[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Dati vecchi sulla qualità dell'acqua

Acqua all’arsenico, zero trasparenza: introvabili i dati completi ed aggiornati

La quantità è sempre minore. E la qualità delle acque potabili? Dove sono i dati completi e aggiornati come si deve sulle caratteristiche organolettiche, microbiologiche, fisiche di quel che arriva nei nostri rubinetti? I siti internet di Acea Ato2 e Acqualatina, ma pure delle Asl, annaspano. Quelle competenti per Roma non pubblicano nulla e basta.  Tutti dovremmo essere messi in condizione di sapere agevolmente se gli acquedotti pubblici sono contaminati. Tanto più che anche ultimamente sono state rilevate concentrazioni di arsenico fuorilegge.

ARSENICO: DOVE SONO I DATI?
Ma lentezza e opacità persino riguardano anche arsenico e fluoruri, che ci sono costati una lunga e grottesca emergenza. Si è opachi persino in un periodo come questo, in cui le falde idriche si abbassano con il conseguente rischio che aumentino le concentrazioni di arsenico negli acquedotti, poiché occorre pescare più in profondità, dove si deposita appunto l'arsenico. Per l’eccesso di questo metallo pesante, con il cappello in  mano (e l'altra mano a fare chissà cosa) i governi nazionale e regionale in combutta coi gestori idrici volponi e inefficienti, avevano elemosinato dall'Unione europea ben tre deroghe per 9 anni: lo strappo alla regola che vieta di spacciare acque con oltre 10 microgrammi di arsenico per litro (µg/l), limite fissato a novembre 1998 con la direttiva europea 98/83/CE. Ora, dopo quell'emergenza e quasi 20 anni dopo dalla direttiva, facciamo i vaghi. Non potendo più alzare il valore massimo consentito, si svicola sulle analisi?

CASTELLI ROMANI: DATI VECCHI E QUALCHE SFORAMENTO
Per Roma e per i Castelli Romani, epicentro dell'emergenza arsenico in provincia, il sito Acea fornisce qualche generico valore medio.
È come se diciamo a uno di non preoccuparsi perché la sua pressione sanguigna massima risulta mediamente a 130. Ma se quello ha avuto per dieci anni la massima a 100 e poi a 160 per altri dieci anni - affetto cioè da ipertensione - gli dici che è a posto in base al “valore medio”? Mentre la Asl Roma6 su internet offre dati vecchi e incompleti, con interi mesi saltati. I più ‘recenti’ risalgono a mesi fa, alcuni a febbraio, molti a marzo, qualcuno ad aprile. Attenzione: appare impossibile rintracciarli entrando direttamente nel sito, occorre invece - stranamente - fare la ricerca con le parole “fluoruri asl rmh”. Perché? Alcuni dati degni di nota. Ariccia ha i dati fermi a febbraio: tre valori, con il non rassicurante 9 µg/l di arsenico in Largo Savelli e piazza San Nicola (il limite è 10). I valori più ‘nuovi’ risalgono per Lanuvio al 22 febbraio (al limite massimo consentito l’acqua in piazza Mazzini: 10 µg/l; a 9 µg/l quella in via Borgo San Giovanni). Genzano a singhiozzo: dati solo al 17 febbraio e 10 aprile. Parliamo di due Comuni ove la situazione era così grave che hanno dovuto mettere i dearsenizzatori. Uno sforamento si registra a Castel Gandolfo in via Nettunense: 12 microgrammi/litro il 13 marzo. Il 14 aprile quel valore è sceso a 3. E ora? Non si sa. Molto imbarazzante Velletri, uno dei Comuni in assoluto più colpiti da siccità e arsenico: i dati ‘nuovi’? Tra le pieghe del sito Asl Rm6 siamo riusciti a rintracciare un unico, misero risultato di un solo prelievo in contrada Acqua Palomba (inferiore a 1 µg/l). 

ROMA: ACEA DICE POCO, LA ASL ZERO
Il sito internet di Acea Ato2 Spa,  offre un solo valore per quasi tutto il IX Municipio di Roma, dov’è distribuito il Caffè: 4,5 microgrammi al litro, dato riferito a dicembre scorso. Con qualche buco: ad esempio, se cerchi dati su via dei Caduti della Resistenza a Spinaceto o su Castel Romano, non dice nulla. Dunque un solo valore, e pure vecchio, per Torrino, Eur, Spinaceto, Laurentino 38, Laurentina, Cecchignola, Tre Fontane, rotta Perfetta, Tor Marancia, Trigoria, Castel di Leva, Vallerano. Se cerchi Pomezia nella favolosa mappa della qualità dell'acqua su acea.it, ti mostra solo una freccetta blu senza alcun dato. E le Asl romane, organi di tutela della salute pubblica? Fantasmi. Sui loro siti istituzionali noi non siamo riusciti a trovare uno straccio di dato sulla qualità delle acque potabili nella Capitale. Inesistenti i Comuni: zero notizie sui loro siti web, sebbene ciascun Sindaco è per legge la massima autorità in materia sanitaria nel territorio municipale. 

