[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

I 2 Comuni presentano progetti solitari

Rifiuti, Ardea e Pomezia chiedono fondi per l'umido (ma separatamente) FOTO

<
>
Piccolo è bello e conviene - Una compostiera di comunità
Piccolo è bello e conviene - Una compostiera di comunità

Due Comuni confinanti e a 5Stelle, ma con una politica di gestione del ciclo dei rifiuti diametralmente opposta. Ardea e Pomezia hanno partecipato – ognuno per sé - al bando della Regione Lazio scaduto lo scorso 9 ottobre che mette a disposizione 56,7 milioni di euro per il triennio 2017-2019 destinati a favorire la diffusione delle compostiere domestiche, condominiali e di comunità. Parliamo dei contenitori più o meno grandi dentro cui in soli tre mesi tutti i rifiuti umidi - cioè avanzi alimentari e sfalci erbacei - si trasformano in fertilizzante che può essere riutilizzato in agricoltura o per vasi, orti e giardini. Una modalità, perciò, che va nella direzione opposta dei grandi impianti, come ad esempio le tre fabbriche previste una a Pomezia e due ad Ardea. È anche questo l'obiettivo dell'operazione annunciato dal Presidente del Lazio Nicola Zingaretti e dal suo Assessore all'ambiente Mauro Buschini.

I PROGETTI DI ARDEA E POMEZIA
Ardea, per i suoi circa 49mila residenti, ha predisposto un progetto che punta in tre anni alla diffusione massiccia del piccolo compostaggio su tutto il territorio comunale, per questo chiede 721mila euro di finanziamento. Così stabilisce la deliberazione n. 24 del 9 ottobre votata dalla Giunta comunale guidata dal primo cittadino, Mario Savarese. Il Comune di Pomezia, che ha invece oltre 62mila abitanti, ha elaborato un progetto decisamente più timido, con cui punta ad ottenere 236mila euro per l’introduzione del compostaggio nel prossimo triennio nella sola “località Querceto”. Il progetto è stato approvato il 9 ottobre con la deliberazione n. 190 dalla Giunta municipale presieduta dal sindaco, Fabio Fucci, da 4 anni e mezzo alla guida del Municipio pometino. 

UNIONE DI COMUNI, OCCASIONE PERSA
Stupisce il fatto che i due Comuni, benché attaccati e con una certa omogeneità territoriale, non abbiano partecipato insieme al bando regionale, come hanno fatto ad esempio Latina, Aprilia, Sabaudia, Pontinia e Sermoneta che si sono riuniti in associazione di Comuni. È quel che in gergo si chiama ‘Unione dei Comuni’. In sostanza, permette di costruire isole ecologiche in punti strategici raggiungibili dai cittadini di due o più Comuni, o acquistare più compostiere ad un prezzo più basso. Ma può anche aiutare a razionalizzare il servizio e i costi di gestione, ma soprattutto ad abbattere il costo delle bollette. Il Presidente del Lazio, Nicola Zingaretti, parla di “riduzioni della tassa fino al 15%”. L’Unione dei Comuni è obbligatoria per legge dal 2000 per gestire i servizi pubblici essenziali quali trasporti, sanità e rifiuti, fare  la pianificazione urbanistica, in modo da essere più competitivi sul mercato. Sono moltissimi i Comuni inadempienti, si preferiscono le vecchie municipalizzate, che rappresentano per i politici ghiotti bacini elettorali e per vari elettori un modo per trovare un posticino o una poltroncina. A volte, molto più semplicemente gli amministratori preferiscono non intaccare certi monopoli. 
Tra l'altro, partecipare al bando regionale in associazione significava  avere maggior punteggio e quindi più possibilità di ottenere i fondi. 

