[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

La società vanta l’impatto zero

Asja presenta il ‘bio’gas: come sarà davvero?

Anzio, zona sacida - Il cantiere del 'bio'gas Asja dal drone del Caffè
Anzio, zona sacida - Il cantiere del 'bio'gas Asja dal drone del Caffè

“L’impianto è a impatto ambientale zero, per questo non sono previsti ristori per il territorio”. Così hanno detto il 18 novembre ad alcuni giornalisti di Anzio e Nettuno i tecnici della Asja Ambiente Italia Spa, il colosso del settore rifiuti di Torino che sta costruendo uno dei due 'bio'gas ad Anzio, in via della Spadellata. Una fabbrica alimentata a rifiuti dove lavoreranno 7 persone. Ogni anno tratterà 36mila tonnellate di organico, gli avanzi alimentari provenienti dal porta a porta, e 14mila tonnellate di potature e sfalci. Dalla macerazione di questi rifiuti, estrarrà gas metano da immettere nella rete Snam  Napoli a Roma. La fabbrica produrrà - dice la ditta - anche compost di qualità, una sorta di terriccio-fertilizzante. “La struttura – precisano i vertici della società - costituirà una eccellenza a livello regionale e nazionale, in linea con le politiche europee e nazionali sull’economia circolare dei rifiuti”. I lavori, prevede l'azienda, “finiranno entro la fine del 2019”.

FANGHI DI FOGNA E SCARTI INDUSTRIALI
Come funzionerà il ‘bio’gas della Asja Ambiente Italia? Il Caffè ha cercato di capirlo con l’aiuto di un ingegnere ambientale. Un grosso poltiglione di rifiuti, pari a 140 tonnellate al giorno, verrà trattenuto per tre settimane in assenza di aria ed a 70 gradi di temperatura all’interno dei ‘bio’digestori, che sono grosse camere in cemento armato. Il gas che sprigiona dai rifiuti sottoposti a quelle condizioni verrà raffinato due volte per ottenere gas metano. Non è stato annunciato alla stampa che l’impianto riceverà anche fanghi di fogna che contengono metalli pesanti ed idrocarburi, sostanze chimiche pericolose per salute e ambiente, oltre a scarti industriali di vario tipo. È scritto nella determinazione della Regione Lazio n. G-16091 del 31 novembre 2015 rilasciata alla Anziobiowaste, la società da agosto scorso passata nelle mani dell'Asja Ambiente Italia. «L’impianto Anziobiowaste favorirà una gestione più efficiente dei rifiuti nella zona di Anzio. E di questo ne siamo certi», afferma Alessandro Casale, amministratore delegato di Asja Ambiente Italia. 

‘BIO’FILTRI, COMPOST ED EMISSIONI 
«Un processo industriale che non può essere definito ad impatto zero» afferma l'esperto consultato dal giornale il Caffè, che spiega altri aspetti: «Circa la metà del gas prodotto nei ‘bio’digestori costituisce un gas sporco nel quale finisce parte degli inquinanti contenuti nei rifiuti di partenza. E poi, il Piano di monitoraggio e controllo dell'impianto allegato all'autorizzazione del 31 novembre 2015, indica diverse emissioni in aria: NH3, cioè ammoniaca, acido solfidrico (H2S) Carbonio Organico Totale più odori fino a 300 U.O., unità odorigene, come in gergo tecnico si chiamano le puzze. Prima di essere liberato nell’aria, questo gas sporco - 143mila metri cubi l'ora, il volume di 680 appartamenti da 70 metri quadri  - verrà passato per i bio-filtri, che hanno lo scopo di trattenerne le impurità, costituiscono alla fine del loro breve ciclo di vita rifiuti speciali da smaltire in apposite discariche». Le emissioni in atmosfera indicate nel progetto rientrano nei limiti di legge, lo impongono le autorizzazioni regionali e lo promette l’azienda. 

E I PERCOLATI?
Lo scolo generato da 140 tonnellate al giorno di rifiuti umidi produrrà quotidianamente 9mila e 500 litri di “acque di processo”, cioè percolati inquinanti: lo stimano gli stessi tecnici Anziobiowaste. Liquami che l’azienda potrà “riutilizzare nel processo, a seconda della necessità, o – si legge nelle carte regionali - smaltire in impianto esterno”, ossia inviarli ad aziende che depurano rifiuti speciali liquidi. Alla fine delle tre settimane di lavorazione, dai ‘bio’digestori verrà estratto il cosiddetto compost: terriccio che contiene buona parte dei residui industriali presenti nei rifiuti. In alcuni casi, la legge permette di spargerlo sui campi a scopo agricolo, con il rischio che idrocarburi, metalli pesanti e altre schifezze finiscano nei nostri piatti. Ma questo non dipende dai gestori dei 'bio'gas. Come del resto non dipende da loro il fatto che un progetto abbondamentemente modificato in variante rispetto a quello originario – qual è l'impianto Anziobiowaste – non è stato sottoposto alla valutazione d'impatto ambientale in Regione. 

