[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Anche a Latina alcuni casi di minori

Il trucco dei giovani disperati d’Egitto. Così ottengono il ricongiungimento

Hanno tra i 16 e i 17 anni, provengono dall’Egitto e si presentano in questura accompagnati da alcuni conoscenti che li aiutano ad interfacciarsi  con gli agenti. Sono i nuovi disperati del sud del mondo, che la legge definisce “minori non accompagnati”. 
A Latina, da novembre, si sono verificati tre casi del genere. Uno il nove di quel mese, il secondo dodici giorni dopo e l’ultimo il 3 gennaio scorso. Una volta identificati, gli agenti della squadra volante hanno provveduto ad accompagnare i giovani in una casa famiglia di Cori dove i minori vengono ospitati fino a quando non si riescano a rintracciare i genitori. Cosa che difficilmente avviene in breve tempo visto che spesso anche i genitori di questi giovani hanno abbandonato il proprio Paese d’origine. 
Come questi minori siano arrivati fino nel capoluogo pontino è difficile dirlo. I loro racconti sono molto simili: dichiarano di essere sbarcati qualche settimana prima in Sicilia e di essere subito fuggiti per non essere rinchiusi nei centri di prima accoglienza dove il rischio di espulsione ma anche di reclusione forzata per mesi è alto. Poi avrebbero peregrinato per l’Italia prima di raggiungere il capoluogo dove si sarebbero incontrati con alcuni connazionali. 
La realtà sembra però un’altra e verrebbe dimostrata dal trend registrato in tutto il Paese: in molti piccoli capoluoghi di provincia dove la comunità straniera, non solo egiziana, è ben radicata, si evidenzia un aumento di richieste di ospitalità come quelle effettuate a Latina. Più che meta di un vagabondaggio, quindi, il capoluogo pontino, come gli altri centri, pare essere più un punto di arrivo di un viaggio organizzato che si insinua nelle pieghe di una normativa molto complessa che se da una parte ha reso più difficile l’ingresso dei cosiddetti immigrati economici dall’altra rende più semplice il ricongiungimento di minori non accompagnati con i loro familiari. 
Il dato dell’aumento delle richieste di ospitalità da parte di minori non accompagnati, infatti, diventa più significativo se letto insieme all’aumento delle richieste per il ricongiungimento familiare effettuate da neo maggiorenni nei confronti dei genitori che ha raggiunto, nel 2015, l’8% delle richieste totali. Richieste che provengono, nella quasi totalità dei casi, da ragazzi ospitati nelle case famiglia per alcuni mesi. L’ospitalità in questi centri, insomma, rischia di trasformarsi in un escamotage per aggirare gli ostacoli all’ingresso nell’Unione Euopea per quei cittadini che non posseggono i requisiti per richiedere lo status di rifugiato. Un escamotage molto costoso visto che, come dimostrato dalla determinazione dell’area welfare del Comune di Latina che elenca i casi su descritti, ospitare un minore costa circa 76 euro al giorno. Denaro che viene sborsato quasi del tutto dal Comune visto che il ministero partecipa in minima parte alla spesa, effettuando rimborsi che arrivano al massimo a 20 euro al giorno e solo per i ragazzi che sostano in una singola struttura per almeno 10 giorni.

Tags: latina  minori  ospitalit 


Articoli Correlati:

2015 Latina, la storia Genitori chiedono che i figli siano trasferiti in una struttura di accoglienza Una storia complicata quella che vede protagonisti dei minori trasferiti presso una struttura di accoglienza ...
2014 Al lavoro su minori con problematiche Latina: l'associazione Pontireti Onlus avvia corsi di formazione per i volontari L’associazione Pontireti onlus avvia dei corsi di formazione per volontari. Pontireti onlus, nata nel 2003, ...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
13:36 1490445360 Violenta rissa al Borgo medievale di Nettuno, la rabbia dei residenti esasperati
13:34 1490445240 Una delle due auto non si ferma col rosso, l'auto si schianta sul muro
11:00 1490436000 Mancano gli addetti alla raccolta differenziata, ci pensano i Vigili Urbani
10:39 1490434740 Crolla il tetto dove era salito per recuperare il pallone: grave un ragazzino
10:02 1490432520 Riparati i giochi vandalizzati, dito puntato sulle telecamere "inefficienti"
10:01 1490432460 Appalto mense ad Anzio, la consigliera Bonafoni: “Viva preoccupazione”
09:27 1490430420 Voli low cost a Latina invece che a Ciampino: (ri)proposto l'Aeroporto pontino
09:16 1490429760 Il Comune di Latina licenzi i due funzionari coinvolti nell'inchiesta Olimpia
08:59 1490428740 Necropolis, mezza ex Giunta di Ardea alla sbarra: udienza rinviata a luglio
08:35 1490427300 Cercava asparagi, trova un cadavere incaprettato e incappucciato
24/03 1490380020 Antonio Tombolillo eletto nuovo Presidente dell'Avis di Latina
24/03 1490379540 Il ritratto di Papa Gregorio XIII (XVI sec.) da Frascati al Giappone
24/03 1490378580 L’assessore Sanetti diventa mamma, gli auguri della Giunta di Nettuno
24/03 1490378340 Serata primavera ad Anzio, l'assessore Laura Nolfi: “Sono disgustata”
24/03 1490378100 Operazione di Polizia a Scacciapensieri, controlli su delle famiglie straniere
24/03 1490374920 Latina, mazza ferrata e coltellaccio in macchina: denunciato un 44enne
24/03 1490374500 Latina Scalo, alunni della Manuzio in visita al comando provinciale Carabinieri
24/03 1490374320 Addio Latina Ambiente, i rifiuti saranno gestiti da un'Azienda speciale
24/03 1490373060 Vittoria del Comune di Cori: il Tar blocca la nuova cava di calcare
24/03 1490370660 Frascati, ok al nuovo gemellaggio con la città russa di Obninsk
24/03 1490368320 Commissario per presunti abusi della consigliera M5S, ricorso respinto dal Tar
24/03 1490366940 Fiorucci: sì dei lavoratori all'accordo con la ditta. Licenziamenti scongiurati
24/03 1490366700 Caso Cervia, quella misteriosa visita al negozio della figlia
24/03 1490366640 Mamme dei Castelli e pontine presentano l'indagine sulla donazione del cordone
24/03 1490366040 «Le intimidazioni? Un attacco dall’interno». Parla il vicesindaco di Anzio