[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Bilancio fortemente in utile, ma...

Acqualatina: casse piene, rubinetti a secco. Si disperde il 70% dell'acqua

L'AD BESSON E IL PRESIDENTE LAURIOLA 
Presentano il nuovo bilancio di Acqualatina
L'AD BESSON E IL PRESIDENTE LAURIOLA Presentano il nuovo bilancio di Acqualatina

Casse piene con un portentoso utile di esercizio dell’anno 2016 - il quarto consecutivo ottenuto grazie al solito 'aiutino' reagalato tre anni fa dalla Conferenza dei Sindaci - e rubinetti a secco per tutta la stagione estiva che ancora deve cominciare. Questo è in estrema sintesi il quadro che ci consegna l’ultimo bilancio approvato dal Consiglio di Amministrazione di Acqualatina SpA e che dovrà essere sottoposto prossimamente all’approvazione dei soci. Un’approvazione che, malgrado le apparenze e alla luce dei dati indicati dalla stessa società, non appare affatto scontata. 

PROFESSIONISTI DEL RINCARO
Cerchiamo intanto di capire da cosa è stato determinato l’utile di esercizio (17,8 milioni di euro) certificato dall’attuale Presidente del CdA di Acqualatina, Michele Lauriola, e dall’Amministratore Delegato, Luigi Raimondo Besson. Unico “sopravvissuto”, quest’ultimo, al CdA iniziale nominato quindici anni fa, in rappresentanza del socio privato, dopo esser stato l’artefice della legge regionale che ha dettato le procedure di affidamento del servizio idrico integrato in tutta la Regione Lazio. Date le caratteristiche dell’affidamento del servizio gestito da Acqualatina, che in gergo tecnico si definisce monopolio naturale, gli utili di bilancio si possono ottenere solo in due modi: 1) Rendere sempre più efficiente il servizio; 2) Far aumentare le bollette dai politici di turno. La prima ipotesi deve essere scartata in partenza con la lettura del Rapporto informativo per l’anno 2016, che risulta regolarmente presente sul sito internet della stessa società: non è una cortesia fornita dall’azienda ma un obbligo legale derivante dal D.Lgs. n. 33/2013. 

70% DI PERDITE, COME ALL’ARRIVO DI ACQUALATINA. E L’EFFICIENZA?
Nello scorso anno Acqualatina ha dichiarato che la dispersione idrica è stata del 70%, mentre nel 2015 era stata del 71%, sotanzialmente uguale a quando la Spa è arrivata: significa circa 86 miliardi di litri di acqua potabile immessi in rete e ma mai mai arrivati ai nostri rubinetti. Nel dettaglio, il 45% di questo enorme spreco è imputabile a “perdite nell’adduzione e nella distribuzione” mentre il restante 25% della dispersione complessiva viene genericamente attribuita a “perdite amministrative”. Leggasi: allacci abusivi. Alla faccia di quei vituperati utenti che da sempre si oppongono alla gestione privatizzata e additati genericamente come “morosi”. 
Gente che in realtà ha sistematicamente contestato i dati gestionali della società, grazie ai Comitati locali per l’acqua pubblica, e che ora è ad un passo dal vedersi riconosciute le proprie istanze con la probabile ri-pubblicizzazione del servizio: un caso che entrerà di diritto nella storia democratica del nostro Paese. 

SALASSI DAL PASSATO FINO AL 2021
Scartata quindi l’ipotesi che l’utile di esercizio del 2016 derivi dal miglioramento del servizio e dall’adeguamento degli impegni gestionali assunti all’atto di gara (anno 2002), da dove deriva l’introito che ha risollevato un resoconto contrassegnato in passato da un rosso permanente? È istruttivo il comunicato ufficiale emesso la settimana scorsa da  di Acqualatina: l’Amministratore delegato, ing. Luigi Raimondo Besson, dichiara che il risultato è stato ottenuto (le lettere maiuscole non sono nostre) “… grazie anche al riconoscimento dei Ricavi della Partite Pregresse e dei Costi Aggiuntivi di Morosità, sulla base di quanto stabilito dall’Autorità AEEGSI”. Aeegsi è l'Autorità per l’energia elettrica, il gas ed il sistema idrico, il presunto, cosiddetto Garante insomma. 
Per capire questo passaggio occorre risalire al 7 agosto 2014 quando l’allora Conferenza dei Sindaci (presenti solo gli esponenti del centro-destra) regalò ad Acqualatina la bellezza di 44 milioni di euro per le cosiddette partite pregresse: crediti vantati dalla società sugli investimenti realizzati in passato, i costi di gestione, i mutui pendenti, i ricavi di esercizio e le cosiddette “morosità”. Soldi che verranno fatti pagare ai cittadini fino al 2021. 

