[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Nuova bomba sull'ABC di Latina

L’appalto rifiuti poteva vincerlo uno solo? La De Vizia Transfer contesta l’iter FOTO

<
>
Damiano Coletta
Sindaco di Latina
Damiano Coletta Sindaco di Latina
Giacomo Barbato
Commissario prefettizio al Comune di Latina, varò il bando per l'appalto rifiuti censurato dall'Anticorruzione
Giacomo Barbato Commissario prefettizio al Comune di Latina, varò il bando per l'appalto rifiuti censurato dall'Anticorruzione
Bruno Frattasi
Da Prefetto di Latina, citò i precedenti della De Vizia Transfer nella sua relazione sulla mafia a Fondi
Bruno Frattasi Da Prefetto di Latina, citò i precedenti della De Vizia Transfer nella sua relazione sulla mafia a Fondi

Nuova bomba sull'ABC, l'Azienda speciale dei rifiuti di Latina. Stavolta, almeno, da fuori palazzo e con nome e cognome: un ricorso amministrativo della De Vizia Transfer Spa contro l'iter che ha portato all'ABC, fiore all'occhiello dell'Amministrazione del Sindaco Coletta. La Spa chiede di annullare l'iter che ha portato alla stessa ABC e di ripristinare la gara d'appalto in cui si candidò a prendere il posto della Latina Ambiente Spa. Il libero mercato - dice - è stato mortificato. E paradossalmente, la De Vizia sembra avere ragione. Ma per motivi diversi da quelli che lamenta nel ricorso. Ora vedremo perché. Intanto in Commissione trasparenza venerdì 27 ottobre i Consiglieri comunali di opposizione (Pd e Forza Italia) hanno rinfacciato alla maggioranza il bando di gara abortito dall'Amministrazione Coletta, ma prima ancora censurato dalla comunità imprenditoriale pontina e dall'Autorità nazionale anticorruzione. 

LE ORIGINI: ASSE FORZA ITALIA-PD
L’imput al bando arrivò con l'ordine del giorno approvato dal Consiglio Comunale il 12 maggio 2015 (a favore Forza Italia, PD e Fabio Cirilli). Dopo quella seduta alcuni Consiglieri uscirono scortati dalla Polizia per timore delle reazioni di qualche lavoratore della Latina Ambiente. Il bando fu poi elaborato e lanciato quando il Comune commissariato era in mano al Prefetto Giacomo Barbato, coadiuvato dai tre subcommissari Luigi Scipioni, vice Prefetto vicario a Latina, Paolo Canaparo, Vice Prefetto in servizio al Ministero dell'Interno e Michele Albertini, dirigente della Prefettura di Brindisi. Altissima la posta in gioco: oltre 18 milioni di euro per un appalto lungo 7 anni. 

RIESUMARE LA GARA?
Ma la gara d’appalto, come concepita da un pezzo di Stato, è andata a monte dopo che un altro pezzo dello Stato, l'Autorità nazionale anticorruzione, lo ha censurato: “criteri irragionevolmente restrittivi”, “sembra dimensionato sulla raccolta tradizionale su strada”, scrive l'Anac nella sua raccomandazione al Comune che gli aveva sottoposto gravi dubbi. Certi criteri facevano somigliare il bando ad un abito su misura per qualcuno. Né si capiva come poter arrivare al 65% di raccolta differenziata imposto dalla legge e ottenibile solo con il 'porta a porta' in tutto il territorio comunale, non certo con i cassonetti stradali. È arcinoto. Lo chiarì ad esempio, nel 2002, la commissione di esperti nazionali, nominati dall'allora sindaco romano Walter Veltroni. Nel bando latinense, scrive l'Anticorruzione, “non è dato evincere nella tipologia dei servizi elencati […] una specifica indicazione del servizio di raccolta differenziata”. Come e cosa si pensava di fare, in concreto? Le chiacchiere stanno a zero, secondo l'Amministrazione Coletta: «La raccomandazione dell'Anac, riconosce le criticità in quel bando – afferma il Sindaco - e dice che fino all'ultimo giorno utile l'Amministrazione in autotutela può annullare l'atto. E noi lo abbiamo annullato e optato per l'ABC: il progetto è in corso e si realizzerà».  

