[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Bloccati i nuovi allacci in fogna

Ardea, il mega depuratore dei Castelli da 24,5 milioni di euro ancora zoppo

Il megadepuratore dei Castelli -
 Sedimentatore rotondo fuori uso i primi di dicembre. Foto esclusiva dal drone il Caffè
Il megadepuratore dei Castelli - Sedimentatore rotondo fuori uso i primi di dicembre. Foto esclusiva dal drone il Caffè

Slitta a dopo la befana l’avvio completo e definitivo del nuovo depuratore dei Castelli Romani, realizzato ad Ardea dalla società Siba Spa, tra ritardi e liti politico-imprenditoriali. 
Se ne riparla dopo le feste, anche per la sospirata riattivazione degli allacci in fogna e delle utenze idriche pubbliche e private dei Comuni di Albano, Genzano, Ariccia, Lanuvio e Nemi, sospese a tempo indeterminato da due lunghi anni. 
È quanto il Caffè apprende da fonti Acea, che gestisce l'impianto ad Ardea per conto della Regione Lazio.

24,5 MILIONI DI EURO...
L’impianto, nuovo di zecca, è stato attivato a fine 2015, ma da allora ha funzionato solo a singhiozzo e con problemi. La struttura industriale è situata nel Comune di Ardea, all’altezza del chilometro 25 della via Ardeatina. Occupa 4 ettari ed è costata 24,5 milioni di euro sborsati dalla Regione Lazio. A fine ottobre scorso, la dottoressa Maria Zagari, responsabile del Dipartimento Ambiente dell’Area Metropolitana di Roma, aveva preannunciato a il Caffè che «entro novembre» ogni problema sarebbe stato risolto. Ricontattata in questi giorni dal nostro giornale, la dirgente dell’ex Provincia di Roma ha confermato l'ennesimo rinvio.

BOCCHE CUCITE
Il travaglio di due anni del nuovo depuratore getta una luce inquietante sulla sua reale capacità di funzionamento. Le autorità contattate nei mesi scorsi dà il Caffè sono abbottonatissime. Il depuratore dei Castelli Romani è stato costruito a regola d’arte e funziona correttamente? La qualità delle acque in uscita dal depuratore nel corso del 2017 rispetta i limiti di legge? Perché tali analisi non vengono rese pubbliche sui siti internet istituzionali? Quando verrà rilasciata l’autorizzazione definitiva all’esercizio dell’impianto? A cosa è dovuto questo ennesimo ritardo? 
Perché  è fermo il sedimentatore dei fanghi, la vascona rotonda di solito essenziale in questi impianti? Sono le domande che abbiamo inviato di nuovo a Virginia Raggi e Fabio Fucci, presidente e vicepresidente dell’Area Metropolitana di Roma; a Fabio Refrigeri, Assessore regionale alle infrastrutture; ad Arpa Lazio, l’Agenzia regionale di protezione ambientale; e per finire al Dipartimento igiene e salute pubblica della Asl Roma 6. 

DANNI A SALUTE, AMBIENTE ED ECONOMIA
Il funzionamento incompleto del nuovo depuratore costituisce una pesante incognita igienico-sanitario e ambientale che grava sulla qualità delle acque del mare di Ardea e Pomezia che si ripercuote sui settori turismo e ittica. Ma anche un danno economico incalcolabile che colpisce i cittadini, i commercianti, le piccole e medie imprese, anche edili e di ristrutturazione, dei Castelli.

5 anni di travaglio
L’avvio del nuovo depuratore dei Castelli era atteso per l’estate del 2012, ma la costruzione è stata ultimata solo a giugno 2013. Sono serviti altri 2 anni e mezzo per la conclusione del collaudo tecnico e amministrativo, ultimato a novembre 2015. Almeno questo è quanto ci hanno raccontato i dirigenti del Dipartimento idrico regionale, fornendoci evidentemente informazioni erronee. In ogni caso, dalla fine del 2015 l’impianto è entrato in funzione e riceve tutte le acque chiare e scure dei 5 comuni interessati. 
Ma già nel corso della prima metà del 2016 tre relazioni tecniche di Arpa Lazio, l’Agenzia Regionale di Protezione Ambientale, hanno certificato che il depuratore scaricava nel litorale sud di Roma acque non adeguatamente sanificate, con concentrazioni di inquinanti quali fosforo e azoto, composti chimici pericolosi per la salute umana e per l’ambiente, superiori ai limiti di legge. Un problema che ha generato un lungo stop parziale dell’impianto.

