[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Intervista al sindaco Boccia

Rocca di Papa: per le antenne a Monte Cavo il sindaco vuole l’esercito! FOTO

<
>
MONTE CAVO - La cima ospita 57 tralicci, 
per le comunicazioni civili e militari
MONTE CAVO - La cima ospita 57 tralicci, per le comunicazioni civili e militari
PASQUALE BOCCIA - Il sindaco di Rocca di Papa durante l?intervista con il Caffè
PASQUALE BOCCIA - Il sindaco di Rocca di Papa durante l?intervista con il Caffè

«Sono pronto a chiamare l’esercito, il Genio Civile, le forze dell’ordine, le ditte e gli operai comunali e i cittadini, per andare tutti insieme a Monte Cavo a bonificare la vetta». Lo dice a il Caffè il sindaco di Rocca di Papa, Pasquale Boccia, dopo anni di convivenza forzata con l'imponente polo elettromagnetico che svetta sul suo Comune. Insomma, un affare di Stato. In questo si è trasformata l’annosa vicenda della selva di tralicci e antenne radiotelevisive e per telefonia mobile presenti su Monte Cavo, monumento ambientale ed archeologico dei Castelli Romani, a due passi dal centro storico del paesino, a metà tra il lago Albano e di Nemi. Al momento, questo sito strategico per le comunicazioni al livello nazionale ospita un “bosco” di 56 maxi tralicci, da cui trasmettono 76 emittenti radio-televisive che  affollano l’intera vetta. A cui si aggiungono gli impianti, di cui però non si conosce il numero preciso, ad uso militare. Oltre a quelli dell'Enac, l’Ente Nazionale Aviazione Civile che assiste l’aeroporto civile e militare di Ciampino, della Guardia di Finanza, dei Vigili del Fuoco e perfino del Servizio Radio Costiero. Ma le cose, a sentire il sindaco, potrebbero presto cambiare. 

  • GOVERNO E REGIONE MUTI. TOCCA AI GIUDICI

«Io – tuona il primo cittadino - ho chiamato il Governo nazionale, nella persona del sottosegretario al Ministero dello Sviluppo Economico, Antonello Giacomelli, che  ha delega alle comunicazioni. Ho mandato notizie al Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e a Fabio Refrigeri, in quanto suo Assessore all’Ambiente. Ho mendicato in tutti gli uffici di Roma. Sono stanco. Ci vuole un giudice, ancora una volta, per risolvere le cose su un argomento così particolare». Poche settimane fa, un’ordinanza provvisoria del Consiglio di Stato ha ordinato, entro 6 mesi, la delocalizzazione delle antenne Mediaset, ovvero quelle che trasmettono Rete 4, Canale 5 e Italia Uno, installate su uno solo dei maxi tralicci. Intanto vanno dunque spostate in altro luogo. Si attende poi entro sei mesi la sentenza definitiva. Evidentemente gli amministratori pubblici non hanno saputo e non sanno, ancora oggi, prendere una decisione. La causa davanti ai giudici amministrativi riguarda un’ordinanza firmata dal primo cittadino di Rocca di Papa, che è molto più 'aggressiva' visto che dispone lo smantellamento anche di tutti gli altri 56 grossi tralicci ad uso civile. 

  • RESTA SOLO IL DIGITALE CHE INQUINA MOLTO MENO

«Ho detto al Governo “vi dovete muovere e rispettare quello che abbiamo deciso qui in Comune! - ringhia Pasquale Boccia riferendosi all’ordinanza con cui ordina lo spostamento di 56 maxi tralicci -. Noi siamo pronti a fare la nostra parte, ospitando gli impianti per la digitalizzazione televisiva che inquinano il 65% in meno rispetto all’analogico, così sostiene l’Arpa Lazio, l'Agenzia Regionale di Protezione Ambientale. Ma tutto il resto deve andar via - avverte Boccia -. Entro i prossimi sei mesi. Prima della sentenza definitiva del Consiglio di Stato». 

  • A ‘RISCHIO’ I COMUNI VICINI

Ma dove finiranno i tralicci? «Caro Ministero, se tu mi dici che sei d’accordo – continua il Sindaco - mi devi dimostrare dove andranno le antenne. Per spostare un traliccio è necessaria la compatibilità radioelettrica. L’ispettorato Regione Lazio del Ministero delle Comunicazioni è preposto a questo lavoro di studio, controllo e monitoraggio e concede le relative autorizzazioni. Loro ci devono dire se i siti indicati su un Piano regionale già esistente, e che siamo finalmente riusciti ad avere, sono davvero compatibili con le antenne di Rocca di Papa. Ora il lavoro è stato fatto. Io ho copia di questo documento. È tutto pronto. Hanno indicato pure vari luoghi co
me alternativa a Monte Cavo, tra cui Albano ed il Circeo. Il Ministero, però, ora deve emettere un ordine, in accordo con la Regione. Questo devono fare. Ho ricevuto tante promesse in passato. Prodi, Berlusconi Monti, Letta. Ora basta – conclude il Sindaco - questo obbrobrio non lo vogliamo più vedere». 
L'auspicio, ora, è che entro la prossima primavera Governo nazionale e regionale daranno seguito a queste richieste. Utile sarebbe poi rendere noto a tutti il famoso Piano regionale delle antenne. 
Ad aprile la sentenza sullo ‘sfratto’ dei tralicci Mediaset ordinato da Boccia. 

