[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Anche a Latina alcuni casi di minori

Il trucco dei giovani disperati d’Egitto. Così ottengono il ricongiungimento

Hanno tra i 16 e i 17 anni, provengono dall’Egitto e si presentano in questura accompagnati da alcuni conoscenti che li aiutano ad interfacciarsi  con gli agenti. Sono i nuovi disperati del sud del mondo, che la legge definisce “minori non accompagnati”. 
A Latina, da novembre, si sono verificati tre casi del genere. Uno il nove di quel mese, il secondo dodici giorni dopo e l’ultimo il 3 gennaio scorso. Una volta identificati, gli agenti della squadra volante hanno provveduto ad accompagnare i giovani in una casa famiglia di Cori dove i minori vengono ospitati fino a quando non si riescano a rintracciare i genitori. Cosa che difficilmente avviene in breve tempo visto che spesso anche i genitori di questi giovani hanno abbandonato il proprio Paese d’origine. 
Come questi minori siano arrivati fino nel capoluogo pontino è difficile dirlo. I loro racconti sono molto simili: dichiarano di essere sbarcati qualche settimana prima in Sicilia e di essere subito fuggiti per non essere rinchiusi nei centri di prima accoglienza dove il rischio di espulsione ma anche di reclusione forzata per mesi è alto. Poi avrebbero peregrinato per l’Italia prima di raggiungere il capoluogo dove si sarebbero incontrati con alcuni connazionali. 
La realtà sembra però un’altra e verrebbe dimostrata dal trend registrato in tutto il Paese: in molti piccoli capoluoghi di provincia dove la comunità straniera, non solo egiziana, è ben radicata, si evidenzia un aumento di richieste di ospitalità come quelle effettuate a Latina. Più che meta di un vagabondaggio, quindi, il capoluogo pontino, come gli altri centri, pare essere più un punto di arrivo di un viaggio organizzato che si insinua nelle pieghe di una normativa molto complessa che se da una parte ha reso più difficile l’ingresso dei cosiddetti immigrati economici dall’altra rende più semplice il ricongiungimento di minori non accompagnati con i loro familiari. 
Il dato dell’aumento delle richieste di ospitalità da parte di minori non accompagnati, infatti, diventa più significativo se letto insieme all’aumento delle richieste per il ricongiungimento familiare effettuate da neo maggiorenni nei confronti dei genitori che ha raggiunto, nel 2015, l’8% delle richieste totali. Richieste che provengono, nella quasi totalità dei casi, da ragazzi ospitati nelle case famiglia per alcuni mesi. L’ospitalità in questi centri, insomma, rischia di trasformarsi in un escamotage per aggirare gli ostacoli all’ingresso nell’Unione Euopea per quei cittadini che non posseggono i requisiti per richiedere lo status di rifugiato. Un escamotage molto costoso visto che, come dimostrato dalla determinazione dell’area welfare del Comune di Latina che elenca i casi su descritti, ospitare un minore costa circa 76 euro al giorno. Denaro che viene sborsato quasi del tutto dal Comune visto che il ministero partecipa in minima parte alla spesa, effettuando rimborsi che arrivano al massimo a 20 euro al giorno e solo per i ragazzi che sostano in una singola struttura per almeno 10 giorni.

Tags: latina  minori  ospitalit 


Articoli Correlati:

2015 Latina, la storia Genitori chiedono che i figli siano trasferiti in una struttura di accoglienza Una storia complicata quella che vede protagonisti dei minori trasferiti presso una struttura di accoglienza ...
2014 Al lavoro su minori con problematiche Latina: l'associazione Pontireti Onlus avvia corsi di formazione per i volontari L’associazione Pontireti onlus avvia dei corsi di formazione per volontari. Pontireti onlus, nata nel 2003, ...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
20/01 1484949960 La Polizia locale di Nettuno in festa, encomi e primo baluardo di legalità
20/01 1484949660 La Polizia locale di Anzio ricorda le vittime del Corpo e premia i suoi agenti
20/01 1484936340 Cotral, fallisce la conciliazione Sindacati-Azienda. Sciopero confermato il 23
20/01 1484935140 Aprilia raggiunge il 56% di raccolta differenziata nel mese di Dicembre
20/01 1484934720 Lunedì niente trasporto scolastico a Marino: lavoratori in sciopero
20/01 1484931180 Volley Academy Pomezia, arriva il 1°Ko
20/01 1484930880 Cecchina Per Amatrice, spettacolo e cena con amatriciana per raccogliere fondi
20/01 1484930580 Al via la seconda edizione del Premio nazionale di Poesia Masio Lauretti
20/01 1484929260 Sezze, sorpreso a rubare nel magazzino di un agricoltore: arrestato 34enne
20/01 1484928360 Inno alla Pace degli studenti di Anzio al Monumento simbolo di Angelita
20/01 1484928240 Terremoto e neve, Anzio e Nettuno si mobilitano per le popolazioni colpite
20/01 1484928000 Sbarco il consigliere di opposizione Turano con la fascia al Campo della Memoria
20/01 1484924460 Velletri, il Sindaco: opportuno tutelare i produttori locali di kiwi
20/01 1484922780 Coppa Italia Under 21, Mirafin travolta dal Pescara
20/01 1484922720 Latina, Gran Galà del Ciclismo: solidarietà per i pastori terremotati
20/01 1484921580 Pomezia, alla Caritas di San Benedetto si raccolgono prodotti per i terremotati
20/01 1484921280 Buenaonda, preso il portiere classe '94 Marco Luciano
20/01 1484919840 Lavori Acqualatina da 1,6 milioni a Cisterna: ecco le restrizioni al traffico
20/01 1484918160 Settimana della ricerca, la scuola media di Doganella in prima linea con l'Airc
20/01 1484917560 Il mondo dell'associazionismo di Aprilia in lutto: addio a Ettore Formosa
20/01 1484916420 Nuovo asfalto sulla Laurentina, disagi e chiusure fino a fine febbraio
20/01 1484912100 Castel Gandolfo: il Pd sostiene la ricandidatura del Sindaco Milvia Monachesi
20/01 1484911980 Velletri: chiesti più controlli per tutelare i produttori locali di kiwi giallo
20/01 1484911800 Racing Roma, Pezone si regala Domenico Rocchino e Andrea Loliva
20/01 1484910660 La Polizia Locale di Pomezia celebra San Sebastiano e premia cinque Vigili