[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Affari anche a Lariano, Anzio, Latina

Clan Mallardo, condanne definitive per Peppe ‘o ciuccio e i fratelli Dell'Aquila

Il clan camorristico Mallardo si è allargato e ha fatto affari anche nelle province di Latina e Roma. A stabilirlo in via definitiva è stata la Corte di Cassazione, confermando le condanne inflitte a Giuseppe, Giovanni e Domenico Dell’Aquila, ritenuti dall’Antimafia parte dell’associazione per delinquere di stampo mafioso. I tre sono stati condannati rispettivamente a 21, 14 e 13 anni di reclusione. Una sentenza emessa nel 2014, al termine del processo denominato “Arcobaleno”, dal Tribunale di Napoli, confermata dalla Corte d’Appello e resa definitiva dalla Suprema Corte.

Per i giudici i Dell’Aquila erano parte di un’associazione di stampo mafioso impegnata nel controllo di attività economiche, anche attraverso la gestione monopolistica di interi settori imprenditoriali e commerciali e in particolare del settore edilizio, nell’ottenere illecitamente concessioni e di autorizzazioni amministrative, nell’acquisizione di appalti e servizi pubblici, nel controllo delle amministrazioni pubbliche, soprattutto a livello locale, nel reinvestimento speculativo, in attività imprenditoriali, immobiliari, finanziarie e commerciali degli ingenti capitali derivanti dalle attività criminali sistematicamente esercitate, ovvero estorsioni in danno di imprese affidatarie di pubblici e privati appalti e di esercenti attività commerciali, traffico di sostanze stupefacenti, usura ed altro. Un’organizzazione criminale in grado anche di assicurare impunità agli affiliati attraverso il controllo, realizzato anche con la corruzione, di organismi istituzionali, di affermare il controllo egemonico sul territorio, anche attraverso la contrapposizione armata con organizzazioni criminose nel tempo rivali e la repressione violenta dei contrasti interni, operando a Giugliano in Campania, Villaricca, Qualiano e allargatasi nel Lazio a Lariano, Anzio, Sabaudia, Terracina e Fondi.

In particolare Giuseppe Dell’Aquila, detto Peppe ‘o ciuccio, è stato inquadrato come esponente dell’organizzazione e gli altri due come affiliati, dediti in particolare all'organizzazione e allo sviluppo delle attività imprenditoriali necessarie per gli investimenti del sodalizio e per il reimpiego di provviste illecite, soprattutto nel settore immobiliare, tra Giugliano in Campania e nelle province di Napoli, Caserta, Roma, Latina, Bologna, Ferrara e Cosenza, dal 1994 all’aprile 2009. Domenico Dell’Aquila, tra l’altro, è stato ritenuto autore di intestazioni fittizie della New Auto 1 srl, società impegnata nel commercio di auto a Formia, per evitare confische. La Suprema Corte ha rigettato i ricorsi ritenendoli basati su motivi in parte inammissibili e in parte infondati.

Respinte le contestazioni sulle dichiarazioni dei pentiti Salvatore Izzo, Vincenzo De Feo, Raffaele Ferrara e Gaetano Vassallo. “Oltre alle dichiarazioni dei molteplici collaboratori di giustizia – sottolineano gli ermellini - i giudici di merito hanno valorizzato gli esiti delle attività di intercettazione e gli accertamenti di ordine patrimoniale, compiuti dal Gico della Guardia di Finanza e dal consulente tecnico dell'accusa, pervenendo, quindi, ad accertare, attraverso un'attenta disamina del copioso compendio probatorio, l'esistenza di una compagine camorristica, incentrata sui fratelli Giuseppe e Francesco Mallardo ed avente come uomo di vertice Dell'Aquila Giuseppe”. Un pronunciamento che rende definitive anche le confische dei beni dei Dell’Aquila.

Clemente Pistilli

Tags: lariano  sabaudia  mallardo 


[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
19:19 1510942740 Fermato per un controllo ad Aprilia: in auto aveva la droga. Arrestato 40enne
18:40 1510940400 Acqua, indagine della Regione per la ripubblicizzazione. Acqualatina nel mirino
17:56 1510937760 Comune, dipendenti e sindacati chiamati dal Prefetto: l'Amministrazione non va
17:01 1510934460 La Green Economy pontina 2.0 sbarca nella Capitale
16:36 1510932960 125esimo anniversario dei Vigili del Fuoco, tre giorni di festa con i pompieri
16:24 1510932240 Scontro auto-camion sulla Pontina verso Roma, si viaggia su una sola corsia
15:24 1510928640 Ex militare dell'Aeronautica si uccide con un colpo di pistola alla testa
15:03 1510927380 Paradossi e giochi di parole con Ivan Talarico: il concerto all'ex Mattatoio
14:47 1510926420 Raccolta fondi non autorizzata con il logo del Comune. Indagini in corso
14:26 1510925160 Sermoneta e Bassiano sono tra le “100 mete d'Italia”: premiazione in Senato
14:07 1510924020 Rubate le persiane al palazzo pericolante in attesa di demolizione a Nettuno
13:28 1510921680 Schiaffo all’arbitro donna per un rosso non gradito: squalificato fino al 2021
12:55 1510919700 Sorpreso a spacciare cocaina: la nascondeva nelle sorprese degli ovetti
11:56 1510916160 Da Cisterna alla prima serata di Rai Uno: la favola del 13enne cantante Sergio
11:54 1510916040 Mense scolastiche ad Anzio, 16mila pasti gratuiti ogni anno ai disagiati
11:51 1510915860 Addio a Giggiotto Bartolucci del Bar Olimpico a Nettuno, il ricordo degli amici
11:47 1510915620 Tentano di smurare un bancomat ad Anzio, messi in fuga dai Carabinieri
09:30 1510907400 Il Tribunale annulla il licenziamento di una giovane mamma: «era pretestuoso»
09:20 1510906800 Albano, quasi ultimata la pavimentazione di corso Cavour: a breve la riapertura
09:20 1510906800 2 centri di accoglienza verso la chiusura. 100 migranti in arrivo in via Nascosa
09:13 1510906380 Tagliava pini nel suo giardino, ma non aveva l'autorizzazione comunale: multato
08:47 1510904820 Beccato a rubare in 4 auto e a metterne in moto una quinta: arrestato 23enne
08:36 1510904160 Ispezione al mercato ortofrutticolo di Latina: irregolarità e multe
08:24 1510903440 Il Tar respinge il ricorso del Comune di Aprilia: Casello 45 resta chiuso
08:20 1510903200 Sezze Scalo presa di mira dai ladri: nuovo bar derubato di sigarette e monete