SFORAMENTI SUL LITORALE
Sul litorale romano sud, il sito web della Asl Rm6 riporta dati fermi al marzo scorso. Nettuno desta attenzione, rispettivamente con 14 microgrammi per litro di arsenico in via Matteotti e 10 a Tre Cancelli centro e 9 in piazza del Mercato e via “pisc Tre Cancelli” e via Scopone a febbraio. In quel mese altri sforamenti avevano indotto il Sindaco a ordinare il blocco dell’erogazione: 13 µg/l a piazzale Liberati, 12 in via della Liberazione, via Eolo e via Tre Cancelli. Nulla sul report dell’Asl. Si tratta di acqua che arriva dalle sorgenti di Carano e Giannottola (Aprilia). Le fontane nettunesi a marzo, ultimo mese reso noto, hanno riportato valori non bassissimi, ma comunque entro il limite legale di 10. Occhio ad Anzio: arsenico 4 volte a 9 µg/l, dieci 10 volte a 8 µg/l e 12 casi a 7. Su Ardea e Pomezia i dati Asl si fermano a marzo. I valori più alti: 7 µg/l in piazza Poerio ad Ardea e 8 in via Selva dei Pini a Pomezia. I grandi idro-manager dovrebbero impallidire di fronte alla Idrica Spa, piccola società che gestisce l'acqua ad Ardea: è l'unico gestore che offre dati meno vecchi, con analisi mensili dall'agosto 2016, aggiornati al 12 giugno 2017. Ulteriore conferma della distanza tra efficienza e trasparenza e certe privatizzazioni sottobanco con le multinazionali. Gli ultimi dati resi noti sul sito web di Idrica indicano tre punti di prelievo, via Campo di Carne, Nuova Florida e piazza Mazzini, con concentrazioni di arsenico rispettivamente di 6, 4 e 7 e µg/l. 
 
SFORAMENTI AD APRILIA
Sul proprio sito internet Acqualatina per quasi tutti i Comuni riporta valori (medi?) riferiti ad un generico “Periodo di monitoraggio: II semestre 2016”. Con l'accortezza, però, di indicare almeno il punto di prelievo a differenza di Acea.  Per Aprilia, Anzio, Nettuno, Cisterna, Latina, Sezze e Cori, epicentro dell'emergenza arsenico e delle deroghe in passato, i valori sono riferiti  ad un “aggiornamento trimestrale 01 gen - 31 mar 2017”. Comunque ben prima dell'attuale periodo siccitoso che fa abbassare le falde e alzare il rischio arsenico. Le date sono importanti: le concentrazioni possono cambiare anche in breve lasso di tempo. La Asl pontina su internet riporta per moltissimi Comuni dati stravecchi anche di anni e qualcuno risalente per lo più allo scorso inverno, massimo ad inizio primavera. La Asl indica su Aprilia 4 analisi sopra il limite massimo ammissibile di 10 µg/l: a marzo in pieno centro  12 µg/l a piazza Croce, a piazza della Repubblica (“al monumento”) 11 µg/l, su viale Europa 11 µg/l e infine 12 in via Mediana a Campoverde. Chi ha avvisato la popolazione? Ad aprile la fontanella in piazza Repubblica è scesa a 9 e le altre tre a 10. Tra il 5 maggio e il 13 giugno scorsi accanto a questi ed altri quattro punti di prelievo, c'è scritto “n.p.” non pervenuto. Perché? 

LATINA E DINTORNI AL LIMITE
Su Latina il dato meno vecchio diffuso sul sito internet della Asl riguarda la fontana in zona cimitero (meno di un microgrammo il 26 aprile scorso). Tra il 5 e 10 aprile risultano 4 valori al limite (10 µg/l a Capoportiere e nei Borghi Bainsizza, Sabotino e Santa Maria, e 8 microgrammi in via Aspromonte, dove a marzo spuntano 11 µg/l). E in pieno centro? L'ultimo valore reso noto sul sito Asl riguarda Piazza del Popolo: 7 µg/l in data 7 marzo 2017. Cisterna: i due dati meno vecchi risalgono al 4 aprile 2017, entrambi sotto i 10 microgrammi/litro. La Asl indica poi altre due fontane cisternesi con la data 23/05/2017, ma senza alcun risultato, solo un “n.p.”: non pervenuto. Perché? A Cori i valori dell'arsenico resi noti dalla Asl – nella norma - si fermano al 2 maggio scorso. Per giugno dati “non pervenuti”: perché? Su Sezze l'informazione più fresca risale al 7 ottobre scorso (4µg/l a Porta Pascibella). 
I più 'aggiornati' valori pubblicati dalla Asl per diversi Comuni pontini risalgono al 2015. È il caso di Sermoneta, Priverno, Sabaudia, Norma o Pontinia. Ancora più ammuffiti per altre città: Terracina e San Felice sono ferme al gennaio 2012 e Fondi al mese successivo. Formia, Ventotene ed altri Comuni al 2010 e così via. Record per Ponza: tre sole analisi dal 2007 al 2009. Poi più nulla sul sito internet dell’Asl.

