei soci di Acqualatina. 
In quella sede per decidere serve l'ok dei due terzi dei soci, inteso come capitale sociale. Così come stanno le cose oggi, non passerebbe niente che non piaccia all'attuale cordata di sindaci “ribelli”, a cominciare dal bilancio, che di curiosità ne ha riservate in questi anni... Se i Comuni, specialmente quelli di peso come Aprilia, partecipassero compatti a quell'assemblea, potrebbero bocciare il bilancio della Spa idrica innescandone il fallimento. Aprendo così la via alla gestione interamente pubblica con un'Azienda speciale.

Latina al Consiglio popolare dell’acqua
C’era anche l’Amministrazione di Latina - il Comune più importante tra i soci pubblici di Acqualatina - al secondo Consiglio popolare dell’acqua e della democrazia. L'importante incontro tra cittadini, comitati e amministratori si è tenuto in Campidoglio, a Roma, l’8 aprile. Delegato dal Sindaco Coletta, il Consigliere Dario Bellini ha spiegato la nuova via intrapresa nell’Ato4. «Si è respirato lo spirito dei referendum del giugno 2011, ancora inapplicati - spiega Bellini -. Ho sottolineato un fatto, che dà il termometro della realtà attuale: se fino a ieri sul tema Acqualatina non c'erano i presupposti anche per solo poterne parlare, oggi l'argomento è diventato trattabile e c'è un impegno deciso da parte di molti sindaci per ripubblicizzare la gestione idrica. Ho ribadito la nostra posizione di scongiurare l'operazione Acea su Acqualatina, perché a noi non piace il risiko con cui sta conquistando il centro sud del Paese e se arrivasse qui, i vantaggi per gli utenti sarebbero davvero pochissimi. Non è una opposizione ideologica la nostra». 
 
  • Acqualatina, nuovo contratto beffa (sventato)

Nei giorni scorsi un'altra strana operazione stava per gabbare ancora una volta i cittadini, con la scusa di dover adeguare la convenzione di gestione, ossia il contratto tra Comuni e Acqualatina, allo schema predisposto dall'Aeegsi, l'Autorità per l'energia elettrica il gas e il sistema idrico. La Segreteria tecnico operativa – che ufficialmente è l’organo di verifica e controllo – ha prodotto un 'nuovo' contratto che sì recepiva il contratto tipo Aeegsi, ma con 16 ulteriori articoli sbilanciati a favore del gestore. Addirittura, stravolgeva l'articolo 29 del precedente contratto: quello che prevede  l'obbligo di informare i soci pubblici (38 Comuni) per qualunque vendita di quote del socio privato di Acqualatina a tutela dell'interesse pubblico. Lo stesso articolo, cioè, che prevede anche il necessario gradimento dei Comuni attraverso l'assemblea dei sindaci, per queste operazioni ed il loro diritto di essere preferiti a chiunque altro come acquirenti delle quote messe in vendita dal privato. Lo stesso articolo, dunque, sul quale si fondano i tre parerei che hanno stroncato la tentata vendita del 49% delle quote di Acqualatina in mano a Idrolatina che Veolia, proprietaria di Idrolatina,  voleva cedere ad Acea senza interpellare i Comuni, in segreto. Le carte trasmesse da Idrolatina ai Sindaci contengono, guarda caso, vari passaggi cruciali oscurati, di carattere finanziario ma anche tecnico-operativo sullo svolgimento dell’operazione. Come se i Sindaci, rappresentanti del socio di maggioranza e di oltre 680mila cittadini - utenti, non conassero nulla.  
Non solo: con le ‘nuove’ 16 clausole scritte da manina ignota si voleva introdurre l'esonero di responsabilità del gestore per caso fortuito e forza maggiore e l'obbligo del parere favorevole dei finanziatori per poter chiedere la risoluzione del contratto per inadempimento. E così, ad esempio, la Depfa Bank che già tiene per il collo Acqualatina e i Comuni, avrebbe visto un ulteriormente rafforzato il suo strapotere. Tutte cose non previste dallo schema tipo Aeegsi e scongiurate dall'assemblea dei Sindaci. Com’è possibile che tutto ciò sia passato tranquillamente sotto il naso dell’organo ufficiale di controllo, la Segreteria tecnico operativa dell’Ato? Tutto ciò mostra quanto un certo stile sia più che mai presente e che gli amministratori comunali  devono una buona volta studiare, stare svegli e farsi valere. 
E non solo i Sindaci ma tutti i raooresentanti del popolo, se è vero che vogliono fare l’interesse pubblico, Altrimenti, come accade dal 2002, si rendono complici di certe lobby furbette. Benvengano i protocolli d’intesa per la legalità, come quello firmato dal presidente di Acqualatina avv. Michele Lauriola con il Prefetto di Latina, Pierluigi Faloni, davanti a Carabinieri, Polizia e Guardia di Finanza promettendo solenne impegno per la pulizia negli appalti. Ma qui ognuno, nel proprio ruolo, deve fare la sua parte.   

