[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Quasi la metà non viene riciclata

Plastica, noi la differenziamo… e loro la bruciano negli inceneritori! FOTO

<
>
Colleferro - I Carabinieri NOE a marzo 2009 sequestrano i due inceneritori: dati sugli inquinanti taroccati via internet, bruciavano di tutto e frodavano lo Stato sui sussidi pubblici
Colleferro - I Carabinieri NOE a marzo 2009 sequestrano i due inceneritori: dati sugli inquinanti taroccati via internet, bruciavano di tutto e frodavano lo Stato sui sussidi pubblici

In dieci anni, la raccolta differenziata in Italia è raddoppiata: dal 28,5% del 2006 è salita al 52,5% del 2016, come valore medio nazionale. Nel Lazio qualche passo avanti è stato fatto raggiungendo faticosamente, con il freno a mano tirato soprattutto nella Capitale.  I dati ufficiali più aggiornati ci vedono al 42,6% nel 2016. Per legge andava raggiunto il 65%, in ogni Comune, entro il 31 dicembre 2012. 

I SOLDI PER IL RICICLO CI SONO
“Grazie a te che separi gli imballaggi e al Comune che li raccoglie, Conai fa rinascere l’acciaio, l’alluminio, la carta, il legno, la plastica e il vetro”, dice il Decalogo del Consorzio nazionale per il recupero per gli imballaggi, al quale va ogni anno un fiume di soldi grazie al contributo ambientale pagato su ogni barattolo, scatola, bottiglia, vassoio, contenitore immesso in commercio. Una gabella che ha generato oltre 606 milioni solo nel 2016, quasi 16 trattenuti e il resto distribuito alle filiere. Il grosso va alla plastica: i dati più aggiornati ci dicono che nel 2016 il Corepla, l'apposito consorzio per il riciclo delle plastiche, ha preso oltre 367 milioni e 600mila euro di contributi ambientali e che la raccolta delle plastiche è stata del 6,9% in più rispetto al 2015. 

NE BRUCIANO QUASI LA METÀ
Ma il 42,2% della plastica recuperata, cioè circa 450mila tonnellate, è stato bruciato negli inceneritori. Ma com'è possibile che tutti questi materiali siano così impuri – ossia sporchi, intaccati comunque inadatti al punto da non poter essere più reimmessi nei cicli produttivi - da dover finire in fumo per produrre un po' di energia, con emissioni inquinanti e pesanti costi sulla salute pubblica? Si dà la colpa al fatto che molta plastica da riciclare resta invenduta, ma appare molto più determinante un'altra verità: una volta costruiti, questi costosissimi ecomostri poi vanno fatti funzionare a tutti i costi per ammortizzare l'investimento. Tecnologie “intrinsecamente inefficienti”, come diceva Legambiente Lombardia nel 2013. Molti altri si ostinano a chiamarli  con il furbesco e rassicurante nome di termovalorizzaori: parola che non esiste e non viene utilizzata in nessun altro Paese del mondo. 

BRUCIATORI DI SOLDI PUBBLICI E DI SALUTE
Altro costo sono gli incentivi statali a questi mega forni, che così bruciano i soldi pubblici: mezzo miliardo di sussidi Cip6, ad esempio, per il gigantesco inceneritore che il gruppo Cerroni con Ama e Acea voleva fare ad Albano ma poi arenatosi tra inchiesta giudiziarie e soprattutto perché i cittadini sono riusciti a dimostrare che qui sussidi non gli spettavano più visto che il cantiere non era stato avviato entro il termine previsto dalla generosa Regione Lazio targata Marrazzo con un provvedimento poi finito sul tavolo dei magistrati della Procura della Repubblica di Roma. 

SALUTE PUBBLICA IN FUMO
È invece sparito il programma ERAS Lazio, importante ricerca sulla salute di chi vive intorno agli impianti di trattamento dell'immondizia, comprese le cavie umane intorno ai due inceneritori di Colleferro e al megaforno di San Vittore (FR). Nel raggio di 7 km, “L’analisi della morbosità (cioè quanto ci si ammala, ndr) associata all’inquinamento prodotto dai termovalorizzatori dopo la loro entrata in funzione ha evidenziato, per i residenti di sesso maschile nelle zone ad alta esposizione, un eccesso di ospedalizzazioni per malattie dell’apparato respiratorio (+26%) e malattie polmonari cronico ostruttive (+86%). 
Tra i bambini (0-14 anni) – dice la ricerca  - si osserva un aumento dei ricoveri per cause naturali e malattie dell’apparato respiratorio a seguito della attivazione degli impianti nella zona ad alta concentrazione di PM10 (il particolato killer per il quale a Roma si impone il traffico a targhe alterne, ndr)”.  