LA ‘GUERRA’ DELL’UMIDO?
Al contrario dei cosiddetti ‘bio’gas, il compostaggio in piccoli contenitori anziché in grandi impianti è considerato da buona parte della comunità scientifica l’unica alternativa davvero sostenibile e ad impatto zero per trattare i rifiuti umidi, che rappresentano circa il 35% del totale della spazzatura urbana. I 'bio'gas sono impianti industriali che oltre all’organico proveniente dal porta a porta, spesso ricevono anche fanghi di fogna e industriali, scorie di inceneritori, deiezioni e scarti industriali di vario genere. Producono percolati inquinanti e filtri industriali, ovvero rifiuti speciali da smaltire in apposite discariche. Ma soprattutto danno un terriccio di scarto, chiamato compost, in cui finiscono idrocarburi e metalli pesanti: elementi chimici molto pericolosi per la salute umana e l’ambiente. Tale sottoprodotto non di rado viene utilizzato anche come fertilizzante agricolo. Si tratta di un problema che i Comuni dei Castelli conoscono particolarmente bene, visto che la Volsca Ambiente e Servizi, la municipalizzata dei rifiuti di Albano, Velletri e Lariano, vuole costruire un grosso impianto da 30mila tonnellate all’anno di rifiuti a Velletri, in contrada Lazzaria-Colle Rosso. Inoltre, nell’area a sud di Roma ne stanno spuntando come funghi altri 9 per complessive oltre 725mila tonnellate all’anno di immondizia. È guerra aperta perciò per accaparrarsi l’umido del porta a porta. Da un lato i soliti e ben noti ‘signori’ dei rifiuti; dall'altro il compostaggio domestico, condominiale e di comunità, realizzato dal basso. 

REGIONE: no ai grandi impianti, ma li autorizzano
«Entriamo in una fase nuova, avvicinandoci alle migliori esperienze europee e mondiali nella gestione dei rifiuti – sostiene il Governatore, Nicola Zingaretti – tutte sempre più indirizzate verso una rete diffusa di piccoli impianti di compostaggio non impattanti». Eppure l’Area rifiuti della Regione Lazio continua ad approvare grossi impianti: è il caso di quello Cogea a Pomezia, a luglio scorso. Tutti impianti destinati a trattare l’umido, cioè avanzi alimentari e sfalci erbacei, ma anche rifiuti industriali, in assenza tra l’altro di un nuovo Piano regionale dei rifiuti, il documento che dovrebbe pianificare in modo ordinato e razionale gli impianti destinati a diffondere la raccolta domiciliare della spazzatura, il porta a porta, e a favorire la riduzione, il riciclo e il riuso della spazzatura urbana. In sostanza, a fornire l’unica vera alternativa al business nocivo di discariche, inceneritori e altri grandi impianti in mano ai soliti lobbisti che dettano legge e prezzi nel settore. 

 

Pioggia di ‘bio’gas
Gli impianti industriali a ‘bio’gas si stanno diffondendo alla velocità della luce, in particolare nell’area sud di Roma dove ne potrebbero arrivare 10, destinati a trattare oltre 725mila tonnellate all’anno di rifiuti. Oltre a quello di Pomezia e ai 2 di Ardea, ne sta per sbarcare uno ad Artena, al confine con Lariano, della Greenpark Ambiente da 50mila tonnellate; uno a Velletri della Volsca Ambiente e Servizi, la municipalizzata dei Comuni di Albano, Velletri e Lariano, da 30mila tonnellate; 2 ad Aprilia proposti uno dalla Acea-Ambiente (ex Kyklos) da 60mila tonnellate (ampliamento impianto preesistente) e uno della Fri-El da 50mila tonnellate; 2 ad Anzio proposti da Green Cycle da 100mila tonnellate e dalla Anziobiowaste da 60mila tonnellate; uno nel IX municipio di Roma della Pontina Ambiente da 240mila tonnellate: il più grande d'Europa.  


