[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

L'intervista de Il Caffè

Efficienza e stop all'evasione. L'assessore: «Renderemo Ardea una città normale»

Giovanni Colucci - Assessore al Bilancio del Comune di Ardea
Giovanni Colucci - Assessore al Bilancio del Comune di Ardea

Le tasse non saliranno, ma la coperta è corta. La ricetta del nuovo assessore al Bilancio della giunta M5S di Ardea è semplice: riportare efficienza nella macchina amministrativa e mettere in campo una vera e propria guerra contro l'evasione fiscale. Ma ai nostri microfoni ha raccontato molto altro.

Partiamo dall'inizio. Che cosa avete trovato quando siete entrati in Comune?

Abbiamo trovato un vero disastro. A partire dai conti fino all'organizzazione del personale e della macchina amministrativa. Un totale abbandono. È una situazione che evidentemente viene da lontano, non saprei neanche dire da quando. Invece un politico deve dare una prospettiva, deve programmare, pianificare, deve essere capace di indicare una strada da percorrere. Penso che questo non sia mai stato fatto. Se uno guarda Ardea vede il disordine, in ogni settore. Questo non è altro che il frutto di anni di cattiva amministrazione. 

E in cassa avete trovato debiti fuori bilancio per oltre un milione di euro.

Il calcolo tra l'altro non è ancora definitivo perché stiamo facendo una ulteriore ricognizione. Fattostà che il 31 di luglio abbiamo acclarato che non ci sono gli equilibri di bilancio, cioè che il bilancio non è sostenibile. Al disavanzo di 12 milioni, già noto, abbiamo dovuto aggiungere questa ulteriore massa debitoria per cui non era stata prevista una copertura. 

A fronte di questa situazione avete scelto comunque di non dichiarare dissesto. 

Su questo la correggo. Noi abbiamo dichiarato che non ci sono gli equilibri di bilancio. Questo già evidenzia una situazione di dissesto.

Però il dissesto finanziario è una procedura ufficiale, che voi non avete intrapreso.


Certo. Quello che abbiamo fatto è stato accertare il default, tant'è che i revisori dei conti ci hanno detto che dobbiamo identificare una strada alternativa da percorrere. Ne abbiamo scelta una, che adesso andrà verificata, che è quella del piano di riequilibrio pluriennale in 10 anni. Una possibilità consentita dalla legge agli enti locali che si trovano in difficoltà. 

Che cosa prevede?

Bisogna creare un business plan in termini economici, patrimoniali e finanziari, e bisogna dimostrare agli enti controllori, cioè al Ministero dell'Economia e delle Finanze e alla Corte dei Conti regionale, che il Comune è in grado di riportare la bilancia in equilibrio.

Cosa cambia rispetto al dissesto? È previsto un indebitamento con gli enti superiori?

Potrebbe prevederlo. Vengono messe a disposizione delle risorse che possono essere usate a determinate condizioni. Ripeto che questa è una strada in fase di valutazione. Il piano di riequilibrio permette di spalmare i debiti in 10 anni e inoltre l'amministrazione si assume l'onere di gestire la parte debitoria. Col dissesto, invece, continua la macchina amministrativa e politica ma i debiti vengono gestiti da un commissario, come se fosse un liquidatore.

Arriviamo alla nota dolente. Per quanto riguarda le tasse cosa devono aspettarsi i cittadini?

Nel brevissimo periodo niente, dato che le aliquote sono già al massimo. Da subito affronteremo il problema dell'evasione dei tributi. Negli anni in questo senso non è mai stato fatto niente, e questa situazione non è più accettabile. Faremo un lavoro molto serio attivando un ufficio specifico su accertamento e riscossione. Inoltre lavoreremo per rendere il Comune più efficiente e informatizzare le procedure. Consideri che qui gli uffici non si parlano tra loro, non c'è un centralino, non c'è risposta immediata. Queste sono cose di base che dobbiamo sicuramente affrontare nell'immediato e che in futuro potrebbero consentirci di valutare una riduzione delle tariffe.

Passiamo alla cronaca di questi giorni. Secondo lei com'è stato possibile, da parte del commissario, non aver previsto in bilancio le coperture per il trasporto scolastico? 

Il problema è che il commissario ha tagliato tutto quello che poteva tagliare. Essendo un organo tecnico aveva l'esigenza di chiudere il bilancio, che non era stato concluso nei tempi giusti dall'amministrazione precedente. 

Quando si potrà rivedere questa decisione?

Noi confidiamo di trovare una soluzione per l'anno scolastico 2018/19. Già nel prossimo documento di programmazione, che mi impegno a presentare nei termini, cercheremo di risolvere questo problema.

Ha detto di voler rendere più comprensibile il bilancio dell'ente. Che cosa intende, e a quale fine?

Non vogliamo passare per quelli che hanno la bacchetta magica. Quello che vogliamo fare è cercare di riportare Ardea a una situazione di normalità. È anormale, ad esempio, il fatto che i cittadini non conoscano il bilancio del proprio Comune. Tutti i Comuni normali presentano una relazione sui documenti tecnici. Questo è il primo passo che dobbiamo fare: spiegare gli atti.  Pensi che il dirigente l'ultima volta si è stupito di non dover illustrare lui stesso le delibere in consiglio comunale, ma che l'abbia fatto invece l'assessore. Secondo lei è normale che lo faccia l'assessore o deve farlo il dirigente? Un atto politico lo deve presentare l'assessore, invece fino ad oggi l'ha sempre fatto il dirigente. 

