[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Respinta la mozione del Pd

Orari e lavori al cimitero di Genzano, 2 mozioni discusse in consiglio comunale

Nell'ultimo Consiglio Comunale ci sono state due mozioni riguardo le condizioni del cimitero di Genzano. L'intervento del consigliere di maggioranza (5stelle) Claudio Mariani: "Nel mese di aprile 2017 il sindaco ha emesso un’ordinanza con la quale si definivano i nuovi orari di apertura al pubblico del cimitero comunale, stabilendo una chiusura settimanale ed una fascia di chiusura giornaliera dalle 13:00 alle 15:30 durante orario estivo e dalle 12:30 alle 14:00 in orario invernale nei giorni feriali. Il gruppo PD ha poi presentato tale mozione per il ripristino dei vecchi orari e la cancellazione del giorno di chiusura e ha raccolto oltre 1.000 firme. Recita la mozione che la richiesta è dettata dal “rispetto dei sentimenti più profondi che tutti noi nutriamo nei confronti dei nostri defunti, dalla volontà di sostenere le famiglie colpite da lutto e per garantire la memoria”. “Questa amministrazione è ben lungi dal voler negare ai cittadini tali diritti e la volontà di adottare i nuovi orari non vuole certo andare in tale direzione, ma al contrario vuole arrivare a fornire un servizio appropriato compatibilmente con le risorse disponibili. Questo è il compito di un’amministrazione ed il servizio non può essere adeguato se si trascura la manutenzione ordinaria o se non vengono effettuate riparazioni straordinarie laddove si verificano infiltrazioni di acqua nelle tombe, per esempio. La scelta dei nuovi orari e soprattutto la scelta della chiusura settimanale sono perciò dettate dalla necessità di effettuare opere necessarie che vanno dalla piccola manutenzione alle opere di maggiore entità quale per esempio la realizzazione di un cosiddetto ‘campo di rotazione’. Abbiamo estrema necessità di liberare loculi la cui concessione è scaduta ma se accade che l’estumulazione non è possibile perché la salma non è ancora in condizione di essere ‘ridotta’, allora deve essere di nuovo inserita nel loculo che invece potrebbe essere liberato. Tale realizzazione migliorerebbe decisamente il servizio reso ai cittadini, in particolare a coloro che necessitano di tumulare un caro estinto in tempi rapidi senza ricorrere a periodi di stazionamento nel deposito. Questo secondo noi significa rispetto per i sentimenti dei cittadini. Tale rispetto viene ulteriormente evidenziato nel fatto di eseguire le estumulazioni durante il giorno di chiusura al pubblico in quanto tale operazione può comportare pericoli e disagi per i cittadini che potrebbero trovarsi in prossimità. Il nostro non è un enorme cimitero e l’obbligo sanitario di delimitare l’area in cui si svolgono tali operazioni comporta l’interdizione di una congrua zona circostante. Preferiamo quindi che tali operazioni avvengano in assoluta assenza di cittadini. Ho accennato altresì ad una gestione cimiteriale condizionata da risorse limitate: parlo di risorse economiche ed umane. Attualmente abbiamo 2 operai addetti per coprire l’orario di apertura e fatti i conti, malgrado il giorno di chiusura settimanale e le ore di chiusura nei giorni feriali, si può vedere da dati disponibili che sono centinaia le ore di lavoro straordinario accumulate ed altrettante le ore a recupero corrispondenti alle ore domenicali. Come esempio voglio riportare un conteggio fatto relativo ad uno dei dipendenti che per l’anno 2016 ha accumulato ben 698 ore di straordinario (corrispondenti a 19 settimane) e 197 ore a recupero (5,5 settimane): questo comporta difficoltà economiche per il Comune. Diamo atto agli operai dell’impegno che mettono nello svolgimento delle loro mansioni in condizioni di sotto organico: pulizia dei viali, pulizia caditoie, estumulazioni, riparazioni e non ultima l’assistenza che spesso prestano ai cittadini più anziani anche nella gestione delle pesanti scale per accedere ai loculi in quota. Noi vogliamo rispettare anche loro consentendo di lavorare più tranquillamente nelle ore di chiusura al pubblico durante le quali sono sgravati appunto da mansioni di controllo e supporto ai cittadini. Rispetto per i cittadini quindi mantenendo il cimitero in condizioni decorose e rispetto per gli operai consentendo loro di lavorare nel miglior modo possibile. Ulteriori motivazioni tecniche che hanno portato alla decisione di cambiare gli orari di accesso al cimitero potranno essere fornite dall’assessore o dirigente tecnico. Siamo quindi contrari, conclude Mariani, alla mozione presentata e voteremo in tal senso. Siamo comunque disponibili a spostare il giorno di chiusura per venire incontro ad alcune richieste ricevute e chiediamo alla Giunta una azione conseguente. Un breve post scriptum: sono molti i Comuni che adottano il giorno di chiusura settimanale per il cimitero in Italia; nelle vicinanze posso menzionare i Comuni di Ariccia e Velletri che non credo siano stati mai accusati di mancanza di rispetto nei confronti dei cittadini".

