[X]
  [X]
Sfoglia Settimanale

Intanto l'economia "sommersa" avanza

In Italia la pressione fiscale (per le aziende oneste) sfonda il tetto del 50% FOTO

<
>
Dati Istat sulla pressione fiscale in Italia dal 2001 al 2013
Dati Istat sulla pressione fiscale in Italia dal 2001 al 2013

Mentre l’economia del nostro Paese arranca, quella riconducibile alle attività in nero e alla criminalità organizzata, che assieme compongono l’economia non osservata, invece, non conosce battute d’arresto.

L’economia illegale aumenta, quella legale diminuisce
Se tra il 2011 e il 2013 l’economia sommersa e quella illegale sono aumentate di 4,85 miliardi di euro, arrivando a toccare i 207,3 miliardi di euro nel 2013 (pari al 12,9 per cento del Pil), quella al netto dell’economia non osservata è diminuita di 36,8 miliardi di euro, scendendo sotto quota 1.400 miliardi di euro. 
Se in via estremamente prudenziale si ipotizza, così come ha fatto l’Ufficio studi della CGIA, che l’incidenza percentuale dell’economia non osservata sul Pil sia rimasta la stessa anche nel biennio successivo al 2013, gli artigiani mestrini hanno stimato in quasi 211 miliardi di euro il “contributo” che questa economia “grigia” ha dato al Pil nazionale nel 2015. Questo aspetto, ovviamente, ha degli effetti molto importanti anche sul fronte fiscale.
 
La ‘vera’ pressione fiscale
“Nel 2015 – sottolinea il coordinatore dell’Ufficio studi Paolo Zabeo – al lordo dell’operazione bonus Renzi, la pressione fiscale ufficiale in Italia è stata pari al 43,7 per cento. Tuttavia, il peso complessivo che il contribuente onesto sopporta è di fatto superiore ed è arrivato a toccare la quota record del 50,2 per cento”.
Il segretario, Renato Mason, dichiara: “È evidente che con un peso fiscale simile sarà difficile trovare lo slancio per ridare fiato all’economia del paese in una fase dove la crescita rimane ancora molto debole e incerta”.
 
Attività sommerse e illegali
Ricordiamo che la pressione fiscale è data dal rapporto tra l’ammontare complessivo del prelievo (imposte, tasse, tributi e contributi previdenziali) e il Prodotto interno lordo (Pil) che si riferisce non solo alla ricchezza prodotta in un anno dalle attività regolari, ma anche da quella “generata” dalle attività sommerse (cioè non in regola con il fisco) e da quelle illegali che consistono in uno scambio volontario tra soggetti economici (contrabbando, prostituzione, traffico di sostanze stupefacenti).
Come abbiamo avuto modo di anticipare più sopra, l’ultimo dato disponibile è riferito al 2013, quando l’economia non osservata ammontava a 207,3 miliardi di euro (pari al 12,9 per cento del Pil). Ipotizzando in via prudenziale che nel 2014 e 2015 l’incidenza dell’economia non osservata sul Pil sia rimasta la stessa, si può attualizzare questa stima e affermare che il suo importo nel 2015 abbia sfiorato i 211 miliardi di euro.

Gli onesti danno  allo Stato più della metà dei ricavi
Grazie a quest’ultimo dato, possiamo misurare quanta parte del Pil sia riconducibile esclusivamente all’economia regolare, visto che per sua natura la quota prodotta dall’economia irregolare non produce alcun gettito.
Quindi, al fine di avere una maggiore percezione dello sforzo fiscale a cui sono sottoposti i contribuenti italiani, è utile ricalcolare la pressione fiscale, ponendo in rapporto le entrate fiscali con il Pil “alleggerito” della parte riconducibile al sommerso economico e alle attività illegali (211 miliardi circa).
Ebbene, questo nuovo risultato, ovvero la pressione fiscale reale, balza al 50,2 per cento

 

COS'È LA PRESSIONE FISCALE
La pressione fiscale è il rapporto tra il prodotto Interno Lordo (PIL), cioè la ricchezza prodotta in Italia, e il gettito fiscale, cioè l'ammontare delle seguenti imposte: imposte dirette, imposte indirette, imposte in conto capitale e contributi obbligatori per le assicurazioni obbligatorie che i lavoratori e i datori di lavoro o i lavoratori autonomi versano agli enti previdenziali per il finanziamento dei sistemi pensionistici obbligatori.
In pratica, quindi, la pressione fiscale evidenza la quota di ricchezza prodotta dal Paese che va a finire nelle 'mani' dello Stato italiano.
Lo Stato la calcola tenendo presente anche entrate sommerse e illegali, come evasione, prostituzione, droga, contrabbando. In questo modo dichiara una pressione fiscale poco sopra il 40%, mentre in realtà le aziende oneste pagano più del 50%.


[ ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER ]
ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
18:21 1506097260 Giovanni Zappalà da Anzio tra i 9 finalisti di Rds Academy su 3.000 candidati
17:59 1506095940 Parole e musica... appunti sull'anima: Ardea celebra Califano nella casa museo
17:48 1506095280 Due auto si scontrano e bloccano la Pontina in direzione Latina
17:40 1506094800 Il Consiglio di Stato dà ragione a Rida: sull’organico si discuta nel merito
17:10 1506093000 Incidente al "solito" incrocio della Nettunense: traffico in tilt
16:45 1506091500 Lavori in corso al parco Rielasingen-Worblingen di Ardea: chiuso
16:07 1506089220 Carica Unipomezia: a Ciampino per vincere
15:51 1506088260 L'Airone Calcio prepara la trasferta di Frascati. Oliva: "devono temerci"
14:55 1506084900 Ardea, feroce lite tra consigliere M5S e cittadino fuori dall'aula consiliare
14:15 1506082500 Allarme olio in calo: a Latina e Frosinone si prevede una perdita da 60mln
14:04 1506081840 Casa della musica a Latina: arriva il finanziamento da 2 milioni di euro
13:53 1506081180 Gli studenti di Latina si improvvisano giardinieri del Comune
13:44 1506080640 Piano anti aggressioni sui treni e nelle ferrovie: arrivano i tornelli
12:36 1506076560 Da ieri al lavoro per mettere in sicurezza una facciata pericolante a Genzano
12:33 1506076380 Auto rubate e targhe contraffatte a Nettuno, l’indagine della Polizia locale
11:18 1506071880 Si è insediato il capitano Rapone, nuovo comandante dei Carabinieri di Frascati
11:15 1506071700 Bovini infetti, revocata l'ordinanza anticarbonchio in località Molara
11:11 1506071460 Primo caso di Chikungunya a Grottaferrata, predisposte nuove disinfestazioni
11:05 1506071100 Comune di Albano e Vigili Urbani presenti a "Le giornate della Polizia Locale"
11:00 1506070800 Ad Ariccia inizia la stagione concertistica dell'Accademia degli Sfaccendati
10:53 1506070380 Caos ticket mensa, Di Muro: «lavoriamo tutto il giorno per risolvere»
10:30 1506069000 Nuovo ricorso dei Comitati contro il progetto della Roma-Latina
10:22 1506068520 Caos alla scuola di via Cavour, risorteggiati i bambini, le mamme vanno via
10:18 1506068280 Alberghiero chiuso a Lavinio, studenti prendono il bus vicino alle prostitute
10:15 1506068100 Fontane chiuse e poi riaperte a Ciampino, i cittadini possono stare tranquilli