Tags: acqua  arsenico  acea  acqualatina 


Articoli Correlati:

29/07 Informazione a secco Arsenico nell’acqua: mistero sui valori. Intanto la siccità peggiora il problema La quantità è sempre minore. E la qualità delle acque potabili? Dove sono i dati ...
23/08 Nuovo impianto a Carano Giannottola Arsenico nell'acqua: da domani (forse) i valori tornano nella norma "Come annunciato nella giornata di ieri - fa sapere Acqualatina - oggi è stato installato ...
30/08 Intervento in programma il 31 agosto Latina resta senz'acqua per mezza giornata. Rubinetti chiusi ai piani alti "Al fine di permettere lavori di manutenzione straordinaria sulla rete idrica in Via Giulio Cesare, ...
26/08 Ad Aprilia, Latina e Nettuno L'acqua torna potabile, le analisi certificano l'abbassamento dell'arsenico L'acqua di Aprilia è tornata potabile. Il Sindaco di Aprilia Antonio Terra ha revocato questa ...
19/08 Aprilia, ecco dove Arsenico nell'acqua: autobotte anche a Campoverde e Campo di Carne Il Comune di Aprilia fa sapere che è attiva una terza autobotte per l'acqua potabile, ...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
24/11 1511542320 Palazzo fatiscente e pericoloso a Piazza Pia, ordinanze ignorate dal 2001
24/11 1511538540 Porto Rio Martino verso realizzazione, sopralluogo presidente Della Penna
24/11 1511532720 Pomezia, occupazioni abusive, miasmi e degrado: così muore Santa Palomba
24/11 1511530860 Nuova vita per i giardini "Pucci" di Pomezia, presto lavori di riqualificazione
24/11 1511529660 A sei mesi dall'incendio Eco X Canale 5 chiede lumi sulla bonifica del sito
24/11 1511529300 Ardea, le farmacie comunali non saranno vendute: ok alla gestione privata
24/11 1511528880 Tre nuove corse Cotral da Aprilia a Borgo Piave per gli studenti del S.Benedetto
24/11 1511528220 Pomezia, "prove tecniche di coalizione" tra Pd e Psi. Ma non tutti "collaborano"
24/11 1511526780 Città di Pomezia, arrivano i primi 2 colpi dalla sessione invernale del mercato
24/11 1511525280 Scontro tra un'auto e un bus Cotral sull'Appia, gravi madre e figlio
24/11 1511519040 Tombino che sgorga in spiaggia a Nettuno, ma sono acque bianche
24/11 1511518200 Al lavoro il primo Prefetto donna di Latina: sul tavolo la questione migranti
24/11 1511517960 Un flash mob a Frascati per dire 'no' alla violenza contro le donne
24/11 1511517840 Nemmeno con un fiore, le iniziative contro la violenza sulle donne a Cisterna
24/11 1511517480 Ultimi due appuntamenti con Tendance 2017 a Opera Prima Teatro
24/11 1511517360 Premiato il progetto per la costruzione della nuova scuola di piazza Zampetti
24/11 1511517060 Alessandro Cartelli lascia il comando della Polizia Locale di Cori e Lariano
24/11 1511515980 L'associazione Gap in prima linea per la lotta ai cambiamenti climatici
24/11 1511515020 Tentato furto a Nettuno, i ladri in fuga rischiano di investire una donna
24/11 1511514900 Ciampino, forse si salva un pezzo di Agro romano: Sì al museo alla Marcandreola
24/11 1511514840 Regionali a 5 stelle, il Vicesindaco Mancini incontra i Meetup di Nettuno
24/11 1511513640 Un successo la manifestazione "Non è amore" contro la violenza sulle donne
24/11 1511509560 Velletri, iniziative per la Giornata Mondiale contro la Violenza sulle donne
24/11 1511507580 Inseguimento per le strade di Campoverde: a bordo 4 rom con strumenti da scasso
24/11 1511507280 Ladri al poliambulatorio: svuotata la cassa automatica per le prenotazioni