[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Tubi troppo vicini alle spiagge

Pomezia, scarichi dei depuratori mare: troppo vicini e a bassa profondità FOTO

<
>
Condotta del depuratore pratica - Tubo a vista e scarico a soli 11 metri di profondità, senza diffusore, il dispositivo che mitiga l'impatto dei reflui sulla salute marina
Condotta del depuratore pratica - Tubo a vista e scarico a soli 11 metri di profondità, senza diffusore, il dispositivo che mitiga l'impatto dei reflui sulla salute marina
L'esempio virtuoso: depurare con le piante - L'oasi Ca' di Mezzo in Veneto: realizzata dal Consorzio di Bonifica Adige Bacchiglione con fondi regionali. Le canne di palude depurano
L'esempio virtuoso: depurare con le piante - L'oasi Ca' di Mezzo in Veneto: realizzata dal Consorzio di Bonifica Adige Bacchiglione con fondi regionali. Le canne di palude depurano

Troppo vicini alle spiagge, a profondità troppo bassa e con tubazioni corrose oppure nei fossi. È la situazione degli scarichi di depurazione nel mare di Torvaianica, che sfugge agli occhi dei più, ma che sarebbe nota ad alcuni sommozzatori locali. A fotografarla e raccontarla è Paolo Fiorentini,  del Comitato di quartiere Campo Ascolano. Sub professionista,  specializzato in condotte sottomarine, dal 2008 al 2010, nei primi 2 anni di gestione Acea, ha curato la manutenzione di quelle che dai sei depuratori di Pomezia arrivano a Torvajanica. Sono sue le foto delle tubazioni qui pubblicate.

COME E DOVE SCARICANO?
«Parliamo degli impianti di sanificazione delle acque fognarie denominati Capoluogo, Zara 1 e Zara 2, Pratica 1 e Pratica 2 e Santa Palomba, gestiti da Acea. Quattro – spiega Fiorentini - scaricano le acque trattate nei fossi locali e da lì nel mare. Due depuratori hanno invece le condotte di sbocco direttamente a mare: Zara 1 a 900 metri dalla riva e a 7 metri di profondità, mentre l'impianto Pratica 1 scarica a 1.600 metri dalla riva e a 11 metri di profondità. Distanze e profondità decisamente insufficienti, che generano un forte impatto sul mare, visto che il fondale in questa zona declina lentamente, cioè si abbassa di un metro ogni circa 140 - 150 metri lineari, ed è molto sabbioso e quindi particolarmente delicato». 

DOVREBBERO STARE ALMENO 30 METRI SOTTO IL MARE
«Gli sbocchi dovrebbero stare a non meno di 30 metri di profondità, al di sotto della fascia detta del ‘termoclino’ – spiega l’ingegner Marco Porcelli, specializzato nello studio delle aree di ripopolamento marino – perché non subisce variazioni di temperature stagionali e facilita la dispersione dei liquami. O almeno sotto la cosiddetta ‘linea neutra’, sotto i 15 metri, non coinvolta dai moti ondosi. Negli anni ’90, le norme prevedevano limiti più severi per gli sbocchi fognari che finiscono in mare: mille metri dalla costa e 30 metri di profondità. Poi la legge 152 del 2006, il cosiddetto Testo unico ambientale, ha rimesso la decisione ad una sorta di valutazione ‘caso per caso’ effettuata nel corso delle Conferenze dei Servizi, i tavoli istituzionali regionali chiamati ad occuparsi dei singoli progetti fognari, a cui partecipano anche i Ministeri dell’Ambiente e della Salute. I depuratori e le relative tubature vecchie di decenni andrebbero in molti casi ricostruiti, o almeno adeguatamente manutenute». «In entrambe le condotte marine – dice Fiorentini - manca addirittura il terminale chiamato ‘diffusore’, mai inserito, che riduce l’impatto ambientale delle grosse quantità di scarichi nel mare. Ma manca pure la protezione catodica, ovvero dell’anti corrosione: i tubi sono molto rovinati».

NESSUNA DISTINZIONE TRA ACQUE BIANCHE E NERE
«Inoltre, le acque nere (liquami civili e industriali, ndr), del territorio comunale – sottolinea Fiorentini - confluisco nei sei depuratori, ma vengono convogliate assieme a quelle cosiddette bianche, cioè le acque piovane, che dovrebbero invece seguire un percorso differente. Non di rado quando è brutto tempo si genera un sovraccarico idraulico degli impianti che viene risolto con il ‘troppo pieno’. Significa che i liquami in eccesso vengono espulsi dagli impianti senza un adeguato pretrattamento. Eppure – aggiunge - l’ordinanza prefettizia n. 14 dell'11 novembre 2005 obbliga tutti gli edifici comunali e gli impianti industriali ad adeguare gli scarichi pluviali. Ma da allora le Amministrazioni comunali che si sono susseguite non hanno predisposto alcun tipo di controllo». La questione ittica e marina rischia di diventare rilevante alle prossime elezioni: Fiorentini è co-fondatore del gruppo ‘Amici di Grillo Pomezia-Torvajanica’, in aperto contrasto con il 5 Stelle locale. Mentre l’avv. Aquino ha annunciato la propria candidatura a Sindaco di Pomezia. 
 