Articoli Correlati:

2017 Impugnata la Via positiva Centrale Cogea a Pomezia, associazioni e cittadini fanno ricorso al Tar Si inasprisce lo scontro tra cittadini organizzati e istituzioni sull'ok della Regione alla realizzazione dell'impianto ...
2016 Eternit appena scaricato da un mezzo Sorpresi a bruciare rifiuti pericolosi: la Forestale arresta 2 persone ad Ardea Due cittadini stranieri sono stati sorpresi dal personale del Corpo Forestale dello Stato mentre erano intenti ...
2015 Emergenza degrado Ardea, la macchia di Tor San Lorenzo è ancora sommersa dai rifiuti Non contano le stagioni. D'autunno come d'estate non si ferma - ma nemmeno viene risolto ...
2015 Non firmeranno l’accordo “cappio” Discarica, NO dei sindaci al golpe Cerroni I sindaci di Genzano, Albano, Ariccia, Rocca di Papa, Lanuvio, Nemi, Ardea, Castel Gandolfo e ...
2015 Beccato dalle Guardie Ambientali In "trasferta" da Pomezia ad Ardea per scaricare rifiuti in via Monte del Lupo Pensava di non essere notato da nessuno così, nel pomeriggio di giovedì 16 luglio, ha iniziato ...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
16/01 1516125720 Ennesimo incidente sulla Pontina, tre auto si scontrano: tre feriti
16/01 1516122840 Grazie al camper della Polizia presi tre giovanissimi scippatori alle autolinee
16/01 1516119480 Ardea, cittadini occupano la Laurentina davanti all'aula consiliare "negata"
16/01 1516118520 200 kg di prodotti fitosanitari sequestrati dai Nas a Cisterna
16/01 1516116000 Topo morto sulle scale del Comune di Genzano, è il terzo caso in pochi mesi
16/01 1516114980 Multati alcuni trasgressori della differenziata, gettavano rifiuti in centro
16/01 1516113780 Manca un sito di conferimento, segnalati problemi nella raccolta dell'umido
16/01 1516112040 Degrado e buche rendono via dell'Aspro pericolosa e impraticabile
16/01 1516109040 Fausto Onori ci ripensa, pace fatta con il Rettore del Santuario di Nettuno
16/01 1516108920 Nettuno devastata dalle buche, il Dirigente toglie l’appalto alla Poseidon
16/01 1516108680 Commissione d’accesso ad Anzio, indiscrezioni dalla Prefettura negano tutto
16/01 1516108080 Marocchino ruba una felpa e spintona la dipendente del negozio: arrestato
16/01 1516107360 La soluzione del Comune per mantenere la collaborazione con le suore
16/01 1516104840 The Pink Floyd Exhibition, il chitarrista Roger Waters ricorda Aprilia e Anzio
16/01 1516099260 Quasi terminati i lavori di messa in sicurezza della via Nemorense
16/01 1516098360 Ardea, presidente del Consiglio nega uso sala consiliare all'opposizione
16/01 1516097160 Mal funzionamento di una canna fumaria, nessun rischio esalazioni
16/01 1516096920 Frontale sulla via di Frascati durante un temporale, traffico in tilt
16/01 1516093500 Pomezia, lavori sulla fognatura: Comune ordina ad Acea di finire in 10 giorni
16/01 1516088580 Carambola tra tre auto a Pomezia, ferito 60enne. Chiusa via di Torvaianica Alta
16/01 1516087620 Presentato il ricorso al tar contro il dissesto finanziario del Comune di Ardea
16/01 1516087260 Forniture idriche: comune di Sezze condannato a pagare 2 milioni alla Regione
16/01 1516087080 Rapinato del cellulare alle autolinee di Latina: prima le botte, poi la fuga
16/01 1516086120 Emergenza freddo: a Cisterna ha aperto un dormitorio per senzatetto da 10 posti
16/01 1516085760 Madre e figlia guadagnavano spacciando droga: nei guai anche clienti di Sabaudia