[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Intervista al sindaco Boccia

Rocca di Papa: per le antenne a Monte Cavo il sindaco vuole l’esercito! FOTO

<
>
MONTE CAVO - La cima ospita 57 tralicci, 
per le comunicazioni civili e militari
MONTE CAVO - La cima ospita 57 tralicci, per le comunicazioni civili e militari
PASQUALE BOCCIA - Il sindaco di Rocca di Papa durante l?intervista con il Caffè
PASQUALE BOCCIA - Il sindaco di Rocca di Papa durante l?intervista con il Caffè

«Sono pronto a chiamare l’esercito, il Genio Civile, le forze dell’ordine, le ditte e gli operai comunali e i cittadini, per andare tutti insieme a Monte Cavo a bonificare la vetta». Lo dice a il Caffè il sindaco di Rocca di Papa, Pasquale Boccia, dopo anni di convivenza forzata con l'imponente polo elettromagnetico che svetta sul suo Comune. Insomma, un affare di Stato. In questo si è trasformata l’annosa vicenda della selva di tralicci e antenne radiotelevisive e per telefonia mobile presenti su Monte Cavo, monumento ambientale ed archeologico dei Castelli Romani, a due passi dal centro storico del paesino, a metà tra il lago Albano e di Nemi. Al momento, questo sito strategico per le comunicazioni al livello nazionale ospita un “bosco” di 56 maxi tralicci, da cui trasmettono 76 emittenti radio-televisive che  affollano l’intera vetta. A cui si aggiungono gli impianti, di cui però non si conosce il numero preciso, ad uso militare. Oltre a quelli dell'Enac, l’Ente Nazionale Aviazione Civile che assiste l’aeroporto civile e militare di Ciampino, della Guardia di Finanza, dei Vigili del Fuoco e perfino del Servizio Radio Costiero. Ma le cose, a sentire il sindaco, potrebbero presto cambiare. 

  • GOVERNO E REGIONE MUTI. TOCCA AI GIUDICI

«Io – tuona il primo cittadino - ho chiamato il Governo nazionale, nella persona del sottosegretario al Ministero dello Sviluppo Economico, Antonello Giacomelli, che  ha delega alle comunicazioni. Ho mandato notizie al Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e a Fabio Refrigeri, in quanto suo Assessore all’Ambiente. Ho mendicato in tutti gli uffici di Roma. Sono stanco. Ci vuole un giudice, ancora una volta, per risolvere le cose su un argomento così particolare». Poche settimane fa, un’ordinanza provvisoria del Consiglio di Stato ha ordinato, entro 6 mesi, la delocalizzazione delle antenne Mediaset, ovvero quelle che trasmettono Rete 4, Canale 5 e Italia Uno, installate su uno solo dei maxi tralicci. Intanto vanno dunque spostate in altro luogo. Si attende poi entro sei mesi la sentenza definitiva. Evidentemente gli amministratori pubblici non hanno saputo e non sanno, ancora oggi, prendere una decisione. La causa davanti ai giudici amministrativi riguarda un’ordinanza firmata dal primo cittadino di Rocca di Papa, che è molto più 'aggressiva' visto che dispone lo smantellamento anche di tutti gli altri 56 grossi tralicci ad uso civile. 

  • RESTA SOLO IL DIGITALE CHE INQUINA MOLTO MENO

«Ho detto al Governo “vi dovete muovere e rispettare quello che abbiamo deciso qui in Comune! - ringhia Pasquale Boccia riferendosi all’ordinanza con cui ordina lo spostamento di 56 maxi tralicci -. Noi siamo pronti a fare la nostra parte, ospitando gli impianti per la digitalizzazione televisiva che inquinano il 65% in meno rispetto all’analogico, così sostiene l’Arpa Lazio, l'Agenzia Regionale di Protezione Ambientale. Ma tutto il resto deve andar via - avverte Boccia -. Entro i prossimi sei mesi. Prima della sentenza definitiva del Consiglio di Stato». 

  • A ‘RISCHIO’ I COMUNI VICINI

Ma dove finiranno i tralicci? «Caro Ministero, se tu mi dici che sei d’accordo – continua il Sindaco - mi devi dimostrare dove andranno le antenne. Per spostare un traliccio è necessaria la compatibilità radioelettrica. L’ispettorato Regione Lazio del Ministero delle Comunicazioni è preposto a questo lavoro di studio, controllo e monitoraggio e concede le relative autorizzazioni. Loro ci devono dire se i siti indicati su un Piano regionale già esistente, e che siamo finalmente riusciti ad avere, sono davvero compatibili con le antenne di Rocca di Papa. Ora il lavoro è stato fatto. Io ho copia di questo documento. È tutto pronto. Hanno indicato pure vari luoghi co
me alternativa a Monte Cavo, tra cui Albano ed il Circeo. Il Ministero, però, ora deve emettere un ordine, in accordo con la Regione. Questo devono fare. Ho ricevuto tante promesse in passato. Prodi, Berlusconi Monti, Letta. Ora basta – conclude il Sindaco - questo obbrobrio non lo vogliamo più vedere». 
L'auspicio, ora, è che entro la prossima primavera Governo nazionale e regionale daranno seguito a queste richieste. Utile sarebbe poi rendere noto a tutti il famoso Piano regionale delle antenne. 
Ad aprile la sentenza sullo ‘sfratto’ dei tralicci Mediaset ordinato da Boccia. 