Le domande per Fucci
L’Amministrazione comunale di Pomezia ha mai dato corso al punto 22 “operazione mare pulito” del programma elettorale del Movimento 5 Stelle del 2013? Se sì, in che modo? Quando sono state portate a termine le operazioni di controllo dei 6 depuratori urbani di Pomezia? Con quali risultanze? Qual è la situazione degli scarichi nei fossi e nel mare di Pomezia? È stata mai adottata la fitodepurazione? Se sì, in quale dei sei impianti di depurazione? Sono le domande che il Caffè ha inviato al primo cittadino di Pomezia, Fabio Fucci, restiamo in attesa di una sua cortese risposta. 

 

E LA FITODEPURAZIONE?
«I sei depuratori di Pomezia – dice Paolo Fiorentini - utilizzano una tipologia di trattamento decisamente superata, sia nei metodi di disinfezione che in quelli di smaltimento del refluo, anziché la fitodepurazione (con le piante, ndr). Sono una infinità le ricadute igienico-sanitarie e ambientali che gravano sulla qualità delle acque del mare e quindi sul turismo, sulla pesca, ma anche sulla salute umana. A cominciare dall’uso dell’acido peracetico che disinfetta l’acqua più velocemente del cloro, ma genera problemi endocrinologici sui pesci maschi che subiscono una inversione sessuale, come dimostra una ampissima letteratura scientifica. Gli amministratori sono a conoscenza di questi gravissimi problemi, tanto è vero che il sindaco di Pomezia, Fabio Fucci, inserì tali temi nel suo programma elettorale del 2013, ma nulla è stato fatto di quanto promesso nei 4 anni e mezzo appena trascorsi». Esempi vicini di fitodepurazione ci sono, uno sta a Latina lido. 
 

Daniele Castri 



Articoli Correlati:

2017 Gli interventi previsti Torvaianica, lavori sul depuratore. Fucci: «Garantiranno migliore qualità acque» Una buona notizia per il mare di Torvaianica. Il Comune fa sapere che sono in ...
2017  5 anni di monitoraggi nel Lazio Irregolari 7 depuratori su 10, ecco i dati dei controlli della Finanza con Arpa Terminata la stagione estiva, il colore e talora l'odore delle acque dove ci siamo tuffati ...
2017 Controlli a largo della Capitaneria Il forte caldo colora di rosso il mare: tutta colpa di un'alga  Nella mattinata del 13 giugno sono state segnalate alcune macchie di colore rossastro lungo il ...
2016 Sabato e domenica incontri in piazza A Pomezia "No Triv": per il Sì al referendum contro le trivellazioni in mare Nasce anche a Pomezia il comitato referendario "NoTriv", dedicato alla promozione delle ragioni del Sì ...
2015 «Noi non graditi al sopralluogo» Martin Pescatore, Fare Verde: «la situazione scarichi è ancora incontrollata» «Abbiamo provveduto ad inviare una lettera di sollecito al Sindaco di Pomezia e al Comandante ...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
20/01 1516471140 Incidente ai Pratoni del Vivaro: auto si cappotta e finisce nei terreni del Coni
20/01 1516470780 A Monteporzio Festa della Polizia Locale dei Castelli, Monti Prenestini e Lepini
20/01 1516470720 Deportivo ad Anzio, la Corte dei Conti dissequestra i beni di Criserà
20/01 1516470240 San Sebastiano, la Polizia locale di Nettuno “cuore e mano della città”
20/01 1516469940 San Sebastiano, la Polizia locale di Anzio “primo riferimento della città”
20/01 1516467120 L'editore de Il Caffè dal Papa: «Santità, Le scrivo ciò che non ho potuto dirle»
20/01 1516461780 Lavoratori senza stipendio, si ferma la raccolta dei rifiuti ad Ardea
20/01 1516460400 Liquami nei garage, il Sindaco di Albano ordina al Campidoglio di fare i lavori
20/01 1516445580 Serie D, Girone A. Un grande Simone Valenza fa volare l'Ardea Calcio a 5
20/01 1516444800 Sulla spiaggia di Nettuno la rievocazione dello sbarco alleato del 1944
20/01 1516443900 Imbrattato il monumento ai caduti, polemiche sui social. La condanna del sindaco
20/01 1516442280 Sesso con una 13enne conosciuta sui social: studente di 26 anni indagato
20/01 1516442160 Terza Divisione, Girone C. Volley Academy Pomezia, l'esordio è da urlo
20/01 1516441320 Elezioni Rsu alla nuova Ompi, il trionfo del sindacato Confail
20/01 1516440840 Storia dell'aeronautica nell'agro pontino: gli incontri al centro anziani
20/01 1516440600 I disabili di Velletri chiedono il ripristino della rampa alla Cattedrale
20/01 1516438440 Nuovo allestimento museale per la Locanda Martorelli di Ariccia
20/01 1516438140 Volano gli stracci (social) nell'amministrazione cinquestelle di Pomezia
20/01 1516436460 Carne congelata lavorata in bagno: i Nas chiudono un negozio di alimentari
20/01 1516436040 Auto a fuoco per la terza volta: il responsabile fugge ma ha un incidente e...
19/01 1516385520 Operaio 50enne muore cadendo da tetto: cordoglio a Cisterna
19/01 1516382040 Con Sergio Castellitto al tribunale di Latina per ricordare il giudice Chinnici
19/01 1516380060 In onda ieri sera il servizio di Striscia la Notizia sui liquami di via Roma
19/01 1516378920 Nonna Peppina compie 102 anni, la festa insieme al Sindaco e ai parenti
19/01 1516376160 Liquami e degrado nelle palazzine di via Roma, i disagi finiscono in tv