[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Nomi e cognomi, c'è pure il 'boss'

I camionisti del traffico di rifiuti nella cava trasformata in discarica

<
>
Alcuni dei camion ancora sul posto durante l'operazione Dark Side  che ha sgominato il presunto giro di eco-criminali- Foto esclusive il Caffè
Alcuni dei camion ancora sul posto durante l'operazione Dark Side che ha sgominato il presunto giro di eco-criminali- Foto esclusive il Caffè
Usavano anche camion che non avevano alcun aspetto del trasporto rifiuti
Usavano anche camion che non avevano alcun aspetto del trasporto rifiuti
In primo piano, una buca ancora non colma. Sullo sfondo, l'alta parete del cratere della cava trasformata in discarica
In primo piano, una buca ancora non colma. Sullo sfondo, l'alta parete del cratere della cava trasformata in discarica

Rischioso, ma tutto sommato nemmeno più di tanto: coi loro camion potevano star tranquilli che arrivati al capolinea, solo da un lato potevano arrivare ficcanaso o altri veicoli fuori dal 'giro'. È una strada senza uscita quella dove faceva ultima tappa chi guidava i Tir, spesso con rimorchio a cassone chiuso come quelli che ad esempio trasportano scatoloni, cibo o altra merce ordinaria, e gli altri grossi camion dei veleni che scaricavano nella ex cava dei Piattella ad Aprilia, a un tiro di schioppo dalla carreggiata nord della Pontina, quella verso Roma. Da fonti giudiziarie si apprende che uno era proprio di Aprilia, Manzini Alberto che figura tra i 16 soggetti incarcerati nella retata di ieri 27 luglio. Tra l'altro, risulterebbe anche come patron della ditta IUMA Srl, tra le ditte che gli inquirenti definiscono “associate” al presunto sodalizio criminale. Sempre per la IUMA Srl, a trasportare i carichi di rifiuti sarebbero stati poi Ulisse Iacoangeli e Federico D'Errico Laterza. Secondo il Giudice per le indagini preliminari, davano un servizio completo: guidavano camion della Iuma Srl, “occupandosi anche del successivo sversamento”. Per la solita ditta del Manzini, ci sarebbe anche un certo Franco, non meglio identificato. Nelle carte giudiziarie spuntano come camionisti tale Massimo Donnarumma e Riccardo Cogoni, che avrebbe trasportato camion con tanto di logo di un'azienda di Aprilia, che ha un certo rilievo nel settore recupero rifiuti. Oltre alle telecamere dei poliziotti, nella vecchia cava c'erano pure quelle della videosorveglianza, e quelle immagini non sono finite sottoterra. Inoltre ci sarebbe Viorel Achim, con rifiuti “provenienti dalla società Edilidea Srl” e su camion della stessa ditta che ha sede a Roma, in via Castel Porziano. Anche tutti costoro, scrive il Giudice che ha disposto gli arresti, avrebbero svolto l'attività “occupandosi anche del successivo sversamento”. Rifiuti provenienti dalla Ditta Giulia 2003 Srl sarebbero stati trasportati a bordo di veicoli pesanti da Sante Lucidi e Massimo Giacomi. Il trasporto e lo sversamento di altri carichi provenienti da aziende rimaste per ignote per ora, sono Antonino e Riccardo Piattella, padre e figlio, ritenuti dagli investigatori boss e “gestore a tutto tondo” della ex cava trasformata in cimitero di rifiuti abusivo. Con loro, tra i presunti guidatori dei camion eco-mostri, anche uno degli altri arrestati coi, Elio Bacci detto “Mauro”. E ancora: l'apriliano Patrizio Telesca di 36 anni, Alessandro Papi 35enne nato a Genzano di Roma, Aldo Puca 35enne, Cristinel Esanu nato in Romania 41 anni ed un certo Zanotti non meglio identificato. Anche per loro gli inquirenti sono convinti che curassero anche lo sversamento finale nella discarica abusiva.

Gli sversamenti, riferisce al giornale il Caffè uno dei segugi che ha curato le indagini, hanno prodotto un innalzamento importante del suolo. «Dopo gli sversamenti, subito tappavano il tutto con la stessa terra scavata per creare le grosse buche – rivela l'investigatore al Caffè -. Hanno rialzato il piano di campagna, cioè il livello del suolo, di almeno dieci metri dal febbraio 2016, quando abbiamo iniziato le indagini, si può immaginare che enormi quantità di rifiuti abbiano depositato nella ex cava: c'è di tutto lì sotto, la terra la toglievano e la rimettevano». In un sopralluogo effettuato nella ex cava prima dell'apposizione dei sigilli della direzione distrettuale antimafia, nel sito noi del Caffè abbiamo rinvenuto polveri di colore giallastro ed altri rifiuti ancora ben visibili. Cosa è finito là sotto potranno dircelo le analisi dei campioni che oggi, 28 luglio, hanno avviato l'Arpa Lazio ed il consulente esterno nominato dalla Procura della Repubblica di Roma.  



