[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Prevista la chiusura della buca

Andolfi prende posizione sul parcheggione di Nettuno: "Ci sono altre soluzioni"

<
>
Il parcheggione di piazzale Berlinguer
Il parcheggione di piazzale Berlinguer
Alberto Andolfi
Alberto Andolfi

Arriva dal geologo ed ex assessore e vicesindaco di Nettuno Alberto Andolfi, sotto al giunta Chiavetta, un contributo sull'area del Parcheggione di piazzale Berlinguer, che l'amministrazione Casto si appresta a richiudere con un bando da 149mila euro per la bonifica e la messa in sicurezza. "MA E’ QUESTA LA STRADA GIUSTA??" è il titolo del contributo di Andolfi, che pensa a soluzioni diverse per risolvere un problema davvero serio del comune del Tridente.

"Seguo da tempo gli sviluppi della situazione legata al parcheggio di Piazza Berlinguer - scrive Andolfi - e da geologo ex politico, mi chiedo se la strada che sta intraprendendo la nuova Amministrazione sia giusta o se fosse stato il caso di riflettere meglio e di più sulla soluzione da adottare. Riempire la buca a molti sembra la soluzione più rapida, ma forse non tutti sanno che la riempitura sarà fatta fino a meno un metro dal piano strada, con i problemi della gestione delle acque piovane e senza poter rimuovere la recinzione del cantiere, almeno fino a che un “complicato” concorso di idee non fornirà la soluzione finale, con ulteriori costi rispetto ai 200.000 euro stimati per la prima fase ed un risultato finale non dissimile dalla condizione originale e non di prossima scadenza. Dico complicato concorso di idee perché vincoli urbanistici e vincolo di acquisto con il Demanio, che io sappia, non permettono molte soluzioni alternative ai servizi, a meno di complesse varianti urbanistiche. 

A questo punto, forse una coraggiosa sfida ad affrontare l’operazione parcheggio in modo ridimensionato, una struttura prefabbricata a due piani con circa duecento posti, senza box e speculazioni varie, gestito direttamente dal Comune, ad un costo stimato (da tecnici competenti) in circa cinque milioni di euro, poteva essere una risposta alla città, che comunque necessita di parcheggi, specialmente al centro. I fondi potevano essere reperiti tra quelli Europei o Regionali, nella peggiore delle ipotesi dalla Cassa Depositi e Prestiti, con ammortamento dell’opera in massimo venti anni. Sarebbe stata a mio avviso una bella risposta ed anche un modo di sfatare la maledizione che vede Nettuno città capolista nella provincia di Roma con il numero di opere pubbliche incompiute. 

Qualcuno asserisce che il problema vero era la messa in sicurezza dell’area, che dopo la discutibile presa in carico da parte del Comune dagli eredi Palpini, ha trasferito sull’Ente locale le eventuali responsabilità di un cedimento delle pareti dello scavo, assurdamente eseguito ed autorizzato dagli incompetenti amministratori di allora. Ma quello che poteva costituire un grosso problema inizialmente, appare ridimensionato oggi, dopo oltre quattro anni dallo scavo, a seguito delle prove geotecniche aggiuntive richieste dal Genio Civile e dopo le generose prestazioni del nostro “macco”. 

La mia nota polemica sulla giunta che ha autorizzato lo scavo con la ridicola giustificazione delle indagini geologiche è da me dovuta in quanto io stesso avevo commissionato le indagini un anno prima fornendo tutti i dati necessari, compresa la quota della falda acquifera, di cui nessuno poi sapeva nulla. Ci si è resi tutti conto dell’errore fatto da Chiavetta nell’azzerare la prima Giunta, visto quello che ne è seguito, aggiungo però che comunque siano andate le cose non ci si può trincerare oggi dietro una colpevolizzazione generale del Partito Democratico, e tacitare chiunque tenti di commentare l’operato dell’attuale Amministrazione. 

Sono più che mai convinto che soltanto dal dialogo e dal confronto scevro da pregiudizi, possano uscire le soluzioni migliori per i tanti problemi della città, come sono convinto, per esperienza personale, che non è facile amministrare quanto invece lo sia fare opposizione. 

E’ facile criticare chi afferma che con la “ macchinetta americana”per l’asfalto recentemente acquistata dalla Poseidon si possa risolvere il problema delle buche stradali, tanto meno con l’ausilio della “georeferenziazione”. Parole azzardate dette da chi di strade ne mastica poco, o magari non è semplicemente la persona giusta per il ruolo ricoperto . 

Più grave considero la variante apportata alla pista ciclabile finanziata dalla Regione Lazio (pubblicaz. A.P. 17/05), che inizialmente doveva transitare su via Giovanni Paolo II(la strada del porto) e che ora è stata spostata sul marciapiede di Via Gramsci, all’insaputa dei più, e con un impatto molto più delicato. Capisco che una pista ciclabile ed una pacca sulla spalla non si negano a nessuno, basta guardare in giro, ma forse, mettere mano ad una delle parti più belle e rappresentative di Nettuno, avrebbe meritato più attenzione e non risultare la toppa ad un errore di valutazione dell’aspetto legato alla sicurezza; abbiamo visto in passato cosa è successo al nostro bel lungomare con la decisione di sostituire le tamerici con le palme; ora non ci sono ne le une ne le altre. 