QUALE CONCORRENZA?
Legittimamente il ricorso della De Vizia Transfer invoca libera concorrenza in libero mercato. Giusta aspirazione che appare destinata ad essere frustrata se si guardano certi fatti. Alla gara avviata dal Commissario Barbato hanno partecipato due ditte. Una è la stessa De Vizia Transfer, nota da anni alla politica e alle cronache locali: nel 2010, il quotidiano di Latina ne ricordava grane giudiziarie e precedenti di polizia riportati dall'allora Prefetto pontino Bruno Frattasi nella sua relazione sul condizionamento mafioso al Comune di Fondi. L'altro soggetto fattosi avanti è l'Associazione temporanea di imprese AVR Spa - Ditta Sangalli: la prima è nota soprattutto per i lavori stradali, più che come realtà industriale di peso nel settore rifiuti. La Sangalli è quella che recentemente a Frosinone si è vista togliere l'affidamento dell'appalto da oltre 26 milioni di euro proprio su ricorso della De Vizia. Il Tar e poi il Consiglio di Stato l’hanno fatta fuori perché ritenuta senza i requisiti morali prescritti: vari membri della famiglia Sangalli sono stati condannati in via definitiva con patteggiamento a 4 anni (ridotti a tre con l'indulto) per corruzione in appalti monnezzari. 
Anche a Maenza, provincia di Latina, la Sangalli è stata esclusa per analoga carenza di requisiti di moralità professionale (è poi rientrata all’ultimo minuto finendo seconda). Requisiti imposti dalla legge e richiesti anche nel bando latinense finito ora davanti al Tar.

LA LIBERA CONCORRENZA E LE DOMANDE CHE NESSUNO FA
Torniamo alla libera concorrenza. Ad innescare i dubbi posti dal Comune all'Anticorruzione sono stati altri concorrenti del libero mercato: la Del Prete di Sermoneta Scalo, l'Unione degli industriali e la Federlazio che raggruppa piccole e medie imprese. Per quei dubbi anche il liquidatore della Latina Ambiente, il prof Bernardino Quattrociocchi docente universitario di Economia, aveva diffidato il Comune. A fare ricorso contro l'affidamento dell'appalto di Frosinone alla Sangalli è stata la stessa De Vizia Transfer in associazione temporanea d'imprese con Urbaser SA. Le hanno dato ragione ed è subentrata alla rivale. Ora a Latina, se il ricorso contro Azienda speciale ABC e Comune avrà successo e se verrà ripristinata la gara d'appalto censurata dall'Anticorruzione e poi annullata, chi avrebbe davvero concreta speranza e logica possibilità di vincere? Se vincesse AVR – Sangalli, De Vizia non farebbe ricorso? In un modo o nell'altro, sul rispetto del libero mercato, appare chiaro perché ha ragione De Vizia Transfer. Il 9 novembre è prevista la prima udienza al Tar di Latina, per decidere se sospendere gli atti che hanno generato l'annullamento della gara d'appalto censurata dall'Anac e portato all'Azienda speciale ABC,  come chiede la De Vizia. I suoi avvocati sono molto preparati, uno è stimatissimo ai massimi livelli istituzionali, tanto che nel suo studio legale ha lavorato la moglie di un ex Ministro dell'Interno. 

Francesco Buda

«AVVELENANO I POZZI: SEGNO CHE LAVORIAMO BENE»
«Sono stato nei giorni scorsi al Festival della pubblica utilità di Imola – dice al Caffè il Sindaco di Latina Damiano Coletta – e continuo a trovare conferme e ammirazione per quello che stiamo facendo: l'esperienza di Latina è vista al livello regionale e nazionale come un modello sano possibile, da cui creare àmbiti ottimali per la gestione dei rifiuti. Abbiamo toccato interessi altri, il progetto ABC può cambiare le cose. Mi sembra che ci sia una volontà di stoppare questo processo. Come è uso e costume del vecchio sistema di far politica, che abbiamo buttato fuori, è scattata la macchina del fango nel momento in cui l'Azienda speciale ha iniziato a prendere piede: c'è una parte del sistema che sente che stiamo andando avanti e usa certi metodi per tentare di fermarci: ci avvelenano o pozzi», dice ancora Coletta. «Anche l'interrogazione parlamentare di Gasparri, che parla di “presunta opacità” e mancanza di trasparenza dell’operato del Comune di Latina  – aggiunge il Sindaco -, è in linea con tutto questo avvelenamento. È la conferma che stiamo lavorando bene e stiamo trasformando questa macchina amministrativa in un àmbito di legalità e ordine, anche con nuovi regolamenti e controllo di gestione». Tra fango e veleni, i fatti diranno chi ha ragione. 
 