Perché l’affare Veolia-Acea non si può fare
Per legge, per statuto e per contratto, i soci pubblici devono essere messi in condizione di valutare qualunque cambio di partner privato in Acqualatina, conoscendo le garanzie tecniche, economiche e finanziarie del nuovo aspirante socio. Fermo restando il loro diritto di comprare essi stessi le quote messe in vendita. E poi se proprio si scegliesse di cambiare socio privato, non si può fare alla chetichella tra qualche manager: la legge impone una regolare gara pubblica. Nulla di tutto ciò è avvenuto con l’operazione tra Veolia ed Acea ultimamente. Anzi, quel po' di carte fornite da Veolia e Acea sono oscurate in alcuni cruciali punti necessari a valutare l'offerta. E come possono i Sindaci operare una scelta che ricadrà su oltre 680mila  cittadini senza sapere, ad esempio, quali garanzie mette Acea sui grossi debiti di Acqualatina e su certe ardite operazioni finanziarie in cui è stata coinvolta Acqualatina con il prestito concessole dalla Depfa Bank, la quale a sua volta ha ormai il vero potere di decidere proprio in virtù di quel prestito da 114,5 milioni di euro? 
 
Tags: acqualatina  acea 


Articoli Correlati:

12/10 Dati vecchi sulla qualità dell'acqua Acqua all’arsenico, zero trasparenza: introvabili i dati completi ed aggiornati La quantità è sempre minore. E la qualità delle acque potabili? Dove sono i dati ...
29/07 Informazione a secco Arsenico nell’acqua: mistero sui valori. Intanto la siccità peggiora il problema La quantità è sempre minore. E la qualità delle acque potabili? Dove sono i dati ...
16/07 Delegazione di Sindaci incontra Veolia Acqua: ora può tornare pubblica. Nuovo step per liquidare il privato Riportare la gestione nelle sole mani pubbliche è una ipotesi meno lontana, un gol non ...
2016 Protesta simbolica nella notte Casapound: bottiglie dorate contro "l'affare idrico" di Acea e Acqualatina Bottiglie d'acqua color oro per protestare contro Acea e Acqualatina, accusate di fare affari con ...
2016 Nuovi padroni, nuovi politici La casta vuole Acqualatina pubblica: da Forza Italia in mano al PD Bisogna portare interamente in mano pubblica, cioè dei Comuni che ne sono già soci, l’intero ...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
10:07 1508486820 Tre nuovi delegati senza portafoglio nella squadra del Sindaco Mastrosanti
09:36 1508484960 La Pontina cade a pezzi, piovono calcinacci. Ecco come stanno muri e ponti
09:20 1508484000 Molesta e palpeggia dei minorenni, 49enne di Cori condannato a 3 anni e 9 mesi
08:55 1508482500 Avviata la decadenza per un consigliere: tre assenze consecutive ingiustificate
08:47 1508482020 Troppi morti all'incrocio: i cittadini scendono in strada per manifestare
08:46 1508481960 Sindaco ricoverato in ospedale dopo l'aggressione subìta nel suo ufficio
08:12 1508479920 28enne ruba in chiesa, ma lascia l'auto in divieto di sosta: fuga impossibile
08:10 1508479800 25 scuole di Latina hanno ricevuto 3.125 attrezzature sportive dalla Regione
08:00 1508479200 Affissioni abusive, numeri impietosi: (almeno) 7 su 10 sono abusive
19/10 1508442480 Pomezia, incidente mortale su via dei Castelli Romani: muore giovane centauro
19/10 1508434500 Accordo con la Finanza, tornano al Comune di Nettuno i Giardinetti del Presidio
19/10 1508431440 Lutto al Commissariato di Albano, addio al sostituto commissario Lorenzini
19/10 1508425200 Nemi, arriva la fibra ottica e fondi per i viadotti e altri lavori pubblici
19/10 1508424780 L’Avvocato Bertollini eletto Presidente del Consiglio dell’Ordine a Velletri
19/10 1508424600 Crisi politica ad Anzio, il Sindaco Bruschini azzera e lascia fuori i dissidenti
19/10 1508420280 Terremoto in Giunta ad Anzio: si sono dimessi cinque assessori
19/10 1508418720 Bene le spiagge del Lazio nell'estate 2017: + 14% di turisti rispetto al 2016
19/10 1508418660 Due fratelli feriti dallo zio, un loro amico preso a picconate: due arresti
19/10 1508418120 Liberato Carmine Sciaudone, 34enne di Latina detenuto a Bali da oltre un anno
19/10 1508415480 Ottobre rosa a Cisterna, sabato congresso sull'endometriosi
19/10 1508413020 75 immobili "fantasma" a Pomezia, partite cartelle per 1,4 milioni di euro
19/10 1508411700 Rubato furgoncino della nettezza urbana di Ardea, ritrovato a 50 km di distanza
19/10 1508410800 Spara e uccide il ladro: omicidio o legittima difesa? L'opinione dei cittadini
19/10 1508410200 Sorpasso azzardato a Nettuno, feriti due giovani in scooter senza patente
19/10 1508410020 Scontro auto-moto, appello di una donna per ritrovare la responsabile in fuga