Pochi giorni fa c’è stata una manifestazione dei residenti nell’area dei giardini dietro la rotatoria intitolata a Don Vincenzo Cerri, che probabilmente si starà girando nella tomba per quello che accade dietro la lapide che lo ricorda, sgomento per tutti coloro che abitano in un’area così centrale, una volta anche di pregio, allibiti dai livelli di inciviltà e degrado mai raggiunti in passato. Ho letto che un consigliere comunale passando di la ha affermato candidamente che non era al corrente della situazione. 

Ma non sarà forse il caso che chi ci sta amministrando e su cui sono state riposte tante speranze e tanta fiducia, inizi a guardare meglio cosa accade in città, a dialogare veramente con i nettunesi, e con un pizzico di modestia ascoltare qualche consiglio che giunga perfino dall’opposizione o da chi deluso dalla politica in ogni sua manifestazione, soffre nel vedere la propria città condannata ad un eterno stato di abbandono ambientale, sociale e culturale? Certo le motivazioni delle dimissioni appena rassegnate dall’assessore Biondi, non sono confortanti; danno la sensazione di un preoccupante “de ja vu”. 

Alberto Andolfi (ex vice Sindaco di Nettuno) 



Articoli Correlati:

12/10 Dopo la copertura della buca Nettuno, incontro in Comune per decidere il futuro di piazzale Berlinguer L’Amministrazione Comunale di Nettuno ha organizzato un incontro che avrà per tema il futuro di Piazzale Berlinguer. Un’occasione ...
14/04 Si spera nella riapertura dell'area Ripristino della "buca" del parcheggione di Nettuno, affidato l’incarico La giunta comunale di Nettuno, guidata dal Sindaco Angelo Casto, da poco di nuovo unico proprietario e titolare ...
2016 La Parkroi nel mirino Il Commissario ordina di “ricoprire” la buca di Piazzale Berlinguer a Nettuno Con un'ordinanza il commissario Prefettizio del Comune di Nettuno Raffaela Moscarella ha ordinato il "ripristino stato dei luoghi" in ...
23/10 Polemica dell'ex consigliere del Pd Alicandri: “Biotestamento, nell’Appello dei Sindaci manca solo Casto da Nettuno” E’ Roberto Alicandri, ex consigliere comunale a Nettuno ed esponente del Movimento progressista a dire la sua sulla legge, ...
15/10 Si chiede la realizzazione di posti auto Parcheggione a Nettuno, i Commercianti di via Romana scrivono al Sindaco E’ a firma dei commercianti di via Romana una lettera aperta inviata al Sindaco di Nettuno relativa ai ...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
07:16 1508822160 Pallanuoto, Gli Under 9 ed Under 11 della Roman Sport City brillano ad Aprilia
23/10 1508788080 Serie C1 Girone B. La Fortitudo Futsal Pomezia sale sull’ottovolante
23/10 1508771520 Successo senza sforzo al Centro di Formazione Nls Academy di Pomezia
23/10 1508769180 Un gufo reale fa il nido in piazza Mazzini a Nettuno, ecco le immagini
23/10 1508769060 Alicandri: “Biotestamento, nell’Appello dei Sindaci manca solo Casto da Nettuno”
23/10 1508768880 Il nuovo segretario del Pd di Anzio: “Ci lasceremo alle spalle le sconfitte”
23/10 1508768400 Girone G. Anzio Calcio, prosegue la maledizione del Bruschini
23/10 1508767380 Serie C, Girone B. Onda Volley Anzio, è un inizio devastante
23/10 1508766000 Rugby, Serie C1 Girone G. Rugby Anzio, trasferta amara a Segni
23/10 1508765880 Black out a Torvaianica Alta: arriva il risarcimento danni per alcuni residenti
23/10 1508764860 Serie B, la Bull Basket Latina cade a Santa Marinella nella seconda giornata
23/10 1508762760 Serie C1 Girone B. La United Aprilia travolge il Parioli
23/10 1508762040 Superlega, una Top Volley incerottata si arrende a Bari nella seconda giornata
23/10 1508761980 Scarsa igiene e pulizia in due scuole di Pomezia: l'allarme del sindaco
23/10 1508761200 Girone G. Il Latina Calcio non sfonda a Sassari
23/10 1508760600 Fermati rom che avevano rubato un cartone di sigarette in una tabaccheria
23/10 1508759940 Incidente sulla Pontina: Smart ribaltata all'altezza di Castel Romano
23/10 1508755200 Puliamo Parco Chigi, volontari e associazioni al lavoro per il decoro urbano
23/10 1508750340 Allarme sicurezza alle autolinee: furti, ragazze infastidite e aggressioni
23/10 1508749440 Spettacolo per costruire una scuola in Sierra Leone con la compagnia I Senzanome
23/10 1508747820 Ardea, paura davanti alla scuola: bambino scompare davanti ai cancelli
23/10 1508745300 Tornano i vandali a scuola ad Ardea: via Tanaro chiusa fino al 27 ottobre
23/10 1508744700 Impianto a rifiuti su falde di Aprilia e Velletri: in Regione No di 200 aziende
23/10 1508743380 Magrebino sposa un'italiana per ottenere il permesso di soggiorno: denunciati
23/10 1508739900 Dopo le 15 lauree, per Luciano Baietti arriva l'Italian Values Award