Vuole dire che i precedenti assessori non conoscevano gli atti?

Non li conoscevano! Questo perché la logica non era quella di trovare assessori competenti, ma di farlo in base alle spartizioni di poltrone. Da quando abito qui – cioè dal 2002 – non ricordo un assessore con competenze specifiche. 

Il vostro fine è il bilancio partecipato. Nella pratica di cosa si tratta?

È uno strumento che permette ai cittadini organizzati di decidere come destinare una quota minima del bilancio del Comune. Non sarà un passaggio che avverrà a breve, ma per farlo contiamo di collaborare con comitati di quartiere e associazioni. 

In concreto non è che dia molti spazi su cui i cittadini possono influire...

Il bilancio partecipato non può di certo intaccare questioni come il trasporto scolastico o l'assistenza ai disabili, oppure la pianificazione urbanistica. Questi sono temi chiaramente esclusivi dell'amministrazione. Nella mia esperienza concreta ho visto i cittadini lavorare su attività non residuali, che possono impattare sulla comunità, come lo sport, le manifestazioni culturali, il decoro urbano. Ma il fine reale è quello di coinvolgere i cittadini. Il nostro obiettivo è quello di presentare il bilancio alle associazioni e ai comitati anche prima di portarlo in approvazione. 
È una riforma globale di ciò che fino ad oggi è accaduto. Finora il bilancio non lo vedevano nemmeno gli amministratori, lo faceva il dirigente che lo presentava quasi a scatola chiusa. Per noi questo sistema va rovesciato: la piramide deve partire dal basso. 

Martina Zanchi



Articoli Correlati:

02/11 Si attende il parere dei revisori Ardea verso il dissesto, lo conferma il sindaco: «È un'opera di trasparenza» Lo spettro del dissesto aleggia su Ardea. A dirlo non sono più soltanto voci di popolo ...
20/11 Ha contribuito alla sua cattura «Vi racconto Riina in manette», la storia dell'ex capo dei carabinieri di Ardea Ha visto in faccia il boss dei boss di Cosa nostra, il sanguinario Totò Riina, ...
14/11 Sonia Modica nella bufera social Assessore di Ardea sommersa di critiche per il rimborso auto, lei: «È legittimo» La richiesta di un rimborso auto da poco più di 500 euro per due mesi ...
25/10 Ardea, sono trascorsi 10 mesi Bando rifiuti fermo in Città Metropolitana, l'ex assessore interpella il sindaco Il nuovo bando rifiuti di Ardea è fermo da gennaio per le verifiche in Città Metropolitana, ...
12/10 Ardea, atti da integrare Salzare shock: solo il 10% dei 706 ettari sono del Comune. Lo svela l'assessore Tutti ad Ardea erano convinti che l'area dei famosi 706 ettari delle Salzare fosse ormai ...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
17:52 1511542320 Palazzo fatiscente e pericoloso a Piazza Pia, ordinanze ignorate dal 2001
16:49 1511538540 Porto Rio Martino verso realizzazione, sopralluogo presidente Della Penna
15:12 1511532720 Pomezia, occupazioni abusive, miasmi e degrado: così muore Santa Palomba
14:41 1511530860 Nuova vita per i giardini "Pucci" di Pomezia, presto lavori di riqualificazione
14:21 1511529660 A sei mesi dall'incendio Eco X Canale 5 chiede lumi sulla bonifica del sito
14:15 1511529300 Ardea, le farmacie comunali non saranno vendute: ok alla gestione privata
14:08 1511528880 Tre nuove corse Cotral da Aprilia a Borgo Piave per gli studenti del S.Benedetto
13:57 1511528220 Pomezia, "prove tecniche di coalizione" tra Pd e Psi. Ma non tutti "collaborano"
13:33 1511526780 Città di Pomezia, arrivano i primi 2 colpi dalla sessione invernale del mercato
13:08 1511525280 Scontro tra un'auto e un bus Cotral sull'Appia, gravi madre e figlio
11:24 1511519040 Tombino che sgorga in spiaggia a Nettuno, ma sono acque bianche
11:10 1511518200 Al lavoro il primo Prefetto donna di Latina: sul tavolo la questione migranti
11:06 1511517960 Un flash mob a Frascati per dire 'no' alla violenza contro le donne
11:04 1511517840 Nemmeno con un fiore, le iniziative contro la violenza sulle donne a Cisterna
10:58 1511517480 Ultimi due appuntamenti con Tendance 2017 a Opera Prima Teatro
10:56 1511517360 Premiato il progetto per la costruzione della nuova scuola di piazza Zampetti
10:51 1511517060 Alessandro Cartelli lascia il comando della Polizia Locale di Cori e Lariano
10:33 1511515980 L'associazione Gap in prima linea per la lotta ai cambiamenti climatici
10:17 1511515020 Tentato furto a Nettuno, i ladri in fuga rischiano di investire una donna
10:15 1511514900 Ciampino, forse si salva un pezzo di Agro romano: Sì al museo alla Marcandreola
10:14 1511514840 Regionali a 5 stelle, il Vicesindaco Mancini incontra i Meetup di Nettuno
09:54 1511513640 Un successo la manifestazione "Non è amore" contro la violenza sulle donne
08:46 1511509560 Velletri, iniziative per la Giornata Mondiale contro la Violenza sulle donne
08:13 1511507580 Inseguimento per le strade di Campoverde: a bordo 4 rom con strumenti da scasso
08:08 1511507280 Ladri al poliambulatorio: svuotata la cassa automatica per le prenotazioni