MONTE CAVO: DAGLI ANTICHI DEI ALLE ANTENNE
Monte Cavo costituisce è il 3° tra i 23 siti “maglia nera” per volume di emissioni di elettrosmog dell’intero Lazio e fra i primi 150 in Italia che emettono campi elettromagnetici superiori ai livelli sopportabili dall’uomo. Ospita impianti ricetrasmittenti radio-televisivi e per telefonia mobile di portata nazionale. A nulla, fino ad ora, è valsa la battaglia portata avanti per anni da numerose associazioni territoriali e comitati di quartiere. Prima della nascita di Roma, Monte Cavo ospitava il tempio di Giove Laziale, il Dio delle città Latine. Una struttura talmente importante che è paragonabile all’odierna piazza San Pietro per i Cristiani. Era collegato al centro della Città Eterna dalla straordinaria via Sacra, ancora interamente percorribile a piedi o in bici. L’antico tempio, secondo le “grandi firme” della latinità, nelle serate d’estate era ben visibile fino al Circeo. Ed ora, il Circeo insieme al Comune di Albano potrebbero essere presto i due siti più “colpiti” dalla possibile delocalizzazione delle antenne al momento presenti su Monte Cavo. 


Articoli Correlati:

2016 Ok all'abbattimento dei ripetitori Rocca di Papa: via le antenne Rai da Monte Cavo, lo ha deciso il Tar Via le antenne dell’emittente di Stato da Monte Cavo. Il Tar del Lazio, come già ...
2015 Sentenza storica a Rocca di Papa Addio antenne a Monte Cavo: il Consiglio di Stato ordina l'immediata rimozione Arriva la svolta nell’eterna battaglia del Comune di Rocca di Papa per la delocalizzazione delle antenne ...
11/01 Rocca di Papa, annullato il regolamento Il Tar dà torto al Comune: non può multare i gestori dei ripetitori di telefonia Nuova sconfitta del Comune di Rocca di Papa sul fronte di antennopoli. Annosa, dura e ...
2016 Nel bosco di Monte Cavo Rocca di Papa: ladri di legna colti sul fatto dai Guardiaparco, arrestati Avevano tagliato molti alberi di castagno del bosco pubblico di Monte Cavo, a Rocca di ...
2016 Comune e Polizia Locale in azione Rocca di Papa: rimosse tre grandi parabole di 150 kg sul Monte Cavo Grazie alla collaborazione fra l’attuale Amministrazione Comunale e la Polizia Locale, nella mattina di ieri ...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
19/02 1487520780 Aprilia, accoltellato davanti al bar in via Aldo Moro: 26enne operato d'urgenza
19/02 1487517240 Sermoneta, martedì in Consiglio il sindaco presenterà la nuova Giunta
19/02 1487516100 Pomezia, carnevale senza Tyrrhenum: la storica associazione si sfila in polemica
19/02 1487515800 Consumo di suolo record ai Castelli Romani: le associazioni lanciano l'allarme
19/02 1487515380 Fusti tossici abbandonati in via delle Grugnole a Nettuno, la denuncia
19/02 1487512140 Serie B, la Mirafin torna in corsa per i play off
19/02 1487509200 Latina, in un solo mese oltre 700 multe da 85 euro al varco della Ztl
19/02 1487507580 Stretta sullo spaccio e il consumo di droga: controlli a Latina e provincia
19/02 1487502060 Anziana investita sotto il Comune di Nettuno, portata al Pronto soccorso
19/02 1487502000 Centinaia di migranti arrivati a Latina e poi spariti nel nulla
19/02 1487501220 Latina, ladri lanciano un tombino contro la vetrina del bar: il colpo va a segno
19/02 1487496300 Pomezia, picchia moglie e figlia con un tubo di plastica: arrestato 55enne
19/02 1487494800 Pomezia, 22enne spintonata e palpeggiata nella sede dell'Inps: indagini in corso
19/02 1487494080 Ariccia, al via il corso di formazione per Guardie Ecozoofile a Palazzo Chigi
19/02 1487493240 Albano, inaugurato al museo il percorso tattile per ipovedenti e non vedenti
19/02 1487487600 I pendolari al contrario: l'obiettivo del 54% di chi lascia Roma è Latina
18/02 1487440200 67enne accusa un malore mentre è alla guida, accosta l'auto e muore
18/02 1487438520 Lo Storico Cantiere di Marino celebra Jacopa De Settesoli, amica di S. Francesco
18/02 1487438040 Il Cardinal Martino in visita pastorale a Pontinia il 26 febbraio
18/02 1487437680 Il 26 febbraio assemblea sociale dei donatori dell'Avis Pomezia-Ardea
18/02 1487437380 Avvolto dalle fiamme un modulo abitativo nel Campo nomadi di Castel Romano
18/02 1487436840 Villa Fogliano va ristrutturata: il progetto parte dalle associazioni
18/02 1487433780 Forza Italia a Sezze si organizza in vista delle elezioni amministrative
18/02 1487432640 Fece una rapina nel 2014 ad Aprilia: arrestato un 60enne a Latina
18/02 1487431320 Minimarket della droga a Pomezia scoperto dai Carabinieri: due arresti