Articoli Correlati:

2017 Cancelli chiusi alla Rida Ambiente Niente raccolta rifiuti indifferenziati in gran parte dei Comuni Oggi non sarà raccolta l'immondizia indifferenziata nei Comuni che conferiscono all'impianto della Rida Ambiente di ...
2016 Latina, servizio ad altra ditta Il Sindaco vuole revocare l'appalto della raccolta rifiuti a Latina Ambiente Il sindaco di Latina, su indicazione degli Assessorati all’Ambiente e al Bilancio, sta valutando un ...
2016 La vita della Spa destinata a allungarsi Latina Ambiente è salva. Entro 60 giorni la proposta di ristrutturazione La società Latina Ambiente è salva. Nella giornata di ieri il Tribunale ha accettato la ...
2016 Piano rifiuti all’avanguardia. È sparito Porta a porta progettato... e poi nascosto. Lo strano caso di Latina Perdere posti di lavoro, specie in un periodo di crisi come quello attuale, è sempre ...
2016 Soluzioni geniali... ignote al Comune Latina, nuovo sabotaggio del porta a porta. È scontro in Comune Ma chi lo decide quanto, e con quale durata, un’amministrazione comunale debba far pagare ai ...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
21/01 1516566060 Cacciatore di Anzio attaccato da un toro a Bassiano, soccorso d’urgenza è grave
21/01 1516564620 Simboli fascisti al mercatino di Nettuno, i cittadini chiamano la Polizia
21/01 1516564380 Rissa sfiorata in centro a Nettuno, provvidenziale intervento dei Carabinieri
21/01 1516560240 Stamattina a Nettuno la benedizione degli animali nella chiesa di San Francesco
21/01 1516559940 Nettuno e lo Sbarco, folla entusiasta per rievocazione, air show e street food
21/01 1516550400 Ardea, getta le sue scatole di rifiuti davanti a un altro condominio: sanzionato
21/01 1516548900 Auto in fiamme a ridosso della Pontina: fumo nero e traffico rallentato
21/01 1516548300 Pavona, residenti di via Trento in strada per la sicurezza stradale
21/01 1516532580 Forza Italia ad Aprilia sceglie un triumvirato per riorganizzare la coalizione
21/01 1516531800 Velletri, sbanda con l'auto, abbatte i pali della luce e sfonda un muretto
21/01 1516531200 Ciampino, ciclista sbatte contro lo sportello di un'auto: grave in ospedale
21/01 1516525920 Frontale sulla Nettunense tra due suore e un ragazzo: 22enne in codice rosso
20/01 1516471140 Incidente ai Pratoni del Vivaro: auto si cappotta e finisce nei terreni del Coni
20/01 1516470780 A Monteporzio Festa della Polizia Locale dei Castelli, Monti Prenestini e Lepini
20/01 1516470720 Deportivo ad Anzio, la Corte dei Conti dissequestra i beni di Criserà
20/01 1516470240 San Sebastiano, la Polizia locale di Nettuno “cuore e mano della città”
20/01 1516469940 San Sebastiano, la Polizia locale di Anzio “primo riferimento della città”
20/01 1516467120 L'editore de Il Caffè dal Papa: «Santità, Le scrivo ciò che non ho potuto dirle»
20/01 1516461780 Lavoratori senza stipendio, si ferma la raccolta dei rifiuti ad Ardea
20/01 1516460400 Liquami nei garage, il Sindaco di Albano ordina al Campidoglio di fare i lavori
20/01 1516445580 Serie D, Girone A. Un grande Simone Valenza fa volare l'Ardea Calcio a 5
20/01 1516444800 Sulla spiaggia di Nettuno la rievocazione dello sbarco alleato del 1944
20/01 1516443900 Imbrattato il monumento ai caduti, polemiche sui social. La condanna del sindaco
20/01 1516442280 Sesso con una 13enne conosciuta sui social: studente di 26 anni indagato
20/01 1516442160 Terza Divisione, Girone C. Volley Academy Pomezia, l'esordio è da urlo