IL PRIVATO GODE...
Un’autentica beffa, che andrà a tutto vantaggio del socio privato di Acqualatina sotto forma di dividendi nella prospettiva della cessione delle sue quote, alla quale si aggiunge il danno della crisi idrica in corso. 
Una crisi già scoppiata prepotentemente lo scorso anno, soprattutto nel sud pontino e nella fascia dei Monti Lepini, e che si prospetta drammatica per quest’estate a cominciare da Latina, dove stanno razionando l’acqua per poter far irrigare le colture agricole. Si continua in sostanza a razzolar male là dove si era predicato bene. Nel suo Rapporto informativo del 2015 (documento ben diverso dal bilancio societario) la società aveva dichiarato: “Nell’ambito del progetto recupero dispersioni fisiche del Sud Pontino, è stata già conclusa ed assegnata la gara relativa all’attività di sostituzione, ottimizzazione ed ammodernamento delle reti idriche. L’ambizioso progetto di recuperare a fine lavori circa 240 l/sec, ci permetterebbe oltre ad un netto miglioramento dei livelli di servizio, di ridurre gli emungimenti di falda. I lavori dovrebbero iniziare già a partire dal mese di Marzo 2016”. 

... UTENTI E AGRICOLTORI PENANO
Se questi lavori sono stati eseguiti di certo i risultati non si sono visti. Nei giorni scorsi sono apparsi i comunicati con cui Acqualatina annunzia le interruzioni e il razionamento del servizio in diversi Comuni, con la seguente promessa: “I tecnici Acqualatina sono già al lavoro per risolvere il problema”. In che modo? Grazie alla classica danza per la pioggia? 
O al balletto dei politici? Quei politici che in passato – nella solita Conferenza dei Sindaci – hanno garantito ingiustamente oltre 273 milioni di euro ad Acqualatina. Come? 
Condonandogli 52,7 milioni di penali per le inefficienze ed  approvando la gonfiatura delle tariffe (come riconosciuto dal Tribunale di Latina in decine di cause) che ha prodotto un surplus furbetto di 220 milioni negli anni. 

Francesco Buda

14,7 MILIONI DI EURO PER RIDURRE LE PERDITE...
La dispersione idrica è sostanzialmente immutata dall’inizio della gestione di Acqualatina su tutto il territorio da essa gestito, anche se già dal 2005 era iniziata un’apposita “campagna recupero dispersioni” che mirava a ridurre sensibilmente il numero di perdite fisiche, anche al fine di ridurre la pesante perdita di esercizio registrata in quell’anno. Una campagna che inizialmente doveva durare fino al 2010 e che poi è stata prorogata fino al 2015 con l’esito che abbiamo appena visto. Il relativo costo di 14,7 milioni di euro è finito nelle bollette fatte pagare agli utenti. 
Tags: acqualatina  bilancio 


Articoli Correlati:

2016 Acqua pubblica alla riscossa Acqualatina: passa il bilancio, ma i Comuni dichiarano guerra al socio privato È passato con il 60,79% il bilancio di Acqualatina grazie al voto favorevole del socio privato ...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
09:04 1508828640 Furto alla yougurteria in centro a Nettuno, vetrina sfondata con un masso
08:35 1508826900 La Regione cerca 26 Pediatri: sedi libere ad Aprilia, Pomezia, Latina, Castelli
08:16 1508825760 Rio Martino, lavori quasi terminati. De Monaco: «Ora il bando»
08:06 1508825160 Rapinato il bar sulla Pontina: rubati i soldi nella cassa e sigarette
07:16 1508822160 Pallanuoto, Gli Under 9 ed Under 11 della Roman Sport City brillano ad Aprilia
23/10 1508788080 Serie C1 Girone B. La Fortitudo Futsal Pomezia sale sull’ottovolante
23/10 1508771520 Successo senza sforzo al Centro di Formazione Nls Academy di Pomezia
23/10 1508769180 Un gufo reale fa il nido in piazza Mazzini a Nettuno, ecco le immagini
23/10 1508769060 Alicandri: “Biotestamento, nell’Appello dei Sindaci manca solo Casto da Nettuno”
23/10 1508768880 Il nuovo segretario del Pd di Anzio: “Ci lasceremo alle spalle le sconfitte”
23/10 1508768400 Girone G. Anzio Calcio, prosegue la maledizione del Bruschini
23/10 1508767380 Serie C, Girone B. Onda Volley Anzio, è un inizio devastante
23/10 1508766000 Rugby, Serie C1 Girone G. Rugby Anzio, trasferta amara a Segni
23/10 1508765880 Black out a Torvaianica Alta: arriva il risarcimento danni per alcuni residenti
23/10 1508764860 Serie B, la Bull Basket Latina cade a Santa Marinella nella seconda giornata
23/10 1508762760 Serie C1 Girone B. La United Aprilia travolge il Parioli
23/10 1508762040 Superlega, una Top Volley incerottata si arrende a Bari nella seconda giornata
23/10 1508761980 Scarsa igiene e pulizia in due scuole di Pomezia: l'allarme del sindaco
23/10 1508761200 Girone G. Il Latina Calcio non sfonda a Sassari
23/10 1508760600 Fermati rom che avevano rubato un cartone di sigarette in una tabaccheria
23/10 1508759940 Incidente sulla Pontina: Smart ribaltata all'altezza di Castel Romano
23/10 1508755200 Puliamo Parco Chigi, volontari e associazioni al lavoro per il decoro urbano
23/10 1508750340 Allarme sicurezza alle autolinee: furti, ragazze infastidite e aggressioni
23/10 1508749440 Spettacolo per costruire una scuola in Sierra Leone con la compagnia I Senzanome
23/10 1508747820 Ardea, paura davanti alla scuola: bambino scompare davanti ai cancelli