[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Dai responsabili della Sanità laziale

Consultori in estinzione: le donne ricevute in Regione. Situazione al collasso

Alcune mamme al Comune di Genzano per chiedere il rispetto della legge sui Consultori (foto repertorio)
Alcune mamme al Comune di Genzano per chiedere il rispetto della legge sui Consultori (foto repertorio)

Consultori sempre più trascurati e in chiusura: qualcosa si sta muovendo. Se non altro, le istituzioni preposte alla salute pubblica mostrano qualche apertura all'ascolto. Una delegazione dell'Assemblea delle Donne di Albano – Cecchina – Pavona è stata ricevuta dalla Cabina di regia del Servizio sanitario Regione Lazio, guidata dall'ex Consigliere regionale Alessio D'Amato, insieme a Egidio Schiavetti, dell'Ufficio di staff del Commissario ad acta per la sanità Nicola Zingaretti. Durante l'incontro, tenutosi il 9 gennaio alla presenza anche della Consigliera Regionale Marta Bonafoni, D’Amato ha assicurato alle volontarie che si consulterà coi dirigenti della Asl Roma 6, responsabile per l'area tra i Castelli Romani, Ardea, Pomezia, Anzio e Nettuno dove è sempre più preoccupante la carenza dei servizi materno infantili e alle coppie che dovrebbero per legge essere forniti dai Consultori familiari. Dopodiché, ha sempre garantito il capo della cabina di regia della sanità laziale, le ricontatterà per un nuovo incontro entro 7-10 giorni per comunicargli quali interventi saranno messi in atto per far fronte alla grave situazione. Non è dunque caduto nel vuoto il dettagliato e forte appello lanciato a metà dicembre scorso dall'Assemblea delle Donne di Albano – Cecchina – Pavona che hanno sollecitato il faccia a faccia con la Regione, nonché interventi seri, rapidi e concreti. Le donne hanno esposto la pessima e illegale situazione: i Consultori dovrebbero per legge essere uno ogni 20mila abitanti, quindi 26 sedi nella sola Asl Roma6, necessarie per coprire il fabbisogno dell’intera popolazione, ma ad oggi ce ne sono soltanto 14 sedi ancora aperte di 17 preesistenti (negli ultimi anni 3 sedi sono state chiuse, Anzio Ardea e Rocca di Papa). Hanno inoltre precisato che nelle 14 sedi restanti il personale rimasto in servizio consente l’apertura dalle 6 alle 8 ore settimanali e questo rende sempre più difficoltoso accedere ai servizi che dovrebbero offrire i Consultori. E la situazione andrà peggiorando, se non si interviene davvero, visto che nel 2018 andranno in pensione altri operatori e, quindi, altre sedi rischiano la chiusura per cui è urgentissima l’assunzione di nuovo personale, almeno per completare l’équipe delle sedi ancora aperte per poi passare alla programmazione dell’apertura di nuove sedi per completare la rete consultoriale. Prosegue così la mobilitazione dal basso a difesa di queste fondamentali strutture socio-sanitarie previsti dalla legge e con un ruolo cruciale per la salute pubblica e lo sviluppo socio-familiare. Le attiviste castellane, da tempo monitorano la situazione e sono andate ad incontrare i Sindaci del territorio per sensibilizzarli e invocarne l'intervento. Poco o nulla è stato fatto dai Sindaci che pure sono le massime autorità in materia di salute pubblica nei rispettivi Comuni. La speranza ora è che la Regione Lazio dia seguito ai diversi annunci susseguitisi in questi ultimi anni, fino a qualche mese fa, che promettevano risorse e interventi per i Consultori familiari. Altrimenti, dopo le prossime elezioni del 4 marzo, sarà tutto o quasi da rifare per riportare il tema all'attenzione di chi comanderà la sanità laziale. 



[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
17/01 1516216200 Ardea, caos assemblea pubblica, la situazione degenera: sindaco scortato fuori
17/01 1516213620 Ennesimo incidente sulla Pontina, auto centra il guard rail spartitraffico
17/01 1516207860 Paura in via Eschieto a Nettuno, albero distrugge il muro di una abitazione
17/01 1516207020 Taglio dell'assistenza scolastica ad Ardea, i genitori denunciano il Sindaco
17/01 1516206600 'Questioni di inclusione', all'Istituto Ardea 1 lo psichiatra Paolo Crepet
17/01 1516206240 Controlli sul lungomare di Torvaianica, 2 arresti per detenzione di stupefacente
17/01 1516206120 Arrestato un 35enne di Aprilia trovato in possesso di droga ai fini di spaccio
17/01 1516206060 Alla guida di un'auto rubata causa incidente, 25enne denunciato
17/01 1516204500 Il forte vento sradica due grossi pali della Telecom, Protezione civile a lavoro
17/01 1516204380 Giovanissimi. Unipomezia, mister Benotti soddisfatto dalla reazione
17/01 1516203540 Giovanissimi Elite. Fortitudo Futsal Pomezia, parte l'operazione Play Off
17/01 1516203060 Liquami nella case di via Roma a Pavona, intervengono i vigili del fuoco
17/01 1516202820 Arrivati dalla Regione Lazio 400mila euro di finanziamenti per le scuole
17/01 1516199940 Nuovo servizio "Tu passi" per eliminare le code nei servizi al cittadino
17/01 1516198560 Pallanuoto, Serie C. Anzio Pallanuoto a punteggio pieno
17/01 1516198200 Accesso al mare di Torvajanica, al via i lavori per due nuove passerelle
17/01 1516198080 Nettuno-Velletri bloccata per il crollo di un pino, arbusto cade in via Eschieto
17/01 1516197000 Anzio Calcio, il nuovo allenatore è Marco Ghirotto
17/01 1516195620 Amatoriale, Torneo Slowpitch Città di Nettuno allo Sprint Finale
17/01 1516193520 The Harvest: in sala il docu-film sul caporalato dei sikh di Sabaudia
17/01 1516192980 Il Carnevale popolare di Velletri 2018 al via dal 28 gennaio
17/01 1516192980 Femminile, Serie D. La Coccinellla sbanca anche Vallerano
17/01 1516192800 Il 20 gennaio parte la riforestazione del territorio di Sermoneta
17/01 1516192260 Pino marittimo crolla all'interno di una abitazione, paura ad Anzio
17/01 1516191420 Processo Albafor, udienza il 25 gennaio. Sentenza attesa a febbraio