Assemblea dei cittadini e azioni legali in corso

«Per il 29 novembre – racconta a il Caffè Sergio Franchi, di Uniti per l’Ambiente - siamo stati invitati dalla Asja Ambiente presso un hotel di Nettuno per un confronto. Ma animi da ammorbidire non ce ne sono tra di noi: lo dico chiaramente. Non vogliamo ulteriori incontri. Ci sono in atto azioni legali e tecniche fortissime da parte nostra: crediamo ancora – sbotta l’ex generale dell’Aeronautica - di poter fermare il cantiere». «Questo impianto – rincara la dose Marco Mandelli, attivista di Uniti per l’Ambiente - tratterà fanghi di fogna e scarti industriali a poche centinaia di metri da due scuole e dalle case del quartiere Sacida. Voglio ricordare che tutto l’umido prodotto dal porta a porta di Anzio, non più di 4mila tonnellate all’anno, potrebbe e dovrebbe essere trattato dentro le compostiere domestiche, condominiali e di comunità. Cioè nei contenitori dentro cui in soli tre mesi l’organico si trasforma in vero fertilizzante di qualità. Questa è l’unica opzione zero che siamo disposti ad accettare e condividere. Il resto sono semplici interessi industriali e politici, per questo ci teniamo ben lontani dai partiti. Anzio – conclude – non deve trasformarsi nella discarica di Roma». «La mattina del 1° dicembre – aggiunge Costanza Fabiano, di Uniti per l’Ambiente, maestra in una scuola della zona - si terrà presso l’Area Metropolitana di Roma una Conferenza dei Servizi, il tavolo istituzionale che sarà chiamato a promuovere o bocciare il sito di stoccaggio dei rifiuti, tipo Eco X, proposto dalla società Eco Transport, sempre nel quartiere Sacida. La Regione Lazio ha annunciato parere negativo a questo progetto. Uniti per l’Ambiente sarà presente con una folta delegazione di cittadini e con uno staff tecnico di tutto riguardo. Il pomeriggio dello stesso giorno, alle 18 presso il locale AQ Antium, in via dello Stradone del Sandalo, terremo un'assemblea pubblica. Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare. Tutti insieme – conclude - decideremo il da farsi: avanti tutta». 

Tags: bio gas  anzio  discarica 


Articoli Correlati:

2017 Sollecito al Comune di Anzio Discarica in un terreno privato a Lavinio, la denuncia di CittàInsieme Arriva dagli iscritti all’Associazione CittàInsieme una segnalazione che ha per oggetto unadiscarica privata abusiva in Lavinio via Stradone ...
2017 I residenti finalmente soddisfatti Abusi edilizi, la Polizia locale di Anzio sequestra il terreno delle discariche E’ stata la Polizia locale di Anzio guidata dal Comandante Sergio Ierace a porre sotto sequestro, a causa di lavori ...
2017 Presentato un esposto Via della Spadellata ad Anzio nel degrado, Fare Verde si rivolge alle autorità L’associazione Ambientalista Fare Verde nucleo di Anzio-Nettuno, nella persona del suo Presidente, Luca Zomparelli, rende noto di ...
2017 La Provincia dà l’ok con un terzo motore Discarica di Borgo Montello, l'impianto ‘bio’gas che già c’era Il terzo motore del 'bio'gas nel cimitero di rifiuti si farà. È arrivato anche l'ok ...
2016 La denuncia di un cittadino Via di Cavallo morto, discarica a cielo aperto dalla Nettunense al'Ardeatina E' un cittadino a segnalare, foto alla mano, la situazione di totale degrado e abbandono ...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
17/01 1516216200 Ardea, caos assemblea pubblica, la situazione degenera: sindaco scortato fuori
17/01 1516213620 Ennesimo incidente sulla Pontina, auto centra il guard rail spartitraffico
17/01 1516207860 Paura in via Eschieto a Nettuno, albero distrugge il muro di una abitazione
17/01 1516207020 Taglio dell'assistenza scolastica ad Ardea, i genitori denunciano il Sindaco
17/01 1516206600 'Questioni di inclusione', all'Istituto Ardea 1 lo psichiatra Paolo Crepet
17/01 1516206240 Controlli sul lungomare di Torvaianica, 2 arresti per detenzione di stupefacente
17/01 1516206120 Arrestato un 35enne di Aprilia trovato in possesso di droga ai fini di spaccio
17/01 1516206060 Alla guida di un'auto rubata causa incidente, 25enne denunciato
17/01 1516204500 Il forte vento sradica due grossi pali della Telecom, Protezione civile a lavoro
17/01 1516204380 Giovanissimi. Unipomezia, mister Benotti soddisfatto dalla reazione
17/01 1516203540 Giovanissimi Elite. Fortitudo Futsal Pomezia, parte l'operazione Play Off
17/01 1516203060 Liquami nella case di via Roma a Pavona, intervengono i vigili del fuoco
17/01 1516202820 Arrivati dalla Regione Lazio 400mila euro di finanziamenti per le scuole
17/01 1516199940 Nuovo servizio "Tu passi" per eliminare le code nei servizi al cittadino
17/01 1516198560 Pallanuoto, Serie C. Anzio Pallanuoto a punteggio pieno
17/01 1516198200 Accesso al mare di Torvajanica, al via i lavori per due nuove passerelle
17/01 1516198080 Nettuno-Velletri bloccata per il crollo di un pino, arbusto cade in via Eschieto
17/01 1516197000 Anzio Calcio, il nuovo allenatore è Marco Ghirotto
17/01 1516195620 Amatoriale, Torneo Slowpitch Città di Nettuno allo Sprint Finale
17/01 1516193520 The Harvest: in sala il docu-film sul caporalato dei sikh di Sabaudia
17/01 1516192980 Il Carnevale popolare di Velletri 2018 al via dal 28 gennaio
17/01 1516192980 Femminile, Serie D. La Coccinellla sbanca anche Vallerano
17/01 1516192800 Il 20 gennaio parte la riforestazione del territorio di Sermoneta
17/01 1516192260 Pino marittimo crolla all'interno di una abitazione, paura ad Anzio
17/01 1516191420 Processo Albafor, udienza il 25 gennaio. Sentenza attesa a febbraio