[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Governo azzoppa le fonti pulite

Lazio a capo delle ‘regioni blocca-rinnovabili’

<
>
TRIVELLE IN ITALIA - Nel Paese del Sole, la Casta favorisce la caccia a petrolio e gas
TRIVELLE IN ITALIA - Nel Paese del Sole, la Casta favorisce la caccia a petrolio e gas
APRILIA, LA TURBOGAS - Classico esempio di fonte non rinnovabile, 
sussidiata dallo Stato, antieconomica e superata
APRILIA, LA TURBOGAS - Classico esempio di fonte non rinnovabile, sussidiata dallo Stato, antieconomica e superata

Il prossimo anno, oltre alle elezioni amministrative a Roma e Latina e in altri importanti Comuni del Lazio, probabilmente torneremo a votare per un referendum. Saranno trascorsi 5 anni esatti da quelli del 12 e 13 giugno 2011 con i quali i cittadini italiani hanno votato a favore dell’acqua pubblica, dello stop definito dell’energia nucleare in Italia e della soluzione del conflitto di interessi che ha caratterizzato la politica italiana negli ultimi vent’anni. Sarà di nuovo l’occasione giusta per ristabilire la volontà popolare, così come prevede la Costituzione italiana. Il nuovo referendum, elaborato in sei diversi quesiti, riguarderà un solo tema: la trivellazione delle coste italiane da parte delle multinazionali petrolifere in cerca di qualche goccia di petrolio e qualche metro cubo di gas per continuare ad alimentare il loro business inquinante e destinato a scomparire comunque. 

RENZI SBLOCCA TRIVELLE
Questa autorizzazione è stata concessa dal governo Renzi con cinque articoli del cosiddetto “decreto Sviluppo” e con uno del decreto “Sbocca Italia”. Quest’ultimo in realtà mertia ben altro nome - “blocca fonti energetiche rinnovabili” - perché propone ancora una volta il vecchio concetto che le fonti fossili (petrolio, gas e carbone), destinate ad esaurirsi, costerebbero meno delle fonti pulite (solari, eoliche, idroelettriche, geotermiche, ecc.) che per loro natura sono inesauribili. Con le fossili, inoltre, rimane la dipendenza da altri Paesi fornitori. Ma vediamo perché torneremo a votare una volta che la Corte Costituzionale avrà dato il via libera ai quesiti referendari: quello preventivo della Corte di Cassazione è dato per scontato. 

SERVI DELLA LOBBY FOSSILE
A depositare i quesiti referendari contro le trivellazioni sono stati i Consigli regionali di dieci Regioni che si affacciano sul mare, guidate da schieramenti di diverso colore: Basilicata (la capofila), Marche, Puglia, Sardegna, Abruzzo, Veneto, Calabria, Liguria, Campania e Molise. Le altre cinque Regioni costiere italiane (Toscana, Lazio, Sicilia, Emilia Romagna e Friuli V.G.), tutte guidate dal centro-sinistra, non hanno inteso aderire all’iniziativa per evidenti ragioni politiche. La nostra Regione quindi conferma così la sua storica inclinazione a favore delle lobby dell’energia ‘sporca’: quelle che hanno imposto ai cittadini laziali impianti alimentati con combustibili fossili costosi e inquinanti. Lo dimostra definitivamente un recente rapporto predisposto dal Gestore Nazionale dei Servizi Elettrici su dati forniti da Terna SpA (la società che si occupa della distribuzione e del dispacciamento dell’energia), relativo allo sviluppo delle rinnovabili in Italia fino a tutto il 2013. Gli impianti alimentati da fonti rinnovabili a livello nazionale hanno raggiunto una quota di produzione pari al 40,2% della potenza complessiva installata (circa 50mila MW): cioè più del fabbisogno giornaliero medio dell’intero Paese (circa 44mila MW). Vuol dire che già adesso le rinnovabili basterebbero a produrre l’intero fabbisogno nazionale, sia di giorno che di notte. 

LA LINEA RENZUSCONI
È un dato apparentemente incredibile, ma che si scontra frontalmente con la scellerata politica energetica seguita dai governi negli ultimi 15 anni. In Italia, infatti, esiste un surplus di capacità produttiva di energia elettrica pari ormai a quasi due volte e mezzo il suo fabbisogno. Questo soprattutto grazie ad un altro decreto dal nome altisonante, lo “Sblocca centrali”, voluto dal governo Berlusconi nel 2003, il quale ha permesso la costruzione di nuove centrali e la riconversione a gas e a carbone di quelle vecchie alimentate a petrolio. Tutti investimenti che non hanno tenuto in minimo conto le direttive dell’UE nel frattempo emanate per far fronte, tra l’altro, ai cambiamenti climatici in corso: investimenti che noi tutti oggi siamo costretti a pagare con le bollette. 
Ma molti si ostinano a dire o credere che la bolletta elettrica sale per colpa degli incentivi alle rinnovabili.