MONTE CAVO: DAGLI ANTICHI DEI ALLE ANTENNE
Monte Cavo costituisce è il 3° tra i 23 siti “maglia nera” per volume di emissioni di elettrosmog dell’intero Lazio e fra i primi 150 in Italia che emettono campi elettromagnetici superiori ai livelli sopportabili dall’uomo. Ospita impianti ricetrasmittenti radio-televisivi e per telefonia mobile di portata nazionale. A nulla, fino ad ora, è valsa la battaglia portata avanti per anni da numerose associazioni territoriali e comitati di quartiere. Prima della nascita di Roma, Monte Cavo ospitava il tempio di Giove Laziale, il Dio delle città Latine. Una struttura talmente importante che è paragonabile all’odierna piazza San Pietro per i Cristiani. Era collegato al centro della Città Eterna dalla straordinaria via Sacra, ancora interamente percorribile a piedi o in bici. L’antico tempio, secondo le “grandi firme” della latinità, nelle serate d’estate era ben visibile fino al Circeo. Ed ora, il Circeo insieme al Comune di Albano potrebbero essere presto i due siti più “colpiti” dalla possibile delocalizzazione delle antenne al momento presenti su Monte Cavo. 


Articoli Correlati:

2016 Ok all'abbattimento dei ripetitori Rocca di Papa: via le antenne Rai da Monte Cavo, lo ha deciso il Tar Via le antenne dell’emittente di Stato da Monte Cavo. Il Tar del Lazio, come già ...
2015 Sentenza storica a Rocca di Papa Addio antenne a Monte Cavo: il Consiglio di Stato ordina l'immediata rimozione Arriva la svolta nell’eterna battaglia del Comune di Rocca di Papa per la delocalizzazione delle antenne ...
11/01 Rocca di Papa, annullato il regolamento Il Tar dà torto al Comune: non può multare i gestori dei ripetitori di telefonia Nuova sconfitta del Comune di Rocca di Papa sul fronte di antennopoli. Annosa, dura e ...
2016 Nel bosco di Monte Cavo Rocca di Papa: ladri di legna colti sul fatto dai Guardiaparco, arrestati Avevano tagliato molti alberi di castagno del bosco pubblico di Monte Cavo, a Rocca di ...
2016 Comune e Polizia Locale in azione Rocca di Papa: rimosse tre grandi parabole di 150 kg sul Monte Cavo Grazie alla collaborazione fra l’attuale Amministrazione Comunale e la Polizia Locale, nella mattina di ieri ...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
11:00 1490436000 Mancano gli addetti alla raccolta differenziata, ci pensano i Vigili Urbani
10:39 1490434740 Crolla il tetto dove era salito per recuperare il pallone: grave un ragazzino
10:02 1490432520 Riparati i giochi vandalizzati, dito puntato sulle telecamere "inefficienti"
10:01 1490432460 Appalto mense ad Anzio, la consigliera Bonafoni: “Viva preoccupazione”
09:27 1490430420 Voli low cost a Latina invece che a Ciampino: (ri)proposto l'Aeroporto pontino
09:16 1490429760 Il Comune di Latina licenzi i due funzionari coinvolti nell'inchiesta Olimpia
08:59 1490428740 Necropolis, mezza ex Giunta di Ardea alla sbarra: udienza rinviata a luglio
08:35 1490427300 Cercava asparagi, trova un cadavere incaprettato e incappucciato
24/03 1490380020 Antonio Tombolillo eletto nuovo Presidente dell'Avis di Latina
24/03 1490379540 Il ritratto di Papa Gregorio XIII (XVI sec.) da Frascati al Giappone
24/03 1490378580 L’assessore Sanetti diventa mamma, gli auguri della Giunta di Nettuno
24/03 1490378340 Serata primavera ad Anzio, l'assessore Laura Nolfi: “Sono disgustata”
24/03 1490378100 Operazione di Polizia a Scacciapensieri, controlli su delle famiglie straniere
24/03 1490374920 Latina, mazza ferrata e coltellaccio in macchina: denunciato un 44enne
24/03 1490374500 Latina Scalo, alunni della Manuzio in visita al comando provinciale Carabinieri
24/03 1490374320 Addio Latina Ambiente, i rifiuti saranno gestiti da un'Azienda speciale
24/03 1490373060 Vittoria del Comune di Cori: il Tar blocca la nuova cava di calcare
24/03 1490370660 Frascati, ok al nuovo gemellaggio con la città russa di Obninsk
24/03 1490368320 Commissario per presunti abusi della consigliera M5S, ricorso respinto dal Tar
24/03 1490366940 Fiorucci: sì dei lavoratori all'accordo con la ditta. Licenziamenti scongiurati
24/03 1490366700 Caso Cervia, quella misteriosa visita al negozio della figlia
24/03 1490366640 Mamme dei Castelli e pontine presentano l'indagine sulla donazione del cordone
24/03 1490366040 «Le intimidazioni? Un attacco dall’interno». Parla il vicesindaco di Anzio
24/03 1490365320 Minacciano cassiera con ascia e coltello: rapinatori portano via oltre 2500 euro
24/03 1490364720 Dopo 55 anni torna la “Audax 300 km”