TRUFFA CIRCOLARE
Misure per rimediare? Dello studio ERAS Lazio sugli abitanti nelle aree dove si lavorano i rifiuti non si sa più nulla, Regione Lazio e Comune di Roma stanziano 9,3 milioni di euro per il cosiddetto revamping (la manutenzione) degli inceneritori di Colleferro e si incenerisce quasi l'età delle plastiche che diligentemente i sudditi termo-Svalorizzati separano e conferiscono con la differenziata. 7 milioni ce li mette la Regione e 2,3 il Comune di Roma attraverso l'AMA. A marzo 2009 i carabinieri sequestrarono l'impianto: scoprirono che ci si bruciava di tutto, fuori dalle regole, e che i dati sulle emissioni inquinanti venivano taroccati via internet da qualcuno in Toscana.  Che fine ha fatto quell'inchiesta giudiziaria? 

IL LAZIO ENTRERÀ IN EUROPA?
Ad aprile, il Parlamento europeo ha approvato a larga maggioranza i nuovi obiettivi per l'economia circolare, quella cioè che rimette in circolo le risorse anziché bruciare, buttare, sprecare: entro il 2030, bisognerà riciclare o preparare per il riuso almeno il 70% in peso dei rifiuti urbani e minimo l'80% dei materiali di imballaggio. La vera sfida non è più solo differenziare, ma dare nuova vita ai materiali fino a chiudere discariche e inceneritori. La proposta è in fase di negoziazione con il Consiglio d'Europa. È con discariche e inceneritori 

  • Dal 2018 la tassa sugli imballaggi sarà più bassa per quelli riciclabili

L’avvento della raccolta porta a porta ce lo fa vedere tutti i giorni: utilissima e onnipresente in tutti i prodotti che acquistiamo, la plastica ci 'invade'. L'anno scorso, mediamente sono stati recuperati 15,8 kg di imballaggi per abitante in Italia, ma ce n'è ancora una marea da recuperare. Un aiutino all'economia circolare – che rimette in circolo le risorse anziché buttarle – arriva dai nuovi criteri per il contributo ambientale per gli imballaggi: non sarà più uguale per tutti i tipi di bottiglie, flaconi, pellicole così via, ma penalizzerà quelli non riciclabili. A pagare questa gabella sono produttori e utilizzatori degli imballaggi, al momento della immissione sul mercato. Ma in definitiva è sul consumatore finale che ricade. 

DIFFERENZIARE? SÌ... ANCHE LA TASSA
Previsto nel 1998, il contributo ambientale nato per finanziare la raccolta differenziata, il riciclo e il recupero. Dal prossimo gennaio l'importo non sarà più unico (188 euro a tonnellata), ma sarà diversificato in tre fasce: più leggero, 179 euro a tonnellata, per gli imballaggi da commercio e industria selezionabili e riciclabili. Ma sale a 208 euro per quelli selezionabili e riciclabili dalla raccolta domestica. Mazzata per gli imballaggi che invece non si possono avviare al riciclo: 129 euro a tonnellata. Anche per quelli in carta l'anno nuovo porterà un aumento di questo contributo ambientale, che salirà da 4 a 10 euro a tonnellata, senza alcuna diversificazione. 

UN BUON AUSPICIO
Si tratta di costi che sono ricaricati sul prezzo finale del prodotto imballato, cioè su tutti noi. Così accade pure con la cosiddetta ecotassa prevista nel 1995, che i gestori delle discariche pagano per la loro graduale chiusura. La novità del contributo diversificato si spera che incentivi la progettazione e l'impiego di prodotti sempre più riutilizzabili. Di sicuro, l'aumento del contributo obbligatorio per gli imballi non riciclabili ricadrà sull'ultimo anello della catena: il consumatore che fa la spesa. Si tratta di pochissimi centesimi per ogni confezione acquistata. Sarebbe però un bel segnale se lo “sconto” sul contributo per quelli green fosse trasferito anche ai clienti finali. Anche questa sarebbe economia circolare: reimmettere in circolo, a favore di tutti, i vantaggi di una legislazione che fa pagare meno a chi inquina meno. 

La Bio-plastica è realtà: Italia leader
Valide alternative alla plastica derivata dal petrolio sono una realtà. Sono polimeri fatti partendo dai vegetali e persino dagli scarti umidi dei rifiuti urbani, come riesce a fare una ditta emiliana. Tra una tassa e l'altra, certe lobby politico-affaristiche rallentano il decollo di tecnologie e strategie davvero sane, come è accaduto con la raccolta porta a porta, insistendo con discariche e inceneritori. Ma la strada appare imboccata, anche grazie a vari brevetti frutto della ricerca italiana. Una panoramica aggiornata su: www.ioacquaesapone.it “La plastica bio: si scioglie in acqua ed è  italiana” (numero di luglio 2017). 

 

 


Inceneritori, altri 9,3 milioni di euro
Sono 9,3 i milioni di euro previsti per ristrutturare i due inceneritori di Colleferro (revamping), uno al 100% di proprietà della Regione Lazio attraverso Lazio Ambiente Spa e l'altro al 60% di Lazio Ambiente e al 40% del Comune di Roma attraverso AMA Spa. 7 milioni ce li mette la Regione e 2,3 AMA, cioè il Comune di Roma. 
Altri 5,3 milioni per la discarica di servizio, sempre a Colleferro, dove interrare gli scarti degli impianti Tmb (preparano le balle da incenerire separando i materiali dell'immondizia non differenziata). Lo prevede il bilancio di previsione della Regione Lazio per l'anno 2017, varato a fine 2016. È la ricapitalizzazione della malandata Lazio Ambiente Spa. Una enorme iniezione di liquidità alla quale si aggiungono altri 300mila euro previsti per il “ramo servizi” (raccolta e spazzamento) della Spa regionale che doveva servire a far decollare una sana gestione dei rifiuti, verso l'economia circolare… 
 

 

Francesco Buda
 



Articoli Correlati:

26/05 Dopo la cancellazione dei mesi scorsi Anzio, ritorna il ritiro porta a porta della plastica il sabato mattina Ad Anzio, a partire dal 3 giugno, sarà ripristinato il servizio di raccolta porta a porta ...
2016 Per gli imballaggi in plastica e metallo 90 euro a tonnellata per comprare i rifiuti di Pomezia: pronto il primo bando Il Comune di Pomezia inizia a vendere i suoi rifiuti differenziati, in particolare gli imballaggi ...
2014 Il servizio di raccolta rifiuti funziona Norma: buoni risultati della differenziata, l'obiettivo è raggiungere il 65% Gli importanti risultati ottenuti con la raccolta differenziata a Norma rendono orgogliosa l'amministrazione che ha ...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
12:48 1513597680 Serie C, Girone B. Antica Braceria Anzio Volley, una vittoria che ci voleva
12:40 1513597200 Serie D, Girone di Latina. Il Lele Nettuno riprende a correre
12:04 1513595040 Serie D, il San Giacomo Nettuno pareggia nel recupero della quarta giornata
11:53 1513594380 Under 21. Città di Anzio, Angelo Stampatore è il nuovo allenatore
11:42 1513593720 Superlega, la Top Volley Latina non passa a Padova
11:35 1513593300 Serie A2. Beancquista Latina, non basta un grande cuore contro Tortona
11:30 1513593000 Media Christmas: i giornalisti diventano camerieri per beneficenza
10:48 1513590480 85esimo compleanno di Latina: il discorso del Sindaco Damiano Coletta
10:16 1513588560 Vaccini, i Genitori No Obbligo Aprilia chiedono informazioni complete e libertà
09:36 1513586160 Recuperate le bottiglie di vino e spumante immersi nelle acque del lago di Nemi
08:43 1513582980 Terracina, la scuola primaria Fiorini riaprirà per il prossimo anno scolastico
08:27 1513582020 Rubano cancelleria dagli uffici dell'ospedale di Terracina: denunciati
08:18 1513581480 15 arresti per spaccio di droga. Sequestrati 14 kg di amnesia
08:05 1513580700 Anziana in bici investita mentre attraversa la strada: muore un mese dopo
08:03 1513580580 Alla scoperta dei sapori 'arcaici' pontini col nuovo libro di Roberto Campagna
07:43 1513579380 Incidente sulla Pontina: auto finisce fuori strada e travolge due persone
17/12 1513535700 Bimbo disabile alla scuola Cavour a Nettuno l’ex Dirigente: Diritti da difendere
17/12 1513535280 Nessuna candidatura nazionale il Vicesindaco Mancini: Il mio impegno è a Nettuno
17/12 1513532340 Lanterne in cielo per ricordare i cari che non ci sono più: l'evento al cimitero
17/12 1513532160 Velletri, raccolti 2milaeuro per il Bambin Gesù alla serata di beneficienza
17/12 1513516860 Presta 10mila euro e ne chiede indietro 120mila: arrestato apriliano
17/12 1513516620 Furto aggravato in concorso: 33enne arrestato. Deve scontare 10 mesi
17/12 1513515900 Terzo mandato, Di Maio: "Fucci non è in linea con il M5S, si autoescluda"
17/12 1513515120 Gli storici fontanili di Albano tornano in funzione: l'inaugurazione
17/12 1513510080 Girone G. Latina Calcio, vittoria importante contro il Monterosi