NON RINNOVABILI FUORI MERCATO
Dovendo comunque rispettare gli impegni con l’UE, anche l’Italia ha dovuto avviare politiche di incentivazione delle fonti rinnovabili attraverso i vari “Conto energia”; queste incentivazioni, però, negli ultimi tempi stavano mandando fuori mercato gli impianti alimentati a combustibili fossili, come ad esempio la centrale turbogas di Aprilia e Civitavecchia e quella a carbone sempre di Civitavecchia, e per questo sono intervenuti i vari decreti che prima hanno bloccato lo sviluppo delle rinnovabili ed ora cercano tenere in vita il business perdente delle lobby petrolifere con la trivellazione delle nostre coste. 
L’amministrazione Zingaretti sembra allineata e coperta dietro questa logica, ma presto saranno di nuovo i cittadini a dire come la pensano con il voto, ammesso che siano informati della cosa.

Lazio succube di fossili e rifiuti
L’incentivazione delle fonti rinnovabili con il “Conto energia” ha avuto esiti molto diversi nelle varie Regioni sia nel numero degli impianti che per le caratteristiche degli stessi. Dal rapporto del Gestore nazionale dei servizi elettrici risulta che il Lazio è al 13° posto nella classifica complessiva dell’installazione di tali strutture. Ma è al 2° posto per nuove centrali a cosiddetto "bio"gas ottenuto dai rifiuti organici, foraggiate con grossi incentivi statali. Il Lazio risulta quindi la Regione dove continuano ad andare a nozze sia le lobby energetiche e quelle della “monnezza”. 



Articoli Correlati:

2015 Ansia per l'ecomostro di Albano Nuovi inceneritori nel Lazio: salta piano del governo (per ora) Bruciato, almeno per ora, il blitz governativo 'sblocca inceneritori'. I giganteschi bruciatori di Albano Laziale ...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
16/08 1502904360 Stella Maris: grande partecipazione per la 35esima edizione della processione
16/08 1502902800 Aprilia Calcio, si parte il 3 settembre in casa contro la Lupa Roma
16/08 1502902260 Anzio Calcio, Di Ventura: "la mia esperienza al servizio della squadra"
16/08 1502901900 Ball Don't Lie Latina, è stato un successo
16/08 1502901660 Memorial Cristina Varani, numeri e curiosità della Terza Edizione
16/08 1502884020 Treni bollenti: pendolari fotografano le temperature a bordo e protestano
16/08 1502883420 25enne sorpreso mentre vende marijuana ad un 18enne: arrestato
16/08 1502881980 “Il mare di Anzio è pulito”, residenti e turisti difendono il loro Lido
16/08 1502877540 Lanterne cinesi incendiano azienda a Lido dei Pini, lo sfogo del titolare
16/08 1502877420 Bonifiche su tutto il territorio di Nettuno, controffensiva agli zozzoni
16/08 1502877240 Cafone con il Maggiolone lava l’auto all’autobotte di Acqualatina a Nettuno
16/08 1502877000 Mare sporco, le segnalazioni ad Anzio: scattano i controlli della Capitaneria
16/08 1502876820 Tg3 a Nettuno per la questione arsenico, domani vertice tra Comune e Acqualatina
16/08 1502869440 Danneggiato l'ingresso della sede della Croce Rossa: vandali o ladri?
16/08 1502869080 Danni all'area archeologica di Lanuvio, il Sindaco: staneremo i responsabili
16/08 1502868840 Avvertite due scosse di terremoto di magnitudo 1.9 a Bassiano
16/08 1502868060 Incendio lungo il canale di bonifica di Sabaudia. Indagini in corso
15/08 1502815740 Minorenne sorpreso a rubare occhiali e pennetta usb da una macchina parcheggiata
15/08 1502815140 Provincia di Latina in fiamme: 5 incendi hanno impegnato i Vigili del Fuoco
15/08 1502814300 Nemi: auto finisce nel lago, recuperata dopo due giorni di lavoro
15/08 1502798400 Cala il numero di reati commessi a Latina, ma crescono i controlli
15/08 1502782260 Boldrini denuncia chi la insulta: utenti di Nettuno, Latina e Frascati a rischio
15/08 1502781000 Investito da un'auto in piazza San Marco, 80enne muore una settimana dopo
15/08 1502779080 Sul lungomare di Torvajanica una tartaruga caretta caretta spiaggiata
15/08 1502777700 Arsenico a Nettuno, Cisterna, Aprilia e Latina, arrivano le autobotti