Di seguito l'intervento delconsigliere Silvia Bongianni:

"Ammettendo che nel concetto e nella forma questo ordine del giorno ha richieste legittime, è una mozione che avremmo preso in considerazione con qualsiasi numero di firme. La regolamentazione degli orari di apertura e chiusura del cimitero non è una novità rispetto al Regolamento comunale di polizia mortuaria del 2002. Tale decisione non è stata adottata per partito preso: nessuno di noi, compreso il sindaco, voleva ledere o fare un torto ai nostri concittadini che ogni giorno si recano al cimitero. Appena entrati abbiamo dovuto ascoltare e prendere in considerazione le situazioni, annose, che interessavano vari aspetti dell’ordinaria amministrazione all’interno del nostro cimitero e che negli anni erano rimaste disattese. Nient’altro, abbiamo ascoltato il pregresso e le problematiche connesse per cercare di trovare una soluzione. Quando si modifica un orario di apertura riducendo la fruibilità del servizio, lo si fa valutando l’aspetto impattante sugli abitanti. Siamo qui in questa sede proprio a voler discutere di tali motivazioni, in piena serenità, a dimostrazione che il confronto è il metodo più efficace per giungere ad una soluzione condivisa, non populistica, che rispetti tutti gli attori in campo. Bisogna prestare particolare attenzione a tematiche tanto delicate. Il dolore per la scomparsa di una persona cara, il valore che rappresenta per un individuo il cimitero, sono aspetti molto importanti. Ma oltre al rispetto verso un luogo sacro, abbiamo voluto investire lo stesso impegno per quei dipendenti comunali che operano all’interno del cimitero: sono gli stessi dedicati alla cura, alla manutenzione ordinaria e talvolta straordinaria di opere, custodi del camposanto e della sicurezza degli utenti. Loro stessi segnalano che aiutano i visitatori del cimitero, spesso persone anziane, all’utilizzo di attrezzature, quali scale vecchie pesantissime; e denunciano anche macchinari elettronici rotti che vanno oramai alzati a mano. Per la pulizia dei viali e per le operazioni di tumulazione spesso vengono aiutati da operai delle ditte private. Da aprile ad oggi gli operai sono intervenuti efficacemente in: pulizia caditoie, decespugliamento, manutenzione viali, riparazioni muratura, riparazioni elettriche; ma anche per operazioni più complesse, come l’eliminazione infiltrazione acqua nelle tombe lato Sud-Ovest con la sostituzione di un tratto di rete di adduzione idrica; la riparazione impermeabilizzazione e discendenti dell’edificio loculi deposito, un problema gravissimo che sussisteva da anni e su cui non si interveniva efficacemente. Abbiamo anche cercato di risolvere il problema del monte ore: i due operai del cimitero avevano accumulato quasi 1.000 ore di straordinari e 230 ore in un solo anno. Ricordiamo che l’orario di lavoro è la misura della prestazione lavorativa: è il periodo di tempo giornaliero durante il quale il dipendente assicura la propria prestazione nell’ambito del rapporto di servizio. Si tratta del cardine del contratto di lavoro, che stabilisce la durata della prestazione lavorativa, svolgendo, al tempo stesso, una funzione di tutela dell’integrità psico-fisica del dipendente. L’orario di servizio, invece, è il periodo di tempo giornaliero necessario per assicurare la funzionalità delle strutture degli uffici pubblici e l’erogazione dei servizi all’utenza. L’orario di apertura al pubblico è, infine, il periodo di tempo giornaliero che, nell’ambito dell’orario di servizio, costituisce la fascia oraria di accesso ai servizi da parte dell’utenza. L’orario di lavoro è fissato in 40 ore settimanali, a meno di norme contrattuali più favorevoli; non esiste un limite di orario giornaliero ma bisogna assicurare un riposo minimo di 11 ore. La durata massima dell’orario di lavoro è fissata in 48 ore, comprensive dello straordinario. Le ferie e la malattia non sono da considerarsi ai fini del computo dell’orario medio di lavoro. Per l’Anci, poi, tutti i riferimenti alla contrattazione collettiva vanno estesi anche a quella decentrata. Negli anni il dipendente comunale non era solo delegato alle opere di manutenzione, ma si è adoperato anche come custode della struttura. Per tutti gli spunti e le riflessioni di cui sopra, conclude la Bongianni, ci tengo a ribadire che la chiusura all’ora di pranzo consente anche agli esercenti commerciali di recarsi con tranquillità al cimitero, dal momento che la riapertura della struttura è prevista per le 15. Quanto al giorno di chiusura settimanale, siamo pronti a cambiarlo se può venire meglio incontro alle esigenze dei cittadini. Il cimitero aveva ed ha ancora bisogno di una cura, proprio in virtù del fatto che lo reputiamo, noi tutti, non solo un luogo destinato alla sepoltura dei morti, ma anche quel posto dove regna un legame con il ricordo degli affetti familiari, luogo di rispetto, di silenzio, d'arte e memoria collettiva. Renderlo decoroso, pensando al rispetto proprio verso i visitatori che fanno visita ai loro cari, ci impone di intervenire con efficacia in lavori di manutenzione ordinaria, straordinaria e in opere strutturali con una programmazione, una organizzazione ed un riguardo particolare. E a malincuore non possiamo non prenderci la responsabilità di questa scelta ".

