[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Anche a Latina alcuni casi di minori

Il trucco dei giovani disperati d’Egitto. Così ottengono il ricongiungimento

Hanno tra i 16 e i 17 anni, provengono dall’Egitto e si presentano in questura accompagnati da alcuni conoscenti che li aiutano ad interfacciarsi  con gli agenti. Sono i nuovi disperati del sud del mondo, che la legge definisce “minori non accompagnati”. 
A Latina, da novembre, si sono verificati tre casi del genere. Uno il nove di quel mese, il secondo dodici giorni dopo e l’ultimo il 3 gennaio scorso. Una volta identificati, gli agenti della squadra volante hanno provveduto ad accompagnare i giovani in una casa famiglia di Cori dove i minori vengono ospitati fino a quando non si riescano a rintracciare i genitori. Cosa che difficilmente avviene in breve tempo visto che spesso anche i genitori di questi giovani hanno abbandonato il proprio Paese d’origine. 
Come questi minori siano arrivati fino nel capoluogo pontino è difficile dirlo. I loro racconti sono molto simili: dichiarano di essere sbarcati qualche settimana prima in Sicilia e di essere subito fuggiti per non essere rinchiusi nei centri di prima accoglienza dove il rischio di espulsione ma anche di reclusione forzata per mesi è alto. Poi avrebbero peregrinato per l’Italia prima di raggiungere il capoluogo dove si sarebbero incontrati con alcuni connazionali. 
La realtà sembra però un’altra e verrebbe dimostrata dal trend registrato in tutto il Paese: in molti piccoli capoluoghi di provincia dove la comunità straniera, non solo egiziana, è ben radicata, si evidenzia un aumento di richieste di ospitalità come quelle effettuate a Latina. Più che meta di un vagabondaggio, quindi, il capoluogo pontino, come gli altri centri, pare essere più un punto di arrivo di un viaggio organizzato che si insinua nelle pieghe di una normativa molto complessa che se da una parte ha reso più difficile l’ingresso dei cosiddetti immigrati economici dall’altra rende più semplice il ricongiungimento di minori non accompagnati con i loro familiari. 
Il dato dell’aumento delle richieste di ospitalità da parte di minori non accompagnati, infatti, diventa più significativo se letto insieme all’aumento delle richieste per il ricongiungimento familiare effettuate da neo maggiorenni nei confronti dei genitori che ha raggiunto, nel 2015, l’8% delle richieste totali. Richieste che provengono, nella quasi totalità dei casi, da ragazzi ospitati nelle case famiglia per alcuni mesi. L’ospitalità in questi centri, insomma, rischia di trasformarsi in un escamotage per aggirare gli ostacoli all’ingresso nell’Unione Euopea per quei cittadini che non posseggono i requisiti per richiedere lo status di rifugiato. Un escamotage molto costoso visto che, come dimostrato dalla determinazione dell’area welfare del Comune di Latina che elenca i casi su descritti, ospitare un minore costa circa 76 euro al giorno. Denaro che viene sborsato quasi del tutto dal Comune visto che il ministero partecipa in minima parte alla spesa, effettuando rimborsi che arrivano al massimo a 20 euro al giorno e solo per i ragazzi che sostano in una singola struttura per almeno 10 giorni.

Tags: latina  minori  ospitalit 


Articoli Correlati:

2015 Latina, la storia Genitori chiedono che i figli siano trasferiti in una struttura di accoglienza Una storia complicata quella che vede protagonisti dei minori trasferiti presso una struttura di accoglienza ...
2014 Al lavoro su minori con problematiche Latina: l'associazione Pontireti Onlus avvia corsi di formazione per i volontari L’associazione Pontireti onlus avvia dei corsi di formazione per volontari. Pontireti onlus, nata nel 2003, ...
[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
19:03 1488218580 Il nuovo assessore alle finanze a Genzano punta sulla lotta all'evasione fiscale
18:53 1488217980 Tanti bambini e divertimento alla sfilata dei carri di carnevale a Sermoneta
18:02 1488214920 Cisterna si riempie di allegria: il carnevale senza carri è un successo!
18:01 1488214860 Torna a Nemi la seconda edizione della corsa Trial del Bosco Sacro
17:52 1488214320 Si scaglia contro gli Agenti, poliziotto costretto a usare la bomboletta spray
17:39 1488213540 Latina, fratelli pusher arrestati dalla Mobile: in casa hashish e soldi
17:19 1488212340 Mancini presenta il fallimento pilotato: «Salvare il Latina conviene a tutti!»
17:00 1488211200 Latina, studenti sul palco del Ponchielli raccontano il viaggio della Memoria
15:00 1488204000 Le prostitute appendono il "prezzario" del sesso: i clienti sfidano i controlli
14:17 1488201420 La Polizia Locale di Aprilia salva una donna colpita da malore in casa
14:08 1488200880 Riprendono i lavori al fiume Sisto, finanziati dalla Regione Lazio
12:37 1488195420 Pallanuoto, Promozione. Roman Sport City, un altro pareggio
11:54 1488192840 Ingerisce veleno per topi, bimbo di 2 anni di Anzio soccorso con l’eliambulanza
08:50 1488181800 L’abbraccio di Pontinia al Cardinale Renato Raffaele Martino
08:02 1488178920 Espulso un altro tunisino da Aprilia in contatto con l'attentatore di Berlino
07:47 1488178020 Shopping con le banconote false: due stranieri in manette a Castel Romano
26/02 1488143700 Serie C Gold, Virtus Basket Aprilia di forza sull’APDB Roma
26/02 1488141840 E' grande Aprilia al Comunale di Via Varrone
26/02 1488138660 San Severo Amara per l’Anzio Calcio
26/02 1488136260 Serie B. Mirafin, con il Saviano un pari che va stretto
26/02 1488134520 Serie D femminile. Atletico Anziolavinio, 10 giorni fantastici
26/02 1488133020 Serie C2. Penta Pomezia travolto dall'Eagles Aprilia
26/02 1488131640 Serie C2. Città di Anzio, 3 punti per i play off
26/02 1488124020 Preso a cazzotti in mezzo alla Pontina per un mancato sorpasso
26/02 1488122820 Sermoneta, domani la festa di Carnevale con la sfilata dei carri