[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Affari anche a Lariano, Anzio, Latina

Clan Mallardo, condanne definitive per Peppe ‘o ciuccio e i fratelli Dell'Aquila

Il clan camorristico Mallardo si è allargato e ha fatto affari anche nelle province di Latina e Roma. A stabilirlo in via definitiva è stata la Corte di Cassazione, confermando le condanne inflitte a Giuseppe, Giovanni e Domenico Dell’Aquila, ritenuti dall’Antimafia parte dell’associazione per delinquere di stampo mafioso. I tre sono stati condannati rispettivamente a 21, 14 e 13 anni di reclusione. Una sentenza emessa nel 2014, al termine del processo denominato “Arcobaleno”, dal Tribunale di Napoli, confermata dalla Corte d’Appello e resa definitiva dalla Suprema Corte.

Per i giudici i Dell’Aquila erano parte di un’associazione di stampo mafioso impegnata nel controllo di attività economiche, anche attraverso la gestione monopolistica di interi settori imprenditoriali e commerciali e in particolare del settore edilizio, nell’ottenere illecitamente concessioni e di autorizzazioni amministrative, nell’acquisizione di appalti e servizi pubblici, nel controllo delle amministrazioni pubbliche, soprattutto a livello locale, nel reinvestimento speculativo, in attività imprenditoriali, immobiliari, finanziarie e commerciali degli ingenti capitali derivanti dalle attività criminali sistematicamente esercitate, ovvero estorsioni in danno di imprese affidatarie di pubblici e privati appalti e di esercenti attività commerciali, traffico di sostanze stupefacenti, usura ed altro. Un’organizzazione criminale in grado anche di assicurare impunità agli affiliati attraverso il controllo, realizzato anche con la corruzione, di organismi istituzionali, di affermare il controllo egemonico sul territorio, anche attraverso la contrapposizione armata con organizzazioni criminose nel tempo rivali e la repressione violenta dei contrasti interni, operando a Giugliano in Campania, Villaricca, Qualiano e allargatasi nel Lazio a Lariano, Anzio, Sabaudia, Terracina e Fondi.

In particolare Giuseppe Dell’Aquila, detto Peppe ‘o ciuccio, è stato inquadrato come esponente dell’organizzazione e gli altri due come affiliati, dediti in particolare all'organizzazione e allo sviluppo delle attività imprenditoriali necessarie per gli investimenti del sodalizio e per il reimpiego di provviste illecite, soprattutto nel settore immobiliare, tra Giugliano in Campania e nelle province di Napoli, Caserta, Roma, Latina, Bologna, Ferrara e Cosenza, dal 1994 all’aprile 2009. Domenico Dell’Aquila, tra l’altro, è stato ritenuto autore di intestazioni fittizie della New Auto 1 srl, società impegnata nel commercio di auto a Formia, per evitare confische. La Suprema Corte ha rigettato i ricorsi ritenendoli basati su motivi in parte inammissibili e in parte infondati.

Respinte le contestazioni sulle dichiarazioni dei pentiti Salvatore Izzo, Vincenzo De Feo, Raffaele Ferrara e Gaetano Vassallo. “Oltre alle dichiarazioni dei molteplici collaboratori di giustizia – sottolineano gli ermellini - i giudici di merito hanno valorizzato gli esiti delle attività di intercettazione e gli accertamenti di ordine patrimoniale, compiuti dal Gico della Guardia di Finanza e dal consulente tecnico dell'accusa, pervenendo, quindi, ad accertare, attraverso un'attenta disamina del copioso compendio probatorio, l'esistenza di una compagine camorristica, incentrata sui fratelli Giuseppe e Francesco Mallardo ed avente come uomo di vertice Dell'Aquila Giuseppe”. Un pronunciamento che rende definitive anche le confische dei beni dei Dell’Aquila.

Clemente Pistilli

Tags: lariano  sabaudia  mallardo 


[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
12:03 1516532580 Forza Italia ad Aprilia sceglie un triumvirato per riorganizzare la coalizione
11:50 1516531800 Velletri, sbanda con l'auto, abbatte i pali della luce e sfonda un muretto
11:40 1516531200 Ciampino, ciclista sbatte contro lo sportello di un'auto: grave in ospedale
10:12 1516525920 Frontale sulla Nettunense tra due suore e un ragazzo: 22enne in codice rosso
20/01 1516471140 Incidente ai Pratoni del Vivaro: auto si cappotta e finisce nei terreni del Coni
20/01 1516470780 A Monteporzio Festa della Polizia Locale dei Castelli, Monti Prenestini e Lepini
20/01 1516470720 Deportivo ad Anzio, la Corte dei Conti dissequestra i beni di Criserà
20/01 1516470240 San Sebastiano, la Polizia locale di Nettuno “cuore e mano della città”
20/01 1516469940 San Sebastiano, la Polizia locale di Anzio “primo riferimento della città”
20/01 1516467120 L'editore de Il Caffè dal Papa: «Santità, Le scrivo ciò che non ho potuto dirle»
20/01 1516461780 Lavoratori senza stipendio, si ferma la raccolta dei rifiuti ad Ardea
20/01 1516460400 Liquami nei garage, il Sindaco di Albano ordina al Campidoglio di fare i lavori
20/01 1516445580 Serie D, Girone A. Un grande Simone Valenza fa volare l'Ardea Calcio a 5
20/01 1516444800 Sulla spiaggia di Nettuno la rievocazione dello sbarco alleato del 1944
20/01 1516443900 Imbrattato il monumento ai caduti, polemiche sui social. La condanna del sindaco
20/01 1516442280 Sesso con una 13enne conosciuta sui social: studente di 26 anni indagato
20/01 1516442160 Terza Divisione, Girone C. Volley Academy Pomezia, l'esordio è da urlo
20/01 1516441320 Elezioni Rsu alla nuova Ompi, il trionfo del sindacato Confail
20/01 1516440840 Storia dell'aeronautica nell'agro pontino: gli incontri al centro anziani
20/01 1516440600 I disabili di Velletri chiedono il ripristino della rampa alla Cattedrale
20/01 1516438440 Nuovo allestimento museale per la Locanda Martorelli di Ariccia
20/01 1516438140 Volano gli stracci (social) nell'amministrazione cinquestelle di Pomezia
20/01 1516436460 Carne congelata lavorata in bagno: i Nas chiudono un negozio di alimentari
20/01 1516436040 Auto a fuoco per la terza volta: il responsabile fugge ma ha un incidente e...
19/01 1516385520 Operaio 50enne muore cadendo da tetto: cordoglio a Cisterna