Articoli Correlati:

26/08 Aprilia, udienza al Riesame Rifiuti pericolosi interrati nella cava: ai domiciliari uno degli autisti Accusato di essere uno degli autisti che portavano i rifiuti nella discarica abusiva di via ...
09/08 Aprilia, l'operazione della PolStrada Rifiuti interrati nella cava, il Riesame manda 7 persone ai domiciliari Sono usciti dal carcere otto delle 16 persone arrestate lo scorso 27 luglio per una ...
01/08 Interrogazione parlamentare di Iannuzzi Rifiuti interrati nella cava: «Il Governo tuteli la salute degli apriliani» Mentre proseguono gli interrogatori dei 21 indagati, coinvolti nello scandalo della cava di Aprilia trasformata ...
27/07 Rifiuti tossici interrati I nomi della banda dei rifiuti: i boss di Aprilia, altri dei Castelli Romani Sono stati resi noti i nomi dei 22 indagati, 16 finiti in carcere, nell'ambito dell'inchiesta ...
30/03 Campoverde, scoperta dei Carabinieri Scoperta discarica da 20mila mq di rifiuti pericolosi: denunciato 69enne Nella giornata di ieri i Carabinieri di Aprilia, in collaborazione con i colleghi del nucleo ...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
07:16 1508822160 Pallanuoto, Gli Under 9 ed Under 11 della Roman Sport City brillano ad Aprilia
23/10 1508788080 Serie C1 Girone B. La Fortitudo Futsal Pomezia sale sull’ottovolante
23/10 1508771520 Successo senza sforzo al Centro di Formazione Nls Academy di Pomezia
23/10 1508769180 Un gufo reale fa il nido in piazza Mazzini a Nettuno, ecco le immagini
23/10 1508769060 Alicandri: “Biotestamento, nell’Appello dei Sindaci manca solo Casto da Nettuno”
23/10 1508768880 Il nuovo segretario del Pd di Anzio: “Ci lasceremo alle spalle le sconfitte”
23/10 1508768400 Girone G. Anzio Calcio, prosegue la maledizione del Bruschini
23/10 1508767380 Serie C, Girone B. Onda Volley Anzio, è un inizio devastante
23/10 1508766000 Rugby, Serie C1 Girone G. Rugby Anzio, trasferta amara a Segni
23/10 1508765880 Black out a Torvaianica Alta: arriva il risarcimento danni per alcuni residenti
23/10 1508764860 Serie B, la Bull Basket Latina cade a Santa Marinella nella seconda giornata
23/10 1508762760 Serie C1 Girone B. La United Aprilia travolge il Parioli
23/10 1508762040 Superlega, una Top Volley incerottata si arrende a Bari nella seconda giornata
23/10 1508761980 Scarsa igiene e pulizia in due scuole di Pomezia: l'allarme del sindaco
23/10 1508761200 Girone G. Il Latina Calcio non sfonda a Sassari
23/10 1508760600 Fermati rom che avevano rubato un cartone di sigarette in una tabaccheria
23/10 1508759940 Incidente sulla Pontina: Smart ribaltata all'altezza di Castel Romano
23/10 1508755200 Puliamo Parco Chigi, volontari e associazioni al lavoro per il decoro urbano
23/10 1508750340 Allarme sicurezza alle autolinee: furti, ragazze infastidite e aggressioni
23/10 1508749440 Spettacolo per costruire una scuola in Sierra Leone con la compagnia I Senzanome
23/10 1508747820 Ardea, paura davanti alla scuola: bambino scompare davanti ai cancelli
23/10 1508745300 Tornano i vandali a scuola ad Ardea: via Tanaro chiusa fino al 27 ottobre
23/10 1508744700 Impianto a rifiuti su falde di Aprilia e Velletri: in Regione No di 200 aziende
23/10 1508743380 Magrebino sposa un'italiana per ottenere il permesso di soggiorno: denunciati
23/10 1508739900 Dopo le 15 lauree, per Luciano Baietti arriva l'Italian Values Award