LA REPLICA DEL COMUNE

"Durante il Consiglio comunale è stata respinta la mozione presentata dai consiglieri del Pd che impegnava il sindaco «al ripristino dell’orario di accesso del cimitero e di alcuni servizi cimiteriali . Durante la discussione i due consiglieri di maggioranza sono intervenuti con le loro mozioni".

 

Tags: genzano  cimitero  lavori 


Articoli Correlati:

2017 Taglio d'erba, sistemazione della rete Cimitero di Genzano: la prossima settimana partiranno i lavori di manutenzione Si informa che dalla prossima settimana partiranno i lavori di manutenzione del Cimitero Comunale. Il ...
06/01 Il comunicato Cimitero di Genzano, il Pd: "Chiediamo rispetto e dignità per i morti" "Abbiamo riflettuto a lungo ma alla fine abbiamo deciso di pubblicare la nota e le ...
2017 Il consigliere Piccolo: "Grazie a tutti" Lavori al cimitero comunale di Anzio, ristrutturati i bagni e tutti i portici All’interno della struttura cimiteriale sono stati recentemente ultimati importanti interventi di manutenzione e ristrutturazione, programmati ...
2017 In deroga all'ordinanza di chiusura Martedì 31 ottobre il cimitero di Genzano resterà aperto, tutte le info Martedì 31 ottobre il cimitero comunale di Genzano di Roma resterà aperto. Con l’ordinanza numero ...
2017 Genzano, firmata l'ordinanza Cimitero nel degrado, Giunta al lavoro. Il Sindaco: "Segnalatemi ciò che non va" Gli orari di apertura al pubblico del Cimitero di Genzano sono stati rimodulati per cercare ...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
17/01 1516216200 Ardea, caos assemblea pubblica, la situazione degenera: sindaco scortato fuori
17/01 1516213620 Ennesimo incidente sulla Pontina, auto centra il guard rail spartitraffico
17/01 1516207860 Paura in via Eschieto a Nettuno, albero distrugge il muro di una abitazione
17/01 1516207020 Taglio dell'assistenza scolastica ad Ardea, i genitori denunciano il Sindaco
17/01 1516206600 'Questioni di inclusione', all'Istituto Ardea 1 lo psichiatra Paolo Crepet
17/01 1516206240 Controlli sul lungomare di Torvaianica, 2 arresti per detenzione di stupefacente
17/01 1516206120 Arrestato un 35enne di Aprilia trovato in possesso di droga ai fini di spaccio
17/01 1516206060 Alla guida di un'auto rubata causa incidente, 25enne denunciato
17/01 1516204500 Il forte vento sradica due grossi pali della Telecom, Protezione civile a lavoro
17/01 1516204380 Giovanissimi. Unipomezia, mister Benotti soddisfatto dalla reazione
17/01 1516203540 Giovanissimi Elite. Fortitudo Futsal Pomezia, parte l'operazione Play Off
17/01 1516203060 Liquami nella case di via Roma a Pavona, intervengono i vigili del fuoco
17/01 1516202820 Arrivati dalla Regione Lazio 400mila euro di finanziamenti per le scuole
17/01 1516199940 Nuovo servizio "Tu passi" per eliminare le code nei servizi al cittadino
17/01 1516198560 Pallanuoto, Serie C. Anzio Pallanuoto a punteggio pieno
17/01 1516198200 Accesso al mare di Torvajanica, al via i lavori per due nuove passerelle
17/01 1516198080 Nettuno-Velletri bloccata per il crollo di un pino, arbusto cade in via Eschieto
17/01 1516197000 Anzio Calcio, il nuovo allenatore è Marco Ghirotto
17/01 1516195620 Amatoriale, Torneo Slowpitch Città di Nettuno allo Sprint Finale
17/01 1516193520 The Harvest: in sala il docu-film sul caporalato dei sikh di Sabaudia
17/01 1516192980 Il Carnevale popolare di Velletri 2018 al via dal 28 gennaio
17/01 1516192980 Femminile, Serie D. La Coccinellla sbanca anche Vallerano
17/01 1516192800 Il 20 gennaio parte la riforestazione del territorio di Sermoneta
17/01 1516192260 Pino marittimo crolla all'interno di una abitazione, paura ad Anzio
17/01 1516191420 Processo Albafor, udienza il 25 gennaio. Sentenza attesa a febbraio