 

SOLITA DITTA, SOLITI PROBLEMI?
L’impianto è stato costruito dalla società Siba, controllata dalla Veolia, la multinazionale francese dell’acqua che a sua volta è in affari con Suez – tramite intrecci societari -, l'altro colosso francese che 'comanda' in Acea. Siba è la stessa ditta che ha costruito un grande depuratore ad Aprilia, malfunzionante da subito e che costò (in primo grado, a novembre 2008) la condanna a sei mesi di reclusione all'allora Amministratore delegato di Acqualatina, Bernard Cyna, per l'inquinamento  fino a Latina tramite il fosso della Ficoccia.
 


Articoli Correlati:

2017 In via dei Licheni Casa di Ardea non allacciata alla fognatura, il Comune minaccia la denuncia Un sopralluogo della polizia locale di Ardea ha messo in luce che quella casa in ...
2016 Ripercussioni sulla qualità del mare Il depuratore di Ardea... non depura. Ordinanza del Sindaco per farlo funzionare Il depuratore intercomunale di Montagnano, ad Ardea, non depura e il sindaco Luca Di Fiori ...
2016 Hanno risposto alle loro domande Manifestazione al depuratore di Montagnano: Iotti e Montesi con i cittadini Sabato mattina, 14 maggio, a dispetto e nonostante la pioggia, si è regolarmente svolta la ...
2016 Ardea, scoppia la polemica Depuratore al via prima dell'estate ma Idrica tuona: «calpestati nostri diritti» “Stessa spiaggia …” ma mare decisamente più pulito. Potrebbe essere un’estate da sogno per il ...
2015 Resta il nodo Idrica Depuratore, firmato oggi il Protocollo tra Regione, Acea e i Comuni. Ardea fuori È stato firmato oggi il Protocollo d’intesa tra la Regione Lazio, Acea Ato2 Spa ed ...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
17/01 1516216200 Ardea, caos assemblea pubblica, la situazione degenera: sindaco scortato fuori
17/01 1516213620 Ennesimo incidente sulla Pontina, auto centra il guard rail spartitraffico
17/01 1516207860 Paura in via Eschieto a Nettuno, albero distrugge il muro di una abitazione
17/01 1516207020 Taglio dell'assistenza scolastica ad Ardea, i genitori denunciano il Sindaco
17/01 1516206600 'Questioni di inclusione', all'Istituto Ardea 1 lo psichiatra Paolo Crepet
17/01 1516206240 Controlli sul lungomare di Torvaianica, 2 arresti per detenzione di stupefacente
17/01 1516206120 Arrestato un 35enne di Aprilia trovato in possesso di droga ai fini di spaccio
17/01 1516206060 Alla guida di un'auto rubata causa incidente, 25enne denunciato
17/01 1516204500 Il forte vento sradica due grossi pali della Telecom, Protezione civile a lavoro
17/01 1516204380 Giovanissimi. Unipomezia, mister Benotti soddisfatto dalla reazione
17/01 1516203540 Giovanissimi Elite. Fortitudo Futsal Pomezia, parte l'operazione Play Off
17/01 1516203060 Liquami nella case di via Roma a Pavona, intervengono i vigili del fuoco
17/01 1516202820 Arrivati dalla Regione Lazio 400mila euro di finanziamenti per le scuole
17/01 1516199940 Nuovo servizio "Tu passi" per eliminare le code nei servizi al cittadino
17/01 1516198560 Pallanuoto, Serie C. Anzio Pallanuoto a punteggio pieno
17/01 1516198200 Accesso al mare di Torvajanica, al via i lavori per due nuove passerelle
17/01 1516198080 Nettuno-Velletri bloccata per il crollo di un pino, arbusto cade in via Eschieto
17/01 1516197000 Anzio Calcio, il nuovo allenatore è Marco Ghirotto
17/01 1516195620 Amatoriale, Torneo Slowpitch Città di Nettuno allo Sprint Finale
17/01 1516193520 The Harvest: in sala il docu-film sul caporalato dei sikh di Sabaudia
17/01 1516192980 Il Carnevale popolare di Velletri 2018 al via dal 28 gennaio
17/01 1516192980 Femminile, Serie D. La Coccinellla sbanca anche Vallerano
17/01 1516192800 Il 20 gennaio parte la riforestazione del territorio di Sermoneta
17/01 1516192260 Pino marittimo crolla all'interno di una abitazione, paura ad Anzio
17/01 1516191420 Processo Albafor, udienza il 25 gennaio